Resta sintonizzato

Calcio

Clausola da pagare, l’avvocato del Napoli, in sole 24 Ore chiariscono i contenuti della clausola

Pubblicato

il

Luciano Spalletti o la Figc per lui deve pagare al Napoli – se vuole allenare la Nazionale a partire da prima dell’estate 2024 – la clausola, che ad oggi ammonta a 2,750 milioni di euro. È quanto ha spiegato al Sole 24 ore l’avvocato del Napoli, Mattia Grassani. “Spalletti si era impegnato – spiega il legale – a non allenare nessuna squadra di club e nessuna nazionale fino al 30 giugno 2024”. Un patto che quindi non sarebbe, secondo Grassani, di “non concorrenza”.

Grassani ha ricostruito la vicenda dell’allenatore toscano. “Spalletti, sul finire della stagione 2022/2023, ha chiesto pubblicamente di essere liberato in anticipo dal contratto di prestazione sportiva e dall’accordo sui diritti di immagine in scadenza al termine della stagione 2023/2024. In buona sostanza, nella stagione 2023/2024, non intendeva più allenare, tanto che si sarebbe preso un anno sabbatico. Il Napoli vi ha acconsentito, previa condivisione delle parti e dei rispettivi legali, un verbale di conciliazione molto articolato, con il quale De Laurentiis rinuncia ad avanzare ogni pretesa risarcitoria, a condizione della fissazione di un corrispettivo in caso di diverse determinazioni del tecnico, successive alla risoluzione consensuale, circostanza che ha avuto un peso determinante per ottenere il consenso del club. Non mi sembra proprio si possa configurare di patto di non concorrenza né di questo si parla nell’accordo. Nessun limite semplicemente la penale matura qualora il tecnico, in Italia o all’estero, torni ad allenare formazioni di club o rappresentative nazionali entro il 30 giugno 2024. Tale passaggio è stato chiaramente voluto ed accettato del tecnico”.

“La concorrenza in questo caso non viene in considerazione perché la causa e le motivazioni che hanno spinto le parti a perfezionare questo accordo sono altre – aggiunge Grassani – il tecnico aveva un contratto di prestazione sportiva e di immagine con il Napoli valido per un altro anno ma ha comunicato di non volerlo onorare sino alla naturale scadenza ed il presidente De Laurentiis, per assecondare quella che sembrava una esigenza personale, ha acconsentito a liberarlo solo previo inserimento della penale in caso di cambio di rotta di Spalletti nella stagione 2023/2024”.

Calcio

Il Napoli pronto a chiudere per l’erede di Osimhen: è il canadese Jonathan David

Pubblicato

il

Il Napoli sembra aver trovato l’erede di Victor Osimhen. Almeno questo è quanto trapela da ambienti vicini al club partenopeo, con il futuro Ds Manna già operativo e pronto a chiudere il primo colpo della sua gestione.

Si tratta dell’attaccante canadese del Lille Jonathan David, per il quale il club francese chiede non meno di 50 milioni, vista anche la folta concorrenza sul classe 2000, che però avrebbe già detto sì al progetto del Napoli.

Infatti il presidente De Laurentiis è pronto a triplicargli l’ingaggio per le prossime 5 stagioni, mettendo a disposizione dei suoi uomini mercato la cifra di 35 milioni di euro più bonus per convincere i francesi a farlo partire, contando anche sui buoni rapporti che intercorrono tra le due società.

Tuttavia bisognerà prima cedere Osimhen al miglior offerente, ma questo non sembra essere un problema poiché il bomber nigeriano è già conteso da alcuni club di premier e dal Psg, pronti a tutto per assicurarsi le sue prestazioni.

Continua a leggere

Calcio

Morte Mattia Giani, aperta inchiesta per omicidio colposo

Pubblicato

il

La Procura della Repubblica di Firenze indaga sul reato di omicidio colposo per la morte di Mattia Giani, il ventiseienne deceduto lunedì scorso dopo aver accusato, domenica 14 aprile, un malore durante la partita del suo Castelfiorentino contro il Lanciotto.
Il registro degli indagati è al momento vuoto.
Il Pubblico Ministero Giuseppe Ledda ha disposto l’autopsia entro venerdì 19.

Continua a leggere

Attualità

Piazza Mercato: al via il primo torneo di “Calcio di Strada”

Pubblicato

il

È stato inaugurato il primo torneo di “Calcio di Strada” a Napoli, in quel di piazza del Carmine. Luogo non casuale visti i precedenti: per anni, palcoscenico di partite notturne tra quartieri, con tanto di scommesse clandestine.
A dare il via al primo giro di palla sul manto asfaltato è stato l’arbitro internazionale Fabio Maresca. A promuovere l’evento dall’associazione ASSO.GIO.CA., i cui membri – perlopiù ragazzi – hanno sventolato una mastodontica bandiera della pace.
“Siamo da sempre accanto ai minori a rischio per prevenire illegalità e criminalità giovanile. Pensiamo che giocare per strada possa essere il modo migliore per far comprendere che si vince solo giocando di squadra: vale nello sport come nella vita.”, spiega Gianfranco Wurzburger, presidente di ASSO.GIO.CA.

L’evento è nato d’intesa con l’Arcidiocesi di Napoli, “l’Altra Napoli” e “Noi oratori Napoli”, e ha ottenuto il patrocinio del Comune di Napoli, del Coni Campania e della II Municipalità.

Il campetto (smontabile) resterà in dotazione all’ASSO.GIO.CA. e sarà utilizzato per eventi itineranti lungo tutta la città di Napoli, così come annunciato dal Wurzburger.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy