Resta sintonizzato

Caserta

Spaccia cocaina proprio davanti ai carabinieri: arrestato 44enne

Pubblicato

il

Dovrà rispondere del reato di spaccio di sostanza stupefacente un 44enne di Casagiove che, nella serata di ieri, 9 giugno, in via Isonzo, in quel di Caserta, è stato arrestato dai carabinieri della Sezione Radiomobile della locale Compagnia perché sorpreso a cedere cocaina a un 48enne del posto.

Ad attirare l’attenzione dei militari dell’Arma, in transito in quella via, è stato il passaggio di mano di una banconota da 50€ avvenuto proprio tra l’arrestato, seduto in una Mercedes classe A e un 48enne, a piedi, all’esterno del veicolo.

Quando i due si sono accorti della presenza dei carabinieri, era troppo tardi per provare a nascondere sia la banconota che lo stupefacente.

Fermati e perquisiti, il conducente della Mercedes, con precedenti specifici, è stato trovato in possesso della somma di 380€ in contanti e di una bustina in cellophane contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina, che custodiva nella tasca dei pantaloni.  In strada poi, davanti alla portiera della Mercedes, i militari dell’Arma hanno rinvenuto e sequestrato altre due bustine in cellophane, contenenti sempre cocaina, verosimilmente lasciate cadere a terra dal pusher o dall’acquirente all’arrivo dei carabinieri.

L’arrestato è stato tradotto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, mentre, l’acquirente, è stato segnalato alla Prefettura di Caserta.  

Continua a leggere
Pubblicità

Caserta

Caserta, sciopero generale dei metalmeccanici per “difendere lavoro e dignità”

Pubblicato

il

“Oggi Caserta sta dimostrando di essere la capitale della dignità nel Mezzogiorno delle persone di chi per vivere deve lavorare”.

Sono le dichiarazioni del segretario generale Fiom-Cgil, Michele De Palma, intervenuto dal palco di piazza Dante a Caserta dove si è concluso il corteo promosso dalle organizzazioni dei metalmeccanici, per lo sciopero generale della categoria sulle vertenze aperte nel territorio.

“Siamo qui – ha aggiunto De Palma – perché vogliamo affermare il diritto al lavoro. Le metalmeccaniche e i metalmeccanici oggi stanno scioperando a Caserta per difendere il lavoro e l’industria. Al Sud servono investimenti per la scuola, l’università, la sanità e il lavoro. In un territorio come Caserta dobbiamo rimettere al centro i settori dell’automotive e dell’elettronica, che sono in forte difficoltà come è rappresentato dalle vertenze di Jabil e di Softlab”. “Chiediamo al Governo e alla Regione Campania – ha aggiunto – di agire per scongiurare il rischio di cancellazione dell’elettronica da questo territorio. Le lavoratrici e i lavoratori sono stati vittime delle speculazioni e le Istituzioni sono rimaste a guardare. Ma non c’è solo la ‘vertenza Caserta’ in tutto il Mezzogiorno c’è il rischio di desertificazione industriale. Dopo Caserta dobbiamo costruire un’iniziativa nazionale unitaria per rivendicare il diritto al lavoro industriale nel Mezzogiorno perché il lavoro è l’unico vero antidoto alla criminalità. Metteremo in campo, insieme a Fim e Uilm, tutti gli strumenti democratici necessari per sostenere la lotta per la dignità e il lavoro delle metalmeccaniche e dei metalmeccanici del Sud del nostro Paese. Lottiamo per il lavoro, la legalità, il salario e la dignità”.

Continua a leggere

Caserta

Caserta, appalti truccati: domiciliari per un assessore e 4 dirigenti

Pubblicato

il

Un assessore comunale in carica e quattro dirigenti agli arresti domiciliari per l’indagine al Comune di Caserta su appalti pilotati.

L’indagine, che va avanti da due anni, riguarda lavori pubblici e appalti per lavori nelle strade e la pubblica illuminazione. Truffa, falso e corruzione le ipotesi di reato.

Seguiranno aggiornamenti.

(fonte: Ansa)

Continua a leggere

Caserta

Il TAR annulla la revoca del permesso a costruire in sanatoria: ma la casa è già stata demolita

Pubblicato

il

Nel 2016, un cittadino di Sessa Aurunca ottenne un permesso di costruire in sanatoria con cui aveva regolarizzato l’abitazione di proprietà nella quale viveva.
Nel 2022, il comune di Sessa Aurunca, a seguito di una sentenza della Corte Costituzionale, valutata erroneamente dall’amministrazione, ha revocato il permesso.

L’uomo ha, allora, impugnato e ottenuto l’annullamento del provvedimento dinanzi al Tar Campania. Nel frattempo, però, la sua abitazione è stata demolita.

Ora si valuterà un’azione di risarcimento dei danni.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy