Resta sintonizzato

Attualità

Nocera Inferiore, tre assessori si dimettono dopo lo scandalo Social Card: i particolari

Pubblicato

il

Un vero e proprio scandalo quello che ha investito tre assessori del comune di Nocera Inferiore, nel Salernitano, i quali percepivano la Carta Acquisti 2023 da 382,50 euro nonostante il diritto all’indennità di carica.

In particolare, il sindaco Paolo De Maio aveva respinto le dimissioni dei tre: Mimma Lamberti, Renato Guerritore e il vice sindaco Umberto Iannotti. Inoltre, il primo cittadino aveva dichiarato che si trattava di una leggerezza e per questo li avrebbe difesi.

Tuttavia, a distanza di pochi giorni, sono arrivate le dimissioni dei tre assessori coinvolti, i quali hanno così parlato al sindaco.

Ecco la lettera di Umberto Iannotti al sindaco:

“Caro Paolo, è stato un onore per me servire la città di Nocera Inferiore, prima da Consigliere Comunale e poi da Vice Sindaco, ma il mio percorso amministrativo termina qui. Ho lavorato giorno e notte, ho sacrificato la mia famiglia, i miei figli e il mio lavoro per servire la mia città, spero nel migliore dei modi.  L’odio sociale che ha travolto la nostra città ha prevalso su tutto ciò che di buono è stato fatto in questi 439 giorni. Hanno infangato il mio nome, quello della mia famiglia. Mi hanno dato del furbetto, dell’evasore, dell’imbroglione senza aver commesso alcun illecito, senza aver ricevuto un avviso di garanzia e senza essere passato in un’aula di tribunale, ma solo per aver percepito un diritto riconosciuto dallo Stato. Mi hanno infangato solo per questioni di opportunità, facendo questioni di moralità. Il tempo, da gran signore, si incaricherà di dare le dovute risposte a tutti i professori di etica e di morale, ma ora è il momento che mi dedichi alla famiglia e ai miei figli. Ringrazio i Consiglieri Comunali, i colleghi di Giunta e i dipendenti tutti che mi hanno accompagnato in questo percorso. Ringrazio tutte le persone che, in questi giorni difficili, mi sono stati vicini mostrandomi solidarietà ed affetto. Grazie Paolo per la piena fiducia e la totale autonomia che mi hai garantito nello svolgimento del mio ruolo. Spero di esserne stato all’altezza”.

Invece, questa è la lettera di dimissioni di Mimma Lamberti:

“Mi dimetto per rispetto della città, di Paolo De Maio e dell’Amministrazione. Mi scuso pubblicamente con la cittadinanza, se con la mia condotta ho urtato parte dell’opinione pubblica ma mi dispiaccio che, a prescindere, si vede e si voglia vedere, nel politico di turno l’imbroglione che ha manovrato la cosa pubblica a suo piacimento. In questo caso, posso dire a voce e testa alta che non è così. Sono risultata nella lista dei beneficiari della carta Inps erogata in favore delle famiglie con Isee fino a 15000 euro e con minimo 3 persone nel nucleo familiare. Il mio reddito e gli altri requisiti coincidevano, così come la composizione del mio nucleo familiare, composto da me ed i miei due splendidi figli. Ho visto arrogarsi poteri social inquisitori e ho sentito ‘saggi’ della politica e professionisti che svolgono un ruolo attivo con i giovani parlare di incompetenze e indegnità, collegandoli al reddito presentato. Personalmente, dico a me stessa ed esorto chiunque altro a non sentirsi mai identificato con un numero che sia di un conto corrente, che sia dell’Isee. La dignità, le competenze ed il valore di una persona non sono certo dati da un numero. Ho letto e sentito parlare di valori quali correttezza e dignità, ma chi parlava o scriveva non ha incarnato questi valori.  La mia azione di ritirare la suddetta carta si è rivelata ‘inopportuna’, perché in quanto assessore ricevo già un’indennità ma la verità è anche che non ho avanzato nessuna richiesta. Ho beneficiato legittimamente di una possibilità in più per la mia famiglia riconosciuta in automatico dallo Stato. Lascio, non certo per il riconoscimento di alcuna colpa, scorrettezza o violazione ma per un sereno prosieguo della mia vita, di quello della mia famiglia e del lavoro dell’amministrazione comunale. Ringrazio il Sindaco per la fiducia, ed auguro ai miei colleghi di Giunta e a tutta l’amministrazione buon lavoro”.

Infine, arrivano le parole anche di Renato Guerritore:

“Sono oramai da giorni sottoposto ad un’indegna e scandalosa macchina del fango, che ha messo alla gogna il mio stile di vita, arrivando a sollevare dubbi sulla mia condotta come cittadino e contribuente, e finanche sulla mia dignità. Lo sciacallaggio, ai limiti della persecuzione mediatica, mi ha spinto a riflettere sul contributo che, nella situazione attuale, potrei continuare a dare all’Amministrazione della mia, della nostra comunità. Non ho sentito, in questi giorni, alcun tipo di considerazione sul mio impegno civico, sulla qualità della mia azione amministrativa, sui risultati conseguiti in quest’ultimo anno che, spero e credo, commercianti ed esercenti tutti potranno testimoniare. È proprio la mia dignità che mi spinge a riconsiderare il mio impegno, a fronte di attacchi, mai politici, mai nel merito del mio operato, ma personali. I miei detrattori paventano accuse di illegalità, di evasione fiscale, di mancanza di senso civico, di etica e di morale. Lascio ai cittadini e a chi mi conosce, come persona, come avvocato e come amministratore, le considerazioni sulla mia rettitudine e sulla mia condotta, pur ribadendo la totale correttezza delle azioni compiute finora. Non ho commesso alcun illecito, nessun fatto giuridicamente rilevante può essere riscontrato nelle mie scelte. Riconoscendo l’inopportunità della mia condotta, nella sfera solo politica, ma mai legale ed amministrativa, mi trovo qui a comunicarle, caro Sindaco, la scelta di rassegnare le mie irrevocabili dimissioni. Sono determinato in questa scelta per il profondo rispetto che nutro per le istituzioni che ho rappresentato per molti anni con disciplina e onore e che rischiano di subire l’onta dal fango dei miei detrattori, e per l’impossibilità di proseguire in qualsiasi serena azione amministrativa a causa del clima persecutorio creato in maniera squallida e strumentale. Infine, non intendo permettere ulteriori offese alla mia vita privata dal tribunale popolare, che è stato inscenato e fomentato. La ringrazio, Sindaco, per la fiducia accordatami, all’esito della mia elezione al Consiglio Comunale. Ringrazio i colleghi della Giunta, i Consiglieri Comunali tutti, in particolare la mia collega di squadra, Lisa Ruggiero, i membri della lista Nocera Solidale, nelle persone di Grazia Montoro e Sofia Russo, che mi hanno supportato fin qui, e gli elettori, che sin dalla mia prima candidatura hanno mostrato una fiducia sempre crescente nei miei confronti. Spero che questa mia scelta contribuisca a placare l’odio sociale scatenato in città e la furia delle notizie passate agli organi di stampa nazionale, sobillata da chi, poi, ha gridato allo scandalo nel vedere il nome di Nocera Inferiore in prima pagina. Spero, inoltre, che questa mia scelta non sminuisca la voglia di alcuni di marciare e protestare, augurandomi, però, che lo si possa fare per problematiche reali che riguardano la Nostra comunità e non contro le persone”.

Attualità

Una foglia di marijuana compare sulla facciata di Montecitorio, il deputato Magi: “La Germania dimostra che legalizzarla è possibile, facciamolo”

Pubblicato

il

Nel corso della serata di ieri è comparsa l’immagine di una foglia di marijuana sulla facciata di Palazzo Montecitorio, dopo che la Germania ha annunciato la legalizzazione della cannabis, mentre in Italia si sceglie di favorire la Mafia alla legalità e sicurezza.

A tal proposito il segretario di +Europa, Riccardo Magi, ha così scritto pubblicando le immagini sopracitate:

“La Germania dimostra che legalizzare la cannabis è possibile. Facciamolo: basta votare le nostre proposte di legge già depositate che vanno proprio nella direzione indicata da Berlino, e c’è la possibilità di firmare per la proposta di legge di iniziativa popolare Io Coltivo”.

Continua a leggere

Attualità

Napoli si schiera contro le guerre con una manifestazione in piazza: presenti vertici Cgil e diverse associazioni

Pubblicato

il

Napoli si schiera contro le guerre, e lo fa con una manifestazione alla quale hanno partecipato stamane Cgil e diverse associazioni che si sono incontrate a Largo Berlinguer per chiedere un immediato ‘cessate il fuoco’.

Erano presenti insieme ai vertici della Cgil Napoli e Campania, l’ANPI, il Comitato Pace e Disarmo, il Coordinamento per la democrazia costituzionale, la comunità palestinese ed ucraina, Greenpeace, UDI, Pax Christi, Cidis, Cnca, Legambiente, Federconsumatori, Un ponte per, Donne in nero, Ascender, Libera, Figli in Famiglia, Nurige, Cittadinanza Attiva, Arci, Terra di confine.

Inoltre, c’erano anche altri giovani, lavoratori e pensionati, padre Alex Zanotelli, Antonio Bassolino e Omar Suleiman. Ecco le parole del segretario generale della Cgil Napoli e Campania, Nicola Ricci:

“Napoli non può rimanere ferma e indifferente, questa città deve lanciare un segnale anche per riaffermare un ruolo dell’Europa nella costruzione di un percorso che porti alla pace. Va ridotta la spesa militare a favore di quella sociale, bisogna fermare l’industria militare, ricostruire un clima di convivenza e sicurezza per tutti i popoli”.

Continua a leggere

Attualità

Scontri Polizia-studenti a Pisa, la denuncia di una madre: “Mia figlia è stata presa a botte dagli agenti senza potersi difendere”

Pubblicato

il

La pedagogista Sara Costanzo ha denunciato attraverso i social quanto accaduto ieri mattina a Pisa, dove i minorenni sono stati caricati e presi a manganellate dalla Polizia.

In particolare, era in corso una manifestazione pacifica per chiedere il ‘cessate il fuoco’ in Palestina, alla quale avevano preso parte meno di 150 giovani, quasi tutti minorenni, che stavano sfilando da piazza Dante verso il Polo Didattico di San Rossore passando da piazza dei Cavalieri.

Ecco le dichiarazioni della donna:

“Mia figlia, minorenne, ha fatto accertamenti per le ecchimosi dovute alle botte che ha preso stamani. Poco fa mia figlia è stata dimessa dall’ospedale Lotti di Pontedera. Ringrazio il personale sanitario per il sostegno che hanno dato a Gemma, con affetto e professionalità. Caduta in terra per le spinte ricevute è stata investita da un poliziotto che ha preso di mira la sua gamba destra, a manganellate. Mia figlia non poteva difendersi, ha detto al poliziotto di fermarsi, ma non è stato così. Comunque Gemma lunedì rientra a scuola, a testa alta. Quanto a voi poliziotti, con quali occhi stasera guardate in faccia i vostri figli? Ancora ho il disgusto e i brividi per quello che è accaduto a mia figlia, e ai nostri studenti. Ringrazio tutti i miei colleghi e tutti gli amici, che in questo momento così orribile sono scesi in questa piazza stasera. Sono vicina ai genitori degli altri nostri studenti, picchiati e spaventati. Mi commuove tanto, tutto questo. Non mi fa paura il male. Mi fa ribrezzo. Come la viltà”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy