Resta sintonizzato

Attualità

ll Giro d’Italia arriva a Napoli con la 6° tappa

Pubblicato

il

La sesta tappa del giro d’Italia 2023 sarà la Napoli-Napoli e sarà la più bella del mondo perché passerà tra luoghi splendidi come Napoli, Ercolano, Pompei, Portici, Sorrento, Sant’Agata sui due golfi e tanti altri posti splendidi dell’area metropolitana di Napoli. Mercoledì 11 maggio un appuntamento sportivo da non perdere per il Giro d’Italia che arriverà a Napoli per la 46ª volta.

Mercoledì 11 maggio 2023 a Napoli ci sarà un’altra grande festa dello sport dopo quella per lo scudetto perché la città sarà protagonista della sesta tappa del Giro d’Italia 2023, la Napoli-Napoli da tanti definita la più bella del mondo. La città e l’intera area metropolitana saranno attraversati dalla carovana del giro d’Italia e le immagini faranno il giro del mondo, come già accaduto lo scorso anno. La Napoli – Napoli 2023 sarà una gara breve ma intensa, con 162 km di percorso ed un dislivello di 2.800 metri passando per i paesi Vesuviani, per il Nolano e per la Costiera Amalfitana. La corsa partirà da Napoli e finirà a Napoli, con l’attraversamento di ben 22 comuni che saranno attraversati dalla grande carovana del Giro d’Italia 2023 che sono Boscoreale, Castellammare di Stabia, Cercola, Ercolano, Massa Lubrense, Meta, Ottaviano, Piano di Sorrento, Pollena Trocchia, Pompei, Portici, San Giorgio a Cremano, San Giuseppe Vesuviano, Sant’Agnello, Sant’Anastasia, Sant’Antonio Abate, Somma Vesuviana, Sorrento, Terzigno, Torre Annunziata, Torre del Greco e Vico Equense.

Il giro partirà in mattinata da piazza Plebiscito e proseguirà per via Cesario Console, via Nazario Sauro, via Ammiraglio Ferdinando Acton, via Cristoforo Colombo, via Nuova Marina, via Amerigo Vespucci, via Alessandro Volta, via Reggia di Portici, via Emanuele Gianturco, via Galileo Ferraris, via Galileo Ferraris (contromano), rampa via Argine (contromano), via Argine, serie rotatorie via Argine (km 0 in prossimità del confine con il comune di Cercola) e poi proseguirà verso la costa vesuviana e sorrentina. Rientrerà poi in città da via Amerigo Vespucci, via Nuova Marina fino al lungomare. Durante la tappa che partirà da Napoli e finirà a Napoli, ci saranno due traguardi volanti il primo a Sant’Antonio Abate, il secondo a Sorrento ma i corridori non si fermeranno e poi ci saranno anche due premi da conquistare, i famosi gran premi della montagna, il primo sarà al Valico di Chiunzi, a 683 metri d’altezza mentre il secondo sarà in località Picco Sant’Angelo a Sant’Agata dei Due Golfi, a 469 metri. Una tappa splendida la Napoli-Napoli che sarà seguita in tutto il mondo in Tv.

Attualità

Campi Flegrei, Commissione Grandi Rischi: “Le scosse potrebbero aumentare da settimana prossima”

Pubblicato

il

“Nella giornata di ieri si è riunita la Commissione Grandi Rischi – Settore Rischio Vulcanico, che ha raccomandato di mantenere alta l’attenzione sulle attività di monitoraggio del vulcano e sulle misure di prevenzione e mitigazione del rischio. Sebbene non si riscontrino elementi che suggeriscano una migrazione del magma verso livelli più superficiali, l’analisi dei dati multi-parametrici evidenzia la prosecuzione dell’intensificazione del fenomeno bradisismico. L’inasprimento della crisi in atto richiede, dunque, verifiche frequenti dello stato del vulcano. La commissione evidenzia inoltre che l’attività sismica potrà proseguire o incrementarsi nelle prossime settimane. Allo stato attuale permane il livello di allerta gialla”.

A riportarlo è la Protezione Civile con una nota sul suo sito istituzionale.

Continua a leggere

Attualità

32 anni dalla strage di Capaci, Sergio Mattarella: “La mafia è destinata a finire”

Pubblicato

il

Come sostenevano Falcone e Borsellino, la Repubblica ha dimostrato che la mafia può essere sconfitta e che è destinata a finire. L’impegno nel combatterla non viene mai meno. I tentativi di inquinamento della società civile, le intimidazioni nei confronti degli operatori economici, sono sempre in agguato. La Giornata della legalità che si celebra vuole essere il segno di una responsabilità comune”.
Lo dice il capo dello Stato Sergio Mattarella in un messaggio nel 32° anniversario della strage di Capaci.

Continua a leggere

Attualità

Campi Flegrei, il ministro Musumeci: “Chi vive lì sapeva i rischi”

Pubblicato

il

Per la messa in sicurezza dei Campi Flegrei ci vorrano oltre 500 milioni di euro.
Le scuole avranno la priorità. Il Governo studia poi l’ipotesi di sostenere chi vuole trasferirsi altrove, escludendo il ricorso al sisma-bonus.
Lo ha riferito il ministro per la Protezione civile, Nello Musumeci, al termine del vertice a Palazzo Chigi presieduto dalla Premier Giorgia Meloni.

“Ma chi ha scelto di vivere lì – ha sottolineato Musumeci – sapeva che era un’area difficile. Serve una convivenza vigile col pericolo. Se decidi di stare in quel luogo ci devi aiutare a promuovere una convivenza responsabile con una maggiore consapevolezza”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy