Resta sintonizzato

Calcio

Sferrò un calcio al pullman della Juve: DASPO per un tifoso napoletano

Pubblicato

il

Il Questore di Napoli ha adottato 6 provvedimenti, istruiti dalla Divisione Polizia Anticrimine della Questura, di divieto di accesso alle manifestazioni sportive (DASPO), per periodi da uno a cinque anni, nei confronti di altrettanti tifosi di età compresa tra i 26 e i 49 anni.

In particolare, un provvedimento, della durata di 5 anni, è stato adottato nei confronti di un tifoso partenopeo che, in occasione dell’incontro Napoli-Torino disputatosi lo scorso 8 marzo presso lo stadio “Maradona”, era stato denunciato per accensione di fumogeni in occasione di manifestazioni sportive; un altro daspo, della durata di un anno, è stato irrogato nei confronti di un 42enne che, in occasione dell’incontro di calcio Napoli – Juventus dello scorso 3 marzo, aveva sferrato un calcio contro l’autobus della squadra ospite.

Ancora, un provvedimento di 5 anni è stato emesso nei confronti di una persona che, in occasione della partita di calcio Giugliano Calcio 1928- Taranto dello scorso 8 ottobre, era stata denunciata per violenza, lesioni, resistenza a Pubblico Ufficiale, danneggiamento e lancio di materiale pericoloso in occasione di manifestazioni sportive; altri due daspo, della durata di due anni, sono stati, invece, irrogati nei confronti di due soggetti che, in occasione della partita Pomigliano- Real Acerrana del 24 febbraio scorso, erano stati denunciati per resistenza a Pubblico Ufficiale e rifiuto d’indicazioni sulla propria identità personale; ancora, un provvedimento, della durata di 5 anni, è stato adottato nei confronti di un 37enne che, in occasione dell’incontro di calcio Puteolana-Mariglianese dello scorso 18 febbraio, era stato denunciato per possesso di artifizi pirotecnici in occasione di manifestazioni sportive.

Infine, altri quattro daspo, per periodi da due a tre anni, sono stati emessi nei confronti di altrettanti soggetti, di cui uno condannato per tentata estorsione, un altro per porto di armi od oggetti atti ad offendere, mentre gli altri due per reati in materia di stupefacenti.

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio

Euro 2024, l’Italia sfida la Croazia per il passaggio agli ottavi di finale: le ultime

Pubblicato

il

Una gara da non sbagliare quella che attende questa sera l’Italia di Luciano Spalletti, che si gioca il passaggio agli ottavi di finale dell’Europeo contro la Croazia di Luka Modric.

Gli azzurri arrivano alla sfida in programma alle 21 al Lipsia Stadium dopo le molte polemiche seguite alla brutta prova offerta con la Spagna, nella quale l’unico da salvare è stato Gigio Donnarumma, che ha reso il passivo molto meno pesante. I croati invece, dopo la prima sconfitta contro le Furie Rosse e il pareggio-beffa contro l’Albania, hanno solo un risultato se vogliono andare avanti nel torneo: la vittoria.

All’Italia potrebbe bastare anche un pareggio per passare il turno, ma le parole di ieri di Spalletti e Bastoni in conferenza stampa fanno capire che c’è voglia di riscatto nel gruppo azzurro e che si giocherà soltanto per vincere, per non rischiare di uscire anzitempo dalla competizione che ci vede come campioni in carica.

Tuttavia, qualora arrivassimo secondi nel girone ci toccherebbe la Svizzera, che ieri ha sfiorato l’impresa contro la Germania e che ora attende la sua prossima avversaria nella sfida di sabato alle 18. Invece, se malauguratamente ci classificassimo come una delle migliori terze, ci sarebbe la possibilità di pescare la vincente del gruppo E ancora da definire, o il Portogallo di Cristiano Ronaldo primo nel gruppo F, in ogni caso una brutta gatta da pelare per i nostri.

Pertanto, Spalletti sembra aver già scelto gli uomini da mandare in campo questa sera, con qualche novità rispetto alle prime due gare, come ad esempio la quasi certa presenza in attacco del bomber del Genoa Matteo Retegui e l’inserimento di Cristante al posto di uno tra Frattesi e Pellegrini a centrocampo. Non ci resta che attendere quindi le 21 per goderci quella che speriamo possa essere una serata di festa per il nostro calcio contro lo spauracchio croato, che negli ultimi 3 precedenti ci ha sempre sconfitti.

Continua a leggere

Calcio

Spagna-Italia 1-0, c’è chi definisce gli azzurri “i più brutti di sempre” eppure per Spalletti “la differenza l’ha fatta la freschezza”

Pubblicato

il

La Spagna ha battuto l’Italia, sicché gli iberici hanno conquistato la qualificazione agli ottavi di finale con un turno di anticipo.

Partita molto negativa per gli uomini di Luciano Spalletti, con gli spagnoli che hanno dominato il match in lungo e in largo. Nazionale melensa, priva di soluzioni tecniche, arroccata oltremisura dietro la propria cinta. C’è chi, addirittura, la definisce la più brutta di sempre.

L’Italia ora si giocherà la qualificazione al turno successivo nella partita contro la Croazia di lunedì. La Spagna, invece, affronterà l’Albania. La classifica del gruppo B vede in testa la Spagna con sei punti e Italia seconda ferma a tre. Chiudono Albania e Croazia con un punto.

“La differenza l’ha fatta la freschezza. Loro erano più di noi. Sono stati troppo più forti e hanno vinto meritatamente”, il commento nel post gara del c.t. azzurro.

Continua a leggere

Calcio

Euro 2024, alla ‘Veltins Arena’ in palio gli ottavi tra Spagna-Italia, Spalletti: “Disposti a sporcarci se c’è bisogno”

Pubblicato

il

A Gelsernkirchen, stasera c’è Spagna-Italia (ore 21) per la seconda giornata del gruppo B, sfida già decisiva tra due squadre vincenti alla prima uscita: alla Veltins Arena chi vincerà otterrà già la qualificazione agli ottavi di finale.
Trattasi del match numero 8 tra le due nazionali ai campionati Europei, con 3 successi Azzurri, 2 vittorie degli spagnoli e 2 pareggi. E’ in assoluto la partita più giocata in questa competizione.

In totale, sarà la sfida numero 41 tra Italia e Spagna: 13 vittorie per le Furie Rosse, 11 quelle della nostra Nazionale, mentre sono 16 i pari. Ultimo confronto avvenuto il 15 giugno 2023 a Enschede: 2-1 per la Spagna in Nations League.

Intanto, il commissario tecnico Luciano Spalletti, ieri in conferenza stampa alla vigilia del match: “Voglio vedere un’Italia che ripeta la buona prestazione che ha fatto, nonostante davanti ci sia una delle più grandi scuole calcio al mondo. Bisognerà non avere paura e avere quella voglia matta di mostrare che anche la nostra è una scuola importante”,  poi conclude: “Si va lì vestiti bene e disposti a sporcarsi se ce ne fosse bisogno. Vogliamo fare la storia”

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy