Resta sintonizzato

Caivano

Nuovo blitz a Caivano: in azione 250 operatori, cominciano i controlli

Pubblicato

il

Èin corso, dalle prime luci dell’alba, un ulteriore servizio ad “alto impatto” polizia, carabinieri e guardi di finanza a Caivano. L’area interessata è sempre quella del Parco Verde e delle zone limitrofe, dove circa 250 operatori delle diverse forze dell’ordine sono impegnati nell’esecuzione di perquisizioni e controlli.

Un servizio strutturato e continuativo, quello messo in campo stamane, che vede coinvolti  anche i reparti specializzati come la Polizia Scientifica, le Unità Cinofile antidroga della Polizia di Stato, il Nucleo Cinofili antidroga, dei UOPI, pattuglie della Polizia Stradale, del Reparto Prevenzione Crimine Campania e del Reparto Mobile, la Compagnia dei Carabinieri di Caivano e il Reparto del Gruppo di Castello di Cisterna; inoltre, la Guardia di Finanza con  la componente ATPI del Gruppo Pronto Impiego Napoli e le unità cinofile,  il Gruppo di Frattamaggiore, il Gruppo di Torre Annunziata, il Gruppo di Giugliano in Campania, il Nucleo Pef di Napoli, nonché la Compagnia di Capodichino.

L’intera attività sarà coadiuvata dalla Polizia Metropolitana di Napoli e dai Vigili del Fuoco e controllata dall’alto da un elicottero del Reparto Volo della Polizia di Stato; tutto a testimonianza della presenza dello Stato sul territorio. Intanto lo sgombero degli immobili del Parco Verde di Caivano è “ancora in fase di valutazione” da parte della prefettura. È quanto filtra dalle stanze della prefettura di Napoli dove ieri si è fatto il punto della situazione a proposito degli interventi previsti dal decreto Caivano, quello emanato dal governo dopo la vicenda di violenze sessuali perpetrate da un gruppo di ragazzini a due bambine di 10 e 12 anni. In particolare, si apprende ancora da fonti della prefettura, quella dello sgombero è soltanto un’ipotesi, e comunque sarebbe solo volta al miglioramento della qualità della vita dei residenti.

Caivano

CAIVANO. Occupazioni abusive. Patriciello in confusione: i boss della camorra lo minacciano. Ma non erano tutte brave persone?

Pubblicato

il

CAIVANO – Tutta l’Italia ringrazia il prete Patriciello per l’attenzione conquistata sui problemi del Parco Verde e di Caivano, anche se per farlo talvolta racconta frottole ma è il fine che conta, infatti il suo allarmismo ha fatto leva sulla sensibilità della Premier Meloni che dal 31 Agosto dello scorso anno, giorno della sua visita nel comune gialloverde, non ha arretrato di un millimetro e ha dimostrato e sta dimostrando che in queste zone e su territori come Caivano possa essere stabilita la legalità a 360 gradi.

Chi però, oramai, non ci sta capendo più nulla è proprio il prete Patriciello. Indiscutibilmente la questione si è fatta molto più grande di lui e un semplice prete di periferia, come giusto e oggettivo che sia, non può amministrare né rassicuarare le persone su una questione di legalità così vasta che comprende anche l’occupazione abusiva degli immobili del Parco Verde.

È di stamattina l’ennesimo allarme lanciato dalla toga parcoverdiana, secondo il prete, alcuni boss della camorra del Parco Verde prima minacciano di occupare la Chiesa e poi le famiglie residenti nel complesso residenziale, costringendole a far disertare il catechismo ai propri figli.

Allora, arrivati a questo punto, non voglio ragionare da caivanese informato su fatti, circostanze e persone ma voglio mettermi nei panni di alcuni esponenti delle istituzioni che purtroppo per loro, hanno considerato il prete Patriciello, un punto di riferimento, il proprio occhio sulle vicende che interessano l’addensamento di povertà più pericoloso della Campania, ponendomi pure qualche quesito: Per quale motivo viene minacciato il prete e la Chiesa? Perché si ritiene il prete l’artefice delle attenzioni del Governo sul Parco Verde e di conseguenza sulle occupazioni abusive degli immobili ivi insistenti? Premesso che le 419 persone accorse in chiesa per ben due volte applaudendo pure il prete per i suoi “comizi” rassicuranti, siano tutte brave persone, persone perbene, come dichiarato dal prete sia nella lettera aperta alla Premier Meloni di alcune settimane fa che durante le sue omelie in parrocchia, nonché davanti ai microfoni dei maggior mass media, chi sono allora e che interessi hanno questi boss della camorra a minacciare Patriciello? In realtà, chi occupa queste case abusive, la brava gente che si alza la mattina per andare a lavorare come dichiarato dal prete o i boss della camorra che minacciano il prete?

Una cosa è certa! Ma questo chi vive di realtà e ha un po’ di sale in zucca può riuscire a comprendere benissimo. La legge è legge e anche il buon senso vuole la sua parte, affidarsi ad un prete vuol dire affidarsi a Dio e quello lassù non sempre ascolta, poi se consideriamo pure che certe questioni sono di competenze di “Cesare” dovremmo più affidarci alle parole di Cristo quando diceva “date a Cesare ciò che è di Cesare” che alle vane speranze propinate da un prete di periferia atte a salvare capre e cavoli. Meditate gente. Meditate.

Continua a leggere

Caivano

Caivano. Penza. Governo risponde a ODG M5S per realizzazione impianti sportivi

Pubblicato

il

“In un ordine del giorno a mia prima firma e approvato dalla Camera dei Deputati, il Movimento 5 Stelle aveva chiesto al governo di impegnarsi per realizzare a Caivano degli impianti per la pratica di discipline sportive da parte della collettività. Nei giorni scorsi ho ricevuto una comunicazione da parte del ministro per lo Sport e i Giovani Abodi nella quale mi comunica di voler dare seguito all’impegno con la realizzazione di un campo sportivo
di calcio regolamentare con spalti e pista di atletica, locali di servizio e parcheggio. L’opera è prevista nel Piano straordinario di interventi infrastrutturali o di riqualificazione predisposto dal Commissario straordinario. Siamo lieti che dal governo sia arrivato questo primo riscontro all’impegno cui lo ha vincolato il Parlamento e continueremo a verificare l’attuazione dell’ordine del giorno. Quando vedremo l’opera realizzata potremo dirci soddisfatti del lavoro svolto”. Così il deputato M5S Pasqualino Penza.

Continua a leggere

Caivano

CAIVANO. Sgomberi al Parco Verde. Patriciello accusa politica e Procura sminuendo le responsabilità della camorra

Pubblicato

il

CAIVANO – Son passati tre giorni dalla notizia che informava lettori e telespettatori del provvedimento ad opera della Procura della Repubblica Napoli Nord che sequestrava in maniera preventiva 254 appartamenti del Parco Verde dando un ultimatum a 419 dichiarati occupanti abusivi, consistente in 30 giorni perentori per lasciare le abitazioni ritenute occupate abusivamente.

Senza dubbio l’atto più eclatante che dimostra la presenza dello Stato, la voglia di impiantare in seduta stabile il sentitmento di legalità che si è potuto registrare sul territorio caivanese dalla visita della Premier Giorgia Meloni ad oggi.

La visita della Premier con conseguenti blitz atti a ristabilire la normalità nella piazza di spaccio più grande d’Europa è stato da sempre un merito attribuito alla richiesta d’aiuto espressa dal prete Patriciello e a più riprese da lui rivendicato.

Non si riesce a capire il perché, il provvedimento che nessun Amministrazione a Caivano, salvo qualche timido tentativo di censimento fatto da quella capeggiata da Simone Monopoli – forse l’atto che gli è costato la ritorsione dello sciogliemento ad opera di qualche consigliere che ancora tende a intrattenere rapporti con i capoclan del Rione – ha avuto il coraggio di emanare e attuare, oggi non venga rivendicato da chi, oggettivamente e legittimamente, debba vantarsi di tale merito.

Perché padre Patriciello, dopo aver acceso i riflettori, in maniera giusta ed encomiabile, sui problemi atavici del territorio, abbandonando finalmente procurati allarmi inutili su fantomatiche buche scavate per sotterrare chissà cosa, oggi, difende la posizione di alcuni occupanti abusivi che seppur volenterosi e ambiziosi di regolarizzare il proprio status di abusivo, erano fin troppo consapevoli, non solo di aver commesso reato ma anche di scendere a compromessi con i vari personaggi politici che durante gli anni, entravano in quelle stesse case a chiedere consensi?

Troppo comodo per il prete tirare in ballo la politica. E lo fa anche in una maniera piuttosto pericolosa, addirittura considerandola più pericolosa della camorra, quando durante un suo “comizio” tenuto all’interno della propria parrocchia afferma: “Finché la camorra è una cosa che sta al di fuori della politica, la camorra non è troppo pericolosa, quando si intrufola all’interno della politica diventa veramente pericolosa”. Tale dichiarazione, detta da un prete sottoscorta perché ritenuto personaggio antimafia, stride non poco. In un tentativo, anche maldestro, di svicolare la propria posizione in merito e distogliere l’attenzione dalle sue, encomiabili, responsabilità poi, il prete fa confusione tra i politici, funzionari e camorristi attualmente detenuti per il Sistema delle estorsioni con l’attuale situazione del Parco Verde che esula dagli arresti di Ottobre scorso.

Ma perché il prete Patriciello tenta di sminuire la pericolosità della camorra che quando non ingerisce gli affari pubblici costruisce le proprie ricchezze con la vendita di morte attraverso il narcotraffico, il controllo della prostituzione e le estorsioni? Perché Patriciello tenta di scaricare la colpa sulla politica e le passate amministrazioni che, inspiegabilmente, hanno concesso l’occupazione legittimandola con il rilascio dei certificati di residenza? Come le due cose (camorra e politica), secondo l’immaginario collettivo del prete, non fossero collegate in un rapporto vessatore-vittima.

Perché il prete Patriciello tiene così tanto a comunicare il luogo e il nome del magistrato laddove qualcuno decidesse di voler protestare? Perché il pastore delle anime parcoverdiane nelle sue lettere aperte pubblicate sulla testata giornalistica ecclesiastica ha omesso di informare chi non conosce bene la realtà di quell’addensamento di povertà che tra gli abusi, i maggiori contestati, sono quelle abitazioni sorte dalla sera alla mattina all’interno di sale condominiali, porticati, locali commerciali, stenditoi e attici condominiali? Ma soprattutto, perché il prete Patriciello, oramai unico interlocutore politico della cittadinanza caivanese con un potere mediatico secondo solo a quello della Premier e del Papa, rivendicando il merito di tale provvedimento, non ha cercato di far capire ai propri fedelissimi che per un bisogno superiore di ristabilire legalità su un territorio abbandonato per troppo tempo dalle istituzioni, tale atto è utile se non addirittura necessario, aiutando i propri parrocchiani non a ribellarsi contro un nemico astratto – modus operandi simile ai tempi di quando fomentava le mammine coraggio della Terra dei Fuochi a ribellarsi contro fantomatiche aziende del nord che sversavano i rifiuti qui al meridione – scaricando responsabilità a malapolitica e Procura, ma aiutandoli magari a cercare fondi utili, sfruttando le proprie conoscenze e potere, attraverso filantropia e mecenatismo, a trovare una sistemazione dignitosa a queste persone che da anni, hanno vissuto in maniera precaria ai limiti dell’invivibilità? Interrogativi che, come sempre, resteranno inevasi.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy