Resta sintonizzato

Caivano

Caivano, incendio in un deposito di abiti vecchi: paura nella notte

Pubblicato

il

Notte di spavento a Caivano. Un improvviso incendio di un deposito di abiti vecchi, in via Fossa del Lupo, nella zona che collega via Diaz a via Atellana, è divampato nell’aria rendendola irrespirabile, provocando una nuvola nera alta decine di metri che si è propagata a chilometri di distanza.
Sul posto sono intervenuti prontamente carabinieri e vigili del fuoco.
L’odore naueseabondo dell’aria ha costretto gli abitanti caivanesi a barricarsi in casa.

Continua a leggere
Pubblicità

Caivano

Parrocchia San Pietro Apostolo di Caivano, al via la festa per il Santo Patrono Pietro: ecco il programma delle 4 giornate

Pubblicato

il

La Parrocchia San Pietro Apostolo di Caivano comunica ai “carissimi fedeli, ci approssimiamo a vivere i nostri festeggiamenti al Santo Patrono Pietro. La nostra festa di ‘Famiglia’ conclude l’anno pastorale e sociale e mette le basi per il nostro impegno verso i bambini, ragazzi e giovani con il Grest e i Camposcuola. Vogliamo vivere con devozione e fede quattro giornate di preghiera e festa chiedendo al nostro Santo di intercedere per noi, per la nostra comunità parrocchiale, per la nostra città e per il mondo intero”

Ecco il programma:
Giovedì 20 giugno, ore 20,30:
preparazione di tutti i cresimandi alla celebrazione.
Sabato 22 giugno, dalle ore 9,30 alle ore 12: confessioni.
Martedì 25 giugno, dalle ore 19,30 alle ore 21,30: confessioni.
Lunedì 24 giugno, ore 20,30: solennità di San Giovanni Battista, Santa Messa in piazza F.Russo (San Giovanni).
Martedì 25 giugno alle ore 17: ‘Festa del sorriso’ per tutti i bambini e i ragazzi nel cortile della parrocchia promossa da – Azione Cattolica – Associazione “Un sorriso per sperare” – Patatrac – Idea Cooperativa Sociale.

Seguirà il ciclo di preghiere che si concluderà nello spazio di tre giorni (il Triduo).
Mercoledì 26 giugno, ore 19: Santa messa e amministrazione del sacramento della Confederazione presieduta dal nostro Vescovo S.E.R. Mons. Angelo Spinillo.
Giovedì 27 giugno, ore 18,30: Santo Rosario; ore 19: Santa messa presieduta da Don Alessandro Capasso, novello sacerdote.
Venerdì 28 giugno, alle ore 18,30: Santo Rosario; alle 19: Santa messa presieduta da Don Alessandro Arnone.

Infine, sabato 29 giugno ci sarà il “Giorno della Festa”. La Santa messa è in programma alle ore 9, alle ore 11,30 e alle 18.
Alle 19, inizierà la Processione per le seguenti strade: via Don Minzoni, corso Umberto, Viale Gramsci, via Libertini, via Diaz, via Cavallotti, via Visone, via Campiglione, via Lanna, via De Gasperi, via Matteotti, piazza C.Battisti, per poi ripassare per via Don Minzoni e quindi alla Chiesa Parrocchiale.
Per concludere, alle ore 20,30 sarà tempo di bisboccia: sagra della salsiccia e della melenzana con Corrida e Karaoke animata dai Giovani dell’Azione Cattolica.

Continua a leggere

Caivano

“Illumina Caivano”, dal 19 giugno al via i tornei nel Centro Pino Daniele: per gli appassionati di calcio e pallavolo

Pubblicato

il

Notti magiche inseguendo un gol o un punto. E poi tutti insieme abbracciati a tifare l’Italia di Luciano Spalletti. Un’estate italiana colorata di sorrisi, molto lontana dalle ultime che hanno visto Caivano al centro di episodi di cronaca nera. Oggi suona una musica diversa. Un inno alla vita e al futuro. Il Centro Pino Daniele di Caivano è pronto ad accogliere gli appassionati di calcio e pallavolo per i tornei “Illumina Caivano”, organizzati dal collettivo di giovani di Caivano “I Care” in collaborazione con il commissario straordinario di governo, Fabio Ciciliano e Sport e Salute. I tornei si svolgeranno dal 19 giugno al 5 luglio.

Torneo di calcio e partecipazione delle Forze dell’Ordine
Oltre ai giovani over 15 anni di Caivano, le rappresentanze delle forze dell’ordine – Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco e Polizia Locale – parteciperanno al torneo di calcio. L’ evento non solo promuove la passione per lo sport, ma rafforza anche i legami tra la comunità e le istituzioni.

Maxi Schermo per l’Europeo
A partire da giovedì, durante le partite della nazionale italiana all’Europeo, sarà montato un maxi schermo al Centro Pino Daniele che ospiterà la Comunità per tifare l’Italia all’Europeo in Germania e condividere l’entusiasmo sportivo. Una occasione per creare socialità e coesione.

Il commissario straordinario di Governo, Fabio Ciciliano e il presidente di Sport e Salute, Marco Mezzaroma hanno sottolineato l’importanza di queste manifestazioni nel raggiungimento di un obiettivo fondamentale del modello Caivano: la coesione sociale. Attraverso lo sport e il gioco, la comunità si riunisce, dimostrando che insieme si può costruire un futuro migliore.

Continua a leggere

Caivano

CAIVANO. Sono partiti gli abbattimenti degli edifici abusivi. Scomparsi tutti i moralizzatori che volevano legalizzare l’illegalità

Pubblicato

il

CAIVANO – Da alcuni giorni, in via Pietro Micca, sono cominciate le escalation della Procura della Repubblica in merito agli abbattimenti degli immobili sorti abusivamente. Il Giudice Penale attraverso lo strumento denominato R.E.S.A. – Registro Esecuzione Sanzioni Amministrative – condanna l’abusivo alla demolizione in danno del proprio manufatto ed è quello che sta accadendo nella strada sopra citata. Nei giorni a venire, si vocifera che saranno abbattuti altri immobili privi di concessione edilizia.

Appare singolare però il silenzio assordante dei giustizieri dell’illegalità, quelli che seduti nei banchi dell’opposizione, seguiti da uno stuolo di avvocati che sul web si vantavano degli enormi successi ottenuti negli altri comuni e con la speranza di ottenere qualche incaricuccio anche nel comune gialloverde, compulsavano e non poco le Orselle Russo, gli Antonio Angelino, i Gaetano Ponticelli e pure qualche membro della maggioranza, tipo Pippo Ponticelli e Giamante su tutti.

Ora, al di là dei guai giudiziari di qualcuno di essi che legittimamente, oggi sarebbe distratto da altri pensieri, ma tutti quelli che continuano a professarsi innocenti e incensati dal Signore che fine hanno fatto? Come mai non si legge neanche una virgola contro i provvedimenti decisi dalla Procura della Repubblica? Come mai non si compulsa la terna commissariale facendole presente tutte le sentenze della cassazione, tribunali, giudici di pace e circoletti della Madonna dell’Arco vari come avveniva un tempo con l’Amministrazione Enzo Falco? Che fine hanno fatto gli avvocati bravi che vincevano i processi? Perché non hanno richiesto incontri bilaterali con i Commissari? Dove è finita tutta la demagogia e il populismo dell’epoca?

Ovviamente, non ci si può recare da un Commissario prefettizio, uomo di governo, a chiedere di legalizzare l’illegalità, solo i preti ci riescono. Così come non si può indurre lo Stato a pensare che dietro tali richieste ci sia una clientela politica da accontentare. Così ognuno si fa i fatti suoi e rimandano la vendita della loro onestà, illibatezza e integrità a un mese prima delle prossime elezioni. E come si dice a Caivano: “friariè fatt’accattà ‘a chi nun te sape!”

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy