Resta sintonizzato

Cronaca

Napoli, sit-in di protesta per raid contro senzatetto nella chiesa sconsacrata

Pubblicato

il

Presidio di protesta a Napoli degli attivisti di ‘Potere al Popolo’ davanti alla chiesa di Sant’Antonio e Sant’ Alfonso a Tarsia, dopo che sabato alcuni sconosciuti si sono introdotti con la forza e hanno picchiato i senzatetto che da tempo utilizzano come dimora i locali dell’edificio religioso ormai sconsacrato.

Al sit-in hanno preso parte decine di persone esponendo uno striscione con la scritta “Stop all’aggressione ai senzatetto della Chiesa. Cosa ne pensano i padri Redentoristi?” chiamando in causa i membri della congregazione a cui apparteneva la chiesa.
Sono stati proprio i senzatetto che vivono nella Chiesa di Santa Antonio e Sant’Alfonso a Tarsia a raccontare agli attivisti, che seguono e supportano il progetto abitativo che ha permesso a decine di persone in questi anni di emergere da una condizione di estrema povertà e marginalità, che sabato scorso nel tardo pomeriggio i tre intrusi li hanno prima minacciati intimandoli di abbandonare immediatamente la chiesa e poi hanno aggredito uno degli occupanti con pugni in faccia fino a procurargli la rottura della protesi dentale come certificato dal referto dell’ospedale Pellegrini e dalla denuncia che é stata inoltrata alle forze dell’ordine.
Gli attivisti denunciano che, dopo alcuni rilievi da parte di una società napoletana, attiva nel settore della costruzione di edifici residenziali e non residenziali, le porte d’ingresso sono state piu’ volte chiuse con nuovi catenacci per evitare l’accesso dei senzatetto.


(fonte: Ansa)

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Ponza, arrestato per mazzette il coordinatore di Fratelli d’Italia: Danilo D’Amico in manette

Pubblicato

il

Danilo D’Amico, un consigliere comunale di maggioranza di Ponza, esponente di Fratelli d’Italia, è stato arrestato questa mattina. Avrebbe chiesto una mazzetta a una ditta per farle assegnare un appalto.
Il politico è stato bloccato dai militari della locale stazione della compagnia di Formia sotto agli uffici comunali, mentre intascava cinquemila euro.

L’appalto per cui D’Amico avrebbe chiesto il denaro è quello da 50mila euro per il mantenimento del verde sull’isola. La tangente sarebbe stata chiesta a una società romana.

D’Amico, 33 anni, aveva avuto  la delega ai lavori pubblici affidatagli dal sindaco Franco Ambrosino. E’ il coordinatore del partito di Giorgia Meloni a Ponza ed è impegnato nello stesso partito nella direzione provinciale di Latina.

“Siamo sbigottiti. Ponza è più forte di chi le vuole male e male si comporta”, dichiara il sindaco di Ponza.

Continua a leggere

Caserta

Mamma con i due bimbi a piedi al centro dell’autostrada: tragedia sfiorata nel Casertano

Pubblicato

il

Una donna, in evidente stato confusionale, insieme a due bambini, stava percorrendo a piedi l’autostrada, camminando al centro della carreggiata. La Polizia di Stato di Caserta le ha prestato soccorso.
I poliziotti della Stradale di Caserta Nord, ricevuta la segnalazione della presenza di persone in autostrada, sono intervenuti sulla autostrada A/30, interccettando la donna che, colta da malore, stava vagando in mezzo alla carreggiata assieme a due bambini piccoli.

Considerata la situazione di pericolo, sono stati attivati i protocolli d’urgenza per rallentare il flusso veicolare dell’autostrada, così da salvaguardare la sicurezza dei tre pedoni e delle vetture che sopraggiungevano a forte velocità.

I poliziotti hanno fermato la donna risultata essere poco collaborativa.
È stata allontanata dalla careggiata, fino all’arrivo del 118, che ha trasportato la persona in ospedale, mentre i bambini sono stati messi al sicuro nell’auto di servizio.
I due bambini sono stati accompagnati presso gli uffici della Polizia Stradale di Caserta Nord, dove sono accuditi fino all’arrivo del padre, al quale sono stati affidati.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, approda nel porto di Napoli la Geo Barents con a bordo 48 migranti

Pubblicato

il

La nave ong Geo Barents è approdata nel porto di Napoli con a bordo 48 migranti, di diverse nazionalità.
Le operazioni coordinate dalla Prefettura, si sono svolte secondo il piano concordato e hanno coinvolto la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Napoli, il Comune di Napoli, l’Asl Napoli 1 centro, l’Autorità portuale, l’Ufficio Sanitario marittimo, la Protezione civile regionale, Forze dell’ordine, Capitaneria di Porto, Vigili del fuoco, Croce Rossa Italiana e la Caritas diocesana.

Dopo una prima identificazione e preliminare verifica delle loro condizioni di salute, i migranti sono stati trasferiti al residence dell’Ospedale del mare, messo a disposizione dall’Asl Napoli 1 Centro, per il prosieguo delle operazioni di polizia e gli accertamenti sanitari.

Successivamente, i migranti saranno assegnati ai centri di accoglienza straordinaria della regione, ad eccezione del minore non accompagnato, presi in carico dal Comune di Napoli.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy