Resta sintonizzato

Attualità

Ritardi treni della Circumvesuviana, De Luca dichiara: “Evitiamo le lamentazioni a capocchia, perché i miracoli non si possono fare”

Pubblicato

il

In occasione della presentazione di due nuovi treni alla stazione centrale di Napoli, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha così parlato dei recenti disagi lamentati dagli utenti della Circumvesuviana. Ecco le sue dichiarazioni:

“La prima cosa che dobbiamo fare è evitare le lamentazioni a capocchia, questo è il presupposto di tutto, perché non partono dai dati di fatto, perché i miracoli non si possono fare. Come sapete, sulla Circumvesuviana abbiamo uno scartamento ridotto e vanno prodotti treni ad hoc. Questi treni sono stati messi in gara, abbiamo già appaltato la gara 3 anni fa, poi i ricorsi al Tar, Consiglio di Stato, poi il Covid-19, si sono persi fondamentalmente 3 anni ma non per responsabilità della Regione. Dunque anche lì stiamo procedendo. EAV non è solo Circumvesuviana, è anche Cumana, Circumflegrea. Su quella tratta abbiamo un’efficienza straordinaria nel servizio EAV, i treni arrivano con non più di 2 minuti di ritardo. Quindi, dobbiamo capire che stiamo parlando di un lavoro complesso e di un’azienda che è partita da 800 milioni di euro di debiti”.

Poi, prosegue: “Abbiamo risanato i debiti, abbiamo fatto più di mille assunzioni, abbiamo appena fatto i contratti con 21 capitreno che hanno fatto la formazione professionale per un anno. Adesso ovviamente la Stadler, che è l’azienda che aveva vinto la gara, ha cominciato a produrre i treni nuovi, ma intanto abbiamo già consegnato 60 treni nuovi sulle diverse tratte. Sulla Circumvesuviana ovviamente c’è ancora una sofferenza legata al rinnovo dei treni, ma ripeto, lì i binari sono più stretti e quindi vanno prodotti dei treni speciali, e ovviamente in qualche caso abbiamo anche problemi per l’eliminazione dei passaggi a livello, con le comunità locali che non si rendono conto che se vogliamo accelerare le corse del treno bisogna eliminare i passaggi a livello. Comunque è un lavoro immane che è in corso, siamo consapevoli che ci sono delle criticità ma dobbiamo spiegare ai nostri concittadini, con grande onestà intellettuale, qual è la situazione e qual è il lavoro che stiamo facendo”.

Infine, conclude: “Nell’arco di un anno e mezzo-due anni, credo che saremo pienamente a regime anche sulla Circumvesuviana con treni nuovi, che vengono prodotti dopo 2-3 anni di ritardo amministrativo e Covid-19, e che saranno treni bellissimi anche sulla tratta della Circumvesuviana”. 

Attualità

Una foglia di marijuana compare sulla facciata di Montecitorio, il deputato Magi: “La Germania dimostra che legalizzarla è possibile, facciamolo”

Pubblicato

il

Nel corso della serata di ieri è comparsa l’immagine di una foglia di marijuana sulla facciata di Palazzo Montecitorio, dopo che la Germania ha annunciato la legalizzazione della cannabis, mentre in Italia si sceglie di favorire la Mafia alla legalità e sicurezza.

A tal proposito il segretario di +Europa, Riccardo Magi, ha così scritto pubblicando le immagini sopracitate:

“La Germania dimostra che legalizzare la cannabis è possibile. Facciamolo: basta votare le nostre proposte di legge già depositate che vanno proprio nella direzione indicata da Berlino, e c’è la possibilità di firmare per la proposta di legge di iniziativa popolare Io Coltivo”.

Continua a leggere

Attualità

Napoli si schiera contro le guerre con una manifestazione in piazza: presenti vertici Cgil e diverse associazioni

Pubblicato

il

Napoli si schiera contro le guerre, e lo fa con una manifestazione alla quale hanno partecipato stamane Cgil e diverse associazioni che si sono incontrate a Largo Berlinguer per chiedere un immediato ‘cessate il fuoco’.

Erano presenti insieme ai vertici della Cgil Napoli e Campania, l’ANPI, il Comitato Pace e Disarmo, il Coordinamento per la democrazia costituzionale, la comunità palestinese ed ucraina, Greenpeace, UDI, Pax Christi, Cidis, Cnca, Legambiente, Federconsumatori, Un ponte per, Donne in nero, Ascender, Libera, Figli in Famiglia, Nurige, Cittadinanza Attiva, Arci, Terra di confine.

Inoltre, c’erano anche altri giovani, lavoratori e pensionati, padre Alex Zanotelli, Antonio Bassolino e Omar Suleiman. Ecco le parole del segretario generale della Cgil Napoli e Campania, Nicola Ricci:

“Napoli non può rimanere ferma e indifferente, questa città deve lanciare un segnale anche per riaffermare un ruolo dell’Europa nella costruzione di un percorso che porti alla pace. Va ridotta la spesa militare a favore di quella sociale, bisogna fermare l’industria militare, ricostruire un clima di convivenza e sicurezza per tutti i popoli”.

Continua a leggere

Attualità

Scontri Polizia-studenti a Pisa, la denuncia di una madre: “Mia figlia è stata presa a botte dagli agenti senza potersi difendere”

Pubblicato

il

La pedagogista Sara Costanzo ha denunciato attraverso i social quanto accaduto ieri mattina a Pisa, dove i minorenni sono stati caricati e presi a manganellate dalla Polizia.

In particolare, era in corso una manifestazione pacifica per chiedere il ‘cessate il fuoco’ in Palestina, alla quale avevano preso parte meno di 150 giovani, quasi tutti minorenni, che stavano sfilando da piazza Dante verso il Polo Didattico di San Rossore passando da piazza dei Cavalieri.

Ecco le dichiarazioni della donna:

“Mia figlia, minorenne, ha fatto accertamenti per le ecchimosi dovute alle botte che ha preso stamani. Poco fa mia figlia è stata dimessa dall’ospedale Lotti di Pontedera. Ringrazio il personale sanitario per il sostegno che hanno dato a Gemma, con affetto e professionalità. Caduta in terra per le spinte ricevute è stata investita da un poliziotto che ha preso di mira la sua gamba destra, a manganellate. Mia figlia non poteva difendersi, ha detto al poliziotto di fermarsi, ma non è stato così. Comunque Gemma lunedì rientra a scuola, a testa alta. Quanto a voi poliziotti, con quali occhi stasera guardate in faccia i vostri figli? Ancora ho il disgusto e i brividi per quello che è accaduto a mia figlia, e ai nostri studenti. Ringrazio tutti i miei colleghi e tutti gli amici, che in questo momento così orribile sono scesi in questa piazza stasera. Sono vicina ai genitori degli altri nostri studenti, picchiati e spaventati. Mi commuove tanto, tutto questo. Non mi fa paura il male. Mi fa ribrezzo. Come la viltà”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy