Resta sintonizzato

Cultura e spettacolo

[VIDEO] Simone Schettino chiarisce: ecco cosa penso veramente di Gomorra

Pubblicato

il

Molti avranno già visto il video virale che da circa un giorno circola sui maggiori social network, in cui Simone Schettino dice la sua su Gomorra durante uno spettacolo sulla lunga promenade di Napoli, via Carracciolo, vanto dei cittadini e meraviglia agli occhi dei turisti di ogni nazionalità.

Una delle caratteristiche dei video virali, è che vengono tanto condivisi quanto criticati, ma il comico napoletano non ha disdegnato immediati chiarimenti e, con onestà intellettuale, ha chiarito ai suoi fan il malinteso.

“Quando dico che qualcuno dovrebbe fare qualcosa per migliorare certi quartieri non mi riferisco certo a Sky o a chi ha scritto la serie…”  ci tiene a precisare, e in più sottolinea ” il fenomeno dell’emulazione”, per il quale nessuno può negare d’essersi preoccupato. Soprattutto, Simone Schettino vuole riferirsi in particolare a chi emula, senza dare colpe a nessun altro.

Che i mezzi di comunicazione abbiano una forte influenza sulla realtà circostante, è quello che ci ha preoccupati maggiormente negli ultimi anni: dalla nascita del cinematografo a Gomorra, davanti ai nostri occhi sono passate milioni di immagini e gli studiosi non hanno mai smesso di chiedersi di chi fosse la responsabilità delle stesse.
Se fosse vero che la colpa dell’emulazione è di chi ha trasmesso la serie o di chi l’ha pensata e poi creata, dovremmo ammettere anche che il successo della serie spetta solo e unicamente allo spettatore e ne il regista, ne l’emittente televisivo, avrebbero mai trasmesso qualcosa di inguardabile. Non sarebbe una novità veder chiudere una trasmissione perché nessuno la guarda.
In questo unico, grande quartiere che è l’hinterland napoletano, sembra quasi che i giovani provino una sorta di piacere ad essere etichettati come reietti della società, in fondo la camorra è nata proprio da questo tipo di mentalità: la condizione di schiavitù diventa un vanto, un’esclusiva, piuttosto che qualcosa dalla quale tentare di uscire.

“Ma poi perché un produttore cinematografico dovrebbe spendere soldi per migliorare un quartiere?” continua Schettino “sono altre le persone che dovrebbero farlo”.

Da anni i media sembrano essersi concentrati esclusivamente sul degrado di Napoli, che riguarda maggiormente l’hinterland e i quartieri degradati, ormai territori indipendenti per cultura e politica, abbandonati a se stessi, molto diversi da via Caracciolo, “gli stati uniti di scampia-secondigliano” come dice Salvatore Conte, gli stati uniti -più precisamente- dell’hinterland napoletano, dove l’aria veramente sembra non esserci e quello che è raccontato in Gomorra sembra una favola per bambini, perchè viverci è diverso, tanto per i giovani quanto per gli adulti e gli anziani, i bambini è meglio non osare nominarli.
Viverci significa non sapere dove andare a passeggiare, dimenticarsi degli odori, restare intere ore fuori a un bar nell’alienazione più totale.

Simone Schettino ci ha dato uno spunto di riflessione importantissimo, dal quale potremmo evolvere ulteriori domande: siamo noi che emuliamo Gomorra o è Gomorra che emula noi?
La serie riporta una storia vera, alla fine moriranno tutti (o quasi) uccidendosi l’uno con l’altro. Noi, invece, quale epilogo vogliamo dare alla nostra realtà? La nostra diventerà una vera storia d’amore per noi stessi e per il nostro paese o moriremo tutti?

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Rai, è morta a una delle ‘Signorine buonasera’: addio ad un pezzo di televisione

Pubblicato

il

Addio a una delle ‘Signorine buonasera’ della Rai: è morta a Grosseto Maria Rita Viaggi, una delle annunciatrici che ogni giorno e ogni sera raccontavano agli italiani il palinsesto della Rai.   

Viaggi non aveva compiuto ancora 70 anni ed è scomparsa, uccisa da un malore, nella sua città natale, dove era tornata a vivere dopo tanti anni trascorsi a Roma. Era proprio in casa con il marito quando si è sentita male. Vani i tentavi del 118 di rianimarla.

Continua a leggere

Cultura e spettacolo

Record su record per Radio Italia Live in piazza del Plebiscito

Pubblicato

il

Piazza del Plebiscito gremita ieri per Radio Italia Live – Il Concerto che ha visto avvicendarsi sul palco alcuni dei più grandi nomi del panorama musicale nazionale.

La serata ha avuto inizio con un’apertura d’eccezione: a sorpresa Gigi D’Alessio ha regalato alla sua città un emozionante omaggio suonando al pianoforte un medley di tre brani di Pino Daniele.

Sul palco, accompagnati dalla Radio Italia Live Orchestra diretta dal Maestro Bruno Santori e presentati dalle voci di Radio Italia Giuditta Arecco, Daniela Cappelletti, Marco Falivelli, Mauro Marino, Enzo Miccio, Manola Moslehi, Paoletta Emiliano Picardi e Luca Ward, si sono susseguiti i grandi protagonisti della musica italiana: Biagio Antonacci, Rose Villain, Rocco Hunt, Alessandra Amoroso, Articolo 31, Angelina Mango, Francesco Gabbani, Ricchi e Poveri, Irama, Annalisa, Tananai e Elodie.

Per tre ore ininterrotte, i 20 mila presenti in Piazza Plebiscito, per l’occasione, hanno cantato a squarciagola i brani più iconici dei propri artisti preferiti, a sancire il trionfo di questa prima edizione napoletana dell’evento. La copertura social proposta ha raggiunto già nelle prime ore oltre 10 milioni di impression: numeri destinati a salire nei prossimi giorni. Su Tv8 ha ottenuto 493.000 spettatori con il 3.2%, battendo la diretta concorrente “Nove”.
L’hashtag ufficiale #rilive è andato in top trend Italia su X durante l’evento.

Continua a leggere

Cultura e spettacolo

Antonella Clerici operata d’urgenza a Roma

Pubblicato

il

Antonella Clerici è stata operata d’urgenza a Roma.

Lo racconta la stessa conduttrice tv in un post sui social cui allega una sua foto dal letto della clinica in cui è ricoverata.

“Come sempre voglio essere sincera con voi – scrive – e raccontarvi cosa mi è successo perche’ questo possa ricordare a tutti l’importanza della prevenzione. Giovedi scorso arrivo a Roma con l’idea di stare vicino a un’amica e di andare a Napoli al concerto di Gigi D’Alessio. Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da li’ parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie. Tutto è andato bene”, aggiunge.

La conduttrice ringrazia tutti i medici e gli infermieri che l’hanno curata e assistita e gli amici che le sono stati vicini.
Tantissimi i messaggi d’affetto e vicinanza dei suoi colleghi e follower.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy