Resta sintonizzato

Caivano

CAIVANO. Il “Sistema delle estorsioni” si reggeva grazie a 5 ditte gradite al clan. Rapporti anche con l’opposizione.

Pubblicato

il

CAIVANO – il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Napoli Nord, Raffaele Coppola ha convalidato il fermo per i nove arrestati appartenenti al “Sistema delle estorsioni” scoperto dalla DDA che vedeva coinvolti, politici, tecnici e funzionari, e personaggi appartenenti alla criminalità organizzata.

Il quadro che si va via via delineandosi è alquanto inquietante perché oltre i fermati si scopre che a Caivano tale sistema è molto ben rodato e consolidato anche nel modus operandi di chi ha ricevuto avviso di garanzia e la propria posizione resta al vaglio del GIP di riferimento, una volta che i documenti del processo passeranno alla Procura di Napoli per competenza.

Oltre i nomi già risaputi e pubblicati dalla Stampa, spiccano anche le ditte con i relativi Amministratori e/o responsabili che erano parte integrante del sistema, oltre quelle vincitrici di appalti che man mano venivano avvicinate dagli estorsori che nel caso specifico si alternavano tra politici e criminali.

Infatti, dal dispositivo di fermo almeno cinque sono le ditte “amiche” del sistema, ossia quelle in cui gli amministratori non solo erano soliti pagare il pizzo al clan Gallo-Angelino, molto spesso anche pel tramite di Carmine Peluso e/o Martino Pezzella ma erano anche soliti corrompere i politici di turno e il funzionario con incarichi da Responsabile Vincenzo Zampella.

Le cinque ditte i cui amministratori o dipendenti sono accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso, corruzione e turbativa d’asta sono Amico Domenico detto “‘O Brecciaro” amministratore di Amico Domenico ditta individuale con sede a Caivano; Della Gatta Domenico amministratore di Della Gatta Edilizia con sede in Caivano; Peluso Francesco detto “‘o Mangano” socio accomandante di F.lli Peluso s.a.s. di Giovanni Peluso & C.; Celiento Domenico in qualità di amministratore e Celiento Vincenzo detto “‘O Nasone” amministratore di fatto della ditta CLM Costruzioni srl con sede in Caivano; Bernardo Giuseppe socio della società GI.CAR con sede in Crispano. Per altre ditte invece si è potuto configurare solo il reato di tentata estorsione e non quello di estorsione o corruzione perché gli eventi non sono giunti a consumazione per cause indipendenti dalla volontà degli agenti, o somme comunque di cui non si accertava la dazione a seguito di minaccia di pagamento o di dare o promettere utilità. Tutti comunque restano indagati nell’ambito dello stesso procedimento penale e innocenti fino al terzo grado di giudizio.

Tali imprese rientrano tra quelle gradite alla locale criminalità organizzata. Una volta accaparratisi l’affidamento dei lavori provvedevano poi, in cambio delle aggiudicazioni, a versare somme a titolo di compensi corruttivi al funzionario e/o agli amministratori pubblici, e, nel contempo, erano costrette a versare altresì quote estorsive al clan, anche tramite l’intermediazione dei suddetti soggetti pubblici. Questi ultimi vengono ritenuti dagli inquirenti, soggetti pienamente organici, e non meri concorrenti esterni. Tanto è vero che in alcune conversazioni che intercorrono tra il Carmine Peluso e i criminali Volpicelli e Cipolletti l’intercalare più usato è “fratè” o “Fratello a me”.

La cosa più disarmante poi è scoprire che l’utilità che alla fine percepivano i politici o tecnici accusati di estorsione, non solo di traduceva in parva materia rispetto all’enorme rischio in cui ci si esponeva ma gli stessi rischiavano anche di essere percossi quasi ogni giorno, data l’enorme sete di denaro e diffidenza da parte dei criminali.

Se solo si pensa che il Zampella, oltre ad aver riscosso € 1500,00 da Amico Domenico detto “‘O Brecciaro” tradotti nell’acquisto di un frigorifero, l’utile che ha riscosso dallo stesso imprenditore è evidenziabile in interventi di manutenzione e riparazione sulle autovetture sua e quella di suo figlio, nonché interventi di riparazione presso la sua abitazione. Si può benissimo comprendere, quindi, anche quale sia la qualità umana e valoriale che è insita in queste comunità. Tutto questo, nello specifico, con la promessa di far stipulare contratti in favore della ditta Amico Domenico.

Un’altra dimostrazione che il Sistema era datato e consolidato sta nel fatto che anche consiglieri di minoranza erano a conoscenza sia del sistema che dei personaggi criminali insiti sul territorio.

Stiamo parlando del Consigliere Gaetano Ponticelli che viene accusato da Peluso Francesco (detto ‘O Mangano) di aver confessato al Cipolletti – braccio destro del boss Antonio Angelino detto “Tubiuccio” – che lo stesso imprenditore avesse incassato svariate migliaia di euro per alcune determine di liquidazione emesse dal Settore di Vincenzo Zampella mentre alla richiesta di estorsione del clan nei confronti di “‘O Mangano” quest’ultimo tentava di giustificarsi col fatto che in realtà erano state emesse solo le determine ma nei fatti ancora doveva ricevere compendio. Insomma quella di cui viene accusato dal Peluso l’ex consigliere forzista Ponticelli, secondo quanto è scritto nel dispositivo, è quello di aver effettuato quella che in gergo viene denominata “bacchetta”. Allo scopo di influenzare la richiesta estorsiva ai danni di Peluso Francesco.

Nel dispositivo è riportata fedelmente la conversazione di intermediazione di Pezzella Martino con Giovanni Cipolletti per combinare l’appuntamento con Gaetano Ponticelli, appuntamento poi che si è consumato nei pressi del cortile adiacente ad un rinomato bar della Sannitica a Caivano. Nella telefonata Cipolletti Giovanni, conversando con il Pezzella afferma che Gaetano Ponticelli lo conosca bene e che gli deve riferire testualmente: “dici tuo fratello vuole parlare, di’: si vuole prendere un caffè con te…”. Gaetano Ponticelli poi si presenta all’appuntamento, un colloquio durato circa venticinque minuti e ognuno poi è salito a bordo della propria auto.

Questo incontro è servito alla magistratura per dimostrare la richiesta estorsiva fatta a Peluso Francesco ma pur emergendo il coinvolgimento di Gaetano Ponticelli, benché nelle conversazioni si evince un rapporto confidenziale e un incontro con il Cipolletti, propiziato dal Pezzella, gli elementi raccolti non consentono elementi indiziari circa la partecipazione dell’ex Consigliere forzista alla vicenda estorsiva.

Ma resta forte la consapevolezza del fatto che alcuni elementi, se non la maggior parte dei politici caivanesi, conosca bene l’esistenza di alcuni meccanismi delittuosi e come trattenga facilmente rapporti con personaggi equivoci al punto confidenziale da potersi appellare col termine “fratello”. Altro triste scorcio di una desolante vicenda caivanese.

Caivano

CAIVANO. La politica latita ancora e lascia ancora tanto spazio al prete Patriciello che non disdegna di fare campagna elettorale

Pubblicato

il

CAIVANO – Una città in fase di riqualificazione, sia urbana che sociale. Grazie al Governo Meloni sono stati stanziati 52 milioni di euro che vengono gestiti da Fabio Ciciliano il Commissario Straordinario nominato dalla Premier, e altri soldi vengono presi dai vecchi fondi CIS che promosse Mara Carfagna, già Ministro del Sud e della Coesione Territoriale che nella chiesa del prete Patriciello, nel Gennaio 2022, firmò il Cis “Terra dei Fuochi” con all’interno un progetto di 2,5 milioni di euro presentato proprio dal parroco Maurizio Patriciello in collaborazione con il Comune di Caivano per un centro di formazione che doveva sorgere all’interno della Zona Asi di Caivano. Progetto poi arenato perché il Governo Meloni ha bloccato quei fondi destinati in 52 comuni della Provincia di Napoli, i fondi destinati a Caivano poi sono stati dirottati per altri lavori, parte sono stati impiegati per la riqualificazione del Teatro “Caivano Arte”.

Quindi qualcosa si sta muovendo. Il Commissario Straordinario ha stilato il proprio programma e i lavori vanno avanti spediti. I fondi CIS almeno a Caivano sono stati impiegati. Peccato per il progetto di Maurizio Patriciello che forse non vedrà la luce ma il suo sacrificio non sarà reso invano. I soldi sono serviti al Teatro e ad altre infrastrutture del territorio.

Il cronoprogramma va avanti e alla fine di questo mese verrà inaugurata anche la nuova “Deplhinia” quindi perché continuare a sponsorizzare, politicamente, ciò che è stato fatto e non si guarda avanti? Caivano non si salverà con le inaugurazioni. Dal punto di vista sociale, oltre all’assunzione di personale, nulla è stato fatto. E quello non compete a Ciciliano ma ai caivanesi.

Ancora una volta si lascia spazio a Patriciello. Ancora una volta gli si dà la possibilità di fare politica. Ancora una volta la classe dirigente o chi ambisce a diventarlo si assenta e lascia voragini a chi ama riflettori e telecamere ma non possiede né il ruolo né le competenze. Maurizio Patriciello va in Tv a difendersi dagli attacchi del Governatore De Luca, senza contraddittorio e con la possibilità di fare da testimonial alla Premier Giorgia Meloni, dato che continua a dire che ciò che ha fatto la leader di Fratelli d’Italia, in passato non è stato fatto dai suoi pari grado. Dichiarazioni che fatte in campagna elettorale vengono considerate dei veri e propri spot con tanto di testimonial di rilevanza nazionale.

Manca solo che il prete, insieme alla Premier Meloni, qualche Ministro e i commissari caivanesi decidano pure chi promuovere alle prossime elezioni amministrative, in maniera tale che si possa passare da un Comune commissariato dalla Prefettura a quello commissariato da Fratelli d’Italia, con un sindaco “fantoccio” manovrato dai poteri politici nazionali con il benestare della chiesa e dei tanti fedeli che credono nella volontà di Dio.

È tempo che i caivanesi, gente onesta e laboriosa da sempre, comincino a prendere in seria considerazione il futuro della propria comunità e del proprio territorio, e facciano sentire la propria presenza, facciano capire al Governo e alle istituzioni, che da troppi anni hanno dimenticato questo territorio, che i caivanesi con la loro presenza al loro fianco, sono pronti a riappropriarsi della vita politica della loro città e che non hanno bisogno né di commissari né di pupari.

Anche se, con l’assenza della politica, ognuno rintanato nelle proprie case perché colpevole nell’ignavia e nell’assoggettamento alla camorra, temo che ci possa essere più la probabilità che qualche politicante di turno possa “vendersi” al volere dei potenti che avere un sussulto di dignità e dimostrare quanto i caivanesi siano pronti all’autogestione. Mala tempora currunt.

Continua a leggere

Caivano

Caivano, incendio in un deposito di abiti vecchi: paura nella notte

Pubblicato

il

Notte di spavento a Caivano. Un improvviso incendio di un deposito di abiti vecchi, in via Fossa del Lupo, nella zona che collega via Diaz a via Atellana, è divampato nell’aria rendendola irrespirabile, provocando una nuvola nera alta decine di metri che si è propagata a chilometri di distanza.
Sul posto sono intervenuti prontamente carabinieri e vigili del fuoco.
L’odore naueseabondo dell’aria ha costretto gli abitanti caivanesi a barricarsi in casa.

Continua a leggere

Caivano

CAIVANO. Il Teatro “Caivano Arte” sarà sostituito da un auditorium di 500 posti. I caivanesi bocciano la visione di Ciciliano

Pubblicato

il

CAIVANOCiciliano finora tutto bene ma non benissimo. La riqualificazione di Caivano procede spedita, le aree degradate e abbandonate, grazie al ruolo di Commissario Straordinario, alla deroga al Codice Appalti di cui si gode e alla cospicua disponibilità di denaro messo a disposizione del Governo, vengono via via riqualificate e restituite alla collettività.

Ma sento il dovere, in quanto cronista e cittadino caivanese, descrivere il mio disappunto sulla scelta di cambio di destinazione d’uso del Teatro Comunale “Caivano Arte”.

Abolire un Teatro, per far spazio ad un auditorium con annesse sale multimediali, polo museale e arena – quest’ultima tra l’altro già esistente – è un vero e proprio sfregio all’identità culturale di una comunità.

“Caivano Arte”, sin dai tempi della sua nascita ha rappresentato l’orgoglio culturale della cittadina gialloverde, le tavole del suo palco sono state calcate da artisti come Eric Johnson – Chitarrista e cantante compositore e polistrumentista statunitense – Jodorowski, Toni Servillo, Lina Sastri, Morgan dei Blue Vertigo, i 99 Posse, Ashram – gruppo musicale italiano formatosi a Napoli, appartenente alla corrente stilistica della darkwave neoclassica – Francesco Paolontoni, Carlo Buccirosso, Federico Salvatore, Biagio Izzo, Sal Da Vinci e le operette con Dianora Marangoni per quanto riguarda la danza: Alessandra Celentano, Rossella Brescia, Stefano Forti, Fabio Molfesi, Anna Razzi dell’Accademia del San Carlo, I ballerini del Bolshoi di Mosca con Graziella Di Rauso, Laboratori di Teatro tra le tante Teresa Del Vecchio, Nunzia Schiano, Fortunato Angelini e Luca Yurman.

Ho preferito riportare solo qualche artista, giusto per far capire a chi di questa collettività si è fatto un’idea totalmente sbagliata, confrontandosi solo con chi ha preferito affibbiare a questo territorio solo l’etichetta criminale per ottenere propri benefici e privilegi, quali siano state le potenzialità e il livello culturale espresso da questa comunità.

Quindi con la concezione di un territorio degradato, fatto solo di droga, spaccio, pizzo, camorra e malapolitica si è pensato bene di sostituire “Caivano Arte” con un auditorium di 500 posti a fronte dei 750 di cui disponeva il vecchio teatro, oramai abbattuto, per una copiosa perdita idrica.

Noi di Minformo abbiamo interpellato alcuni operatori del settore per sapere cosa potesse offrire un auditorium di 500 posti e tutti hanno dato le stesse risposte.

Organizzare una produzione di entità rilevante, uguale a quelle già citate e viste a Caivano, sarà impossibile, poiché il costo di un normale biglietto, se non raddoppiato, non consentirebbe neanche di coprire i costi della produzione stessa. Al contrario, con l’aumento del costo del biglietto si rischia di ottenere un flop poiché nessuno si sognerebbe di venire a Teatro in periferia, in una struttura piccola e pagare il doppio per vedere un artista che in città viene offerto alla metà del prezzo.

Abbattere il “Caivano Arte” per lasciare spazio ad un piccolo auditorium è stato una scelta, a mio parere, a dir poco incauta, dato che si rischia di aver realizzato un’ulteriore struttura che da qui a poco, non suscitando interesse da parte di nessun gestore, potrebbe risultare di nuovo abbandonata a sé stessa.

La visione giusta, per una giusta riqualificazione di un territorio come Caivano, sarebbe stata quella di rilanciare l’offerta culturale raddoppiandola. Creare un Teatro da 1000 e più posti e prendere per la “gola” i più importanti impresari campani ma ovviamente, una visione del genere, la può avere solo chi conosce ed è innamorato del proprio territorio.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy