Resta sintonizzato

Cronaca

Poliziotto si toglie la vita con la pistola d’ordinanza: i particolari

Pubblicato

il

Choc in questura, dove un poliziotto della PS originario di Palmi (RC), si è tolto la vita con la pistola d’ordinanza. In particolare, il cadavere è stato rinvenuto nella sua stanza dai colleghi, i quali hanno trovato anche una lettera lasciata dall’agente di Polizia.

Ecco il comunicato del Libero Sindacato di Polizia:

“Signor Ministro dell’Interno, è una strage senza precedenti i cui numeri lasciano sgomento. Cosa hanno fatto i vertici del Ministero dell’Interno per arrestare l’onda suicida nella Polizia di Stato? Signor Ministro, più volte il Libero sindacato di Polizia (LI.SI.PO.), ha sollecitato i vertici del Ministero dell’Interno sulla necessita di istituire, presso tutti gli Uffici di Polizia, un pool di psicologi a stretto contatto con gli operatori di Polizia in tutti gli uffici e/o posti di lavoro, in modo tale da intervenire per tempo su qualsiasi situazione sospetta che l’appartenente alla Polizia di Stato stesse vivendo, assicurando così allo stesso modo il necessario supporto, al fine di evitare il verificarsi di qualsiasi atto drammatico.

Ebbene, signor Ministro, contrariamente a quanto più volte evidenziato, i vertici del Ministero dell’Interno hanno diramato una circolare a firma del Capo della Polizia avente per oggetto: iniziative di sensibilizzazione sulla prevenzione del disagio negli operatori della Polizia di Stato. Nella predetta circolare viene riportato: ‘è emersa l’esigenza di pianificare un ciclo di seminari sulla prevenzione del disagio e la promozione del benessere psicologico nel personale della Polizia di Stato, con focus sul fenomeno suicidario”.

Poi, prosegue: “Ce lo lasci dire signor Ministro (acqua fresca …). A parere di questa organizzazione sindacale non vi è peggior sordo di chi non vuol sentire … Signor Ministro, i seminari non sono la soluzione alla delicata problematica che ha causato tantissime vittime. La strada da percorrere passa attraverso l’assegnazione di psicologi presso gli uffici provinciali della Polizia di Stato. Ovviamente, questa scelta comporta dei costi, mentre i seminari sono quasi a costo zero … A tal riguardo il LI.SI.PO. è del parere che sulla vita delle persone non si deve badare al risparmio!!! Al riguardo, il LI.SI.PO. rivolge un caloroso appello a Lei signor Ministro dell’Interno, finalizzato ad evitare l’istituzione dei seminari, che a nostro parere non risolverebbero l’annoso problema, ed a prendere in considerazione la proposta più volte formulata o ad individuare una soluzione ancor più efficace di quella prospettata. Signor Ministro dell’Interno, troppe mamme, troppe mogli e troppi figli piangono gli appartenenti della Polizia di Stato che si sono suicidati e sconoscono le cause che hanno trascinato i propri cari a compiere il drammatico gesto”.

Castel Volturno

Tremendo incidente sull’Asse Mediano: 1 morto e 1 ferito gravissimo

Pubblicato

il

Stamattina, si è consumata l’ennesima tragedia lungo l’Asse mediano, in direzione Lago Patria: due scooter sono stati coinvolti da un incidente stradale rivelatosi mortale per uno dei due conducenti, l’altro versa in condizioni gravissime (ci sono alcune agenzie di stampa che ne hanno annunciato il decesso).

L’impatto è avvenuto all’altezza del chilometro 3.250, secondo quanto riporta l’Anas.
Sul posto è presente personale di Anas e delle Forze dell’Ordine, per la gestione dell’evento ed il ripristino della regolare circolazione in tempi brevi.

Continua a leggere

Cronaca

Sangue nell’agrigentino, uomo accoltella moglie e figli al culmine di una lite: arrestato

Pubblicato

il

Un vero e proprio dramma quello avvenuto a Cianciana, in provincia di Agrigento, dove una violenta lite familiare è sfociata nel sangue.

Secondo una prima ricostruzione, un uomo di 35 anni avrebbe accoltellato la moglie e il figlio di sette anni e tenuto con sé la figlia più piccola, barricandosi in casa prima di arrendersi ai carabinieri.

Infatti essi sono prima riusciti a convincerlo a consegnare la piccola, per poi trasportare lei e il fratello all’ospedale dei bambini di Palermo per le cure del caso. Ora la bambina è intubata e con un’emorragia cerebrale, sottoposta ad un delicatissimo intervento chirurgico per una coltellata che il padre le avrebbe inferto al torace.

Invece il figlio maggiore è anch’egli in gravi condizioni per alcuni fendenti all’addome e al torace. Infine la madre, di origini polacche, è ricoverata nel vicino ospedale di Ribera, dov’è stata operata e dichiarata dai medici fuori pericolo di vita.

Per quanto riguarda l’uomo, egli si è consegnato di sua spontanea volontà, venendo arrestato per maltrattamenti in famiglia. Pertanto la lite sarebbe scoppiata a seguito della decisione della moglie di volersi separare, che vedrà ora l’uomo doversi difendere dalle accuse di tentato omicidio plurimo e lesioni gravissime.

Continua a leggere

Cronaca

Roma, niente da fare per l’anziana ferita ieri in una sparatoria: aveva 81 anni

Pubblicato

il

Non c’è stato nulla da fare per Caterina Ciurleo, la pensionata di 81 anni ferita alla schiena nel pomeriggio di ieri da un proiettile vagante durante una sparatoria.

La donna si trovava di fronte al centro commerciale di via Don Primo Mazzolari, al Villaggio Prenestino a Roma. Purtroppo l’anziana è deceduta questa mattina presso il Policlinico di Tor Vergata dov’era ricoverata e dov’è stata sottoposta a due interventi chirurgici.

Intanto la Polizia indaga a caccia dei responsabili, fuggiti dopo la sparatoria.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy