Resta sintonizzato

Cultura e spettacolo

[VIDEO] Simone Schettino chiarisce: ecco cosa penso veramente di Gomorra

Pubblicato

il

Molti avranno già visto il video virale che da circa un giorno circola sui maggiori social network, in cui Simone Schettino dice la sua su Gomorra durante uno spettacolo sulla lunga promenade di Napoli, via Carracciolo, vanto dei cittadini e meraviglia agli occhi dei turisti di ogni nazionalità.

Una delle caratteristiche dei video virali, è che vengono tanto condivisi quanto criticati, ma il comico napoletano non ha disdegnato immediati chiarimenti e, con onestà intellettuale, ha chiarito ai suoi fan il malinteso.

“Quando dico che qualcuno dovrebbe fare qualcosa per migliorare certi quartieri non mi riferisco certo a Sky o a chi ha scritto la serie…”  ci tiene a precisare, e in più sottolinea ” il fenomeno dell’emulazione”, per il quale nessuno può negare d’essersi preoccupato. Soprattutto, Simone Schettino vuole riferirsi in particolare a chi emula, senza dare colpe a nessun altro.

Che i mezzi di comunicazione abbiano una forte influenza sulla realtà circostante, è quello che ci ha preoccupati maggiormente negli ultimi anni: dalla nascita del cinematografo a Gomorra, davanti ai nostri occhi sono passate milioni di immagini e gli studiosi non hanno mai smesso di chiedersi di chi fosse la responsabilità delle stesse.
Se fosse vero che la colpa dell’emulazione è di chi ha trasmesso la serie o di chi l’ha pensata e poi creata, dovremmo ammettere anche che il successo della serie spetta solo e unicamente allo spettatore e ne il regista, ne l’emittente televisivo, avrebbero mai trasmesso qualcosa di inguardabile. Non sarebbe una novità veder chiudere una trasmissione perché nessuno la guarda.
In questo unico, grande quartiere che è l’hinterland napoletano, sembra quasi che i giovani provino una sorta di piacere ad essere etichettati come reietti della società, in fondo la camorra è nata proprio da questo tipo di mentalità: la condizione di schiavitù diventa un vanto, un’esclusiva, piuttosto che qualcosa dalla quale tentare di uscire.

“Ma poi perché un produttore cinematografico dovrebbe spendere soldi per migliorare un quartiere?” continua Schettino “sono altre le persone che dovrebbero farlo”.

Da anni i media sembrano essersi concentrati esclusivamente sul degrado di Napoli, che riguarda maggiormente l’hinterland e i quartieri degradati, ormai territori indipendenti per cultura e politica, abbandonati a se stessi, molto diversi da via Caracciolo, “gli stati uniti di scampia-secondigliano” come dice Salvatore Conte, gli stati uniti -più precisamente- dell’hinterland napoletano, dove l’aria veramente sembra non esserci e quello che è raccontato in Gomorra sembra una favola per bambini, perchè viverci è diverso, tanto per i giovani quanto per gli adulti e gli anziani, i bambini è meglio non osare nominarli.
Viverci significa non sapere dove andare a passeggiare, dimenticarsi degli odori, restare intere ore fuori a un bar nell’alienazione più totale.

Simone Schettino ci ha dato uno spunto di riflessione importantissimo, dal quale potremmo evolvere ulteriori domande: siamo noi che emuliamo Gomorra o è Gomorra che emula noi?
La serie riporta una storia vera, alla fine moriranno tutti (o quasi) uccidendosi l’uno con l’altro. Noi, invece, quale epilogo vogliamo dare alla nostra realtà? La nostra diventerà una vera storia d’amore per noi stessi e per il nostro paese o moriremo tutti?

Continua a leggere
Pubblicità
1 commento

1 commento

  1. Pingback: Minformo intervista Simone Schettino. – Minformo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura e spettacolo

Ospite all’istituto Cervantes di Napoli Edurne Portela

Pubblicato

il

Edurne Portela, ospite dell’Instituto Cervantes di Napoli mercoledì 14 aprile alle ore 18.

La scrittrice basca in dialogo con l’ispanista Paola Laura Gorla dell’Università degli Studi di Napoli L’Orientale affronterà temi legati alla letteratura etica e al suo lavoro di ricerca, incentrato sullo studio della violenza e le sue rappresentazioni nella cultura contemporanea.

L’incontro si terrà in diretta streaming sulla piattaforma Zoom. Per accedervi gratuitamente bisogna richiedere link e password, inviando una mail all’indirizzo cultnap@cervantes.es.

L’ Istituto Cervantes ad aprile vede protagonista l’autrice del romanzo Formas de estar lejos, Edurne Portela ci parlerà dell’indifferenza, fomentatrice del terrorismo di ETA, alla quale ha dedicato sia il saggio El eco de los disparos: Cultura y memoria de la violencia che il pluripremiato romanzo Mejor la ausencia.

Un dibattito basato sull’etica e sulla collettività, scoprendo le piaghe più malvagie che coinvolgono l’umanità. Il racconto, fa riferimento alla denuncia a quegli aspetti oscuri che la società tende a negare e nascondere, poiché solo attraverso una presa di coscienza collettiva si può trovare la cura.

Continua a leggere

Cultura e spettacolo

ESCLUSIVA. MasterChef Italia. Irene Volpe: “Finalista della decima edizione perché sono stata Irene al 100%”

Pubblicato

il

Irene Volpe è stata finalista dell’edizione 2021 (la decima) di Masterchef Italia, il cooking show di Sky prodotto da Endemol Shine Italy, sempre disponibile on demand, visibile su Sky Go e in streaming su NOW.

Romana, classe 2000, capelli multicolor e sorriso accattivante, Irene ha conquistato il pubblico con la sua autenticità. In una accesissima finale, ha presentato il suo menù FUORI DI TESTA. Quattro portate all’insegna dell’anticonformismo, senza distinzioni tra antipasto, primo, secondo e dolce: Cosce di pecora, ricotta romana fritta con “osso” di nocciole e coulis di clementine e mentuccia; “Crudo 100%”, acqua di frutti di bosco con banana, funghi, sfere di latte di cocco, dattero, massa di cacao Criollo, olio di legno di ribes nero e sale grigio Bretone; “Tripudio”, cipolla al vino rosso, za’atar e cedro candito con sfoglie all’anice e cicoria ripassata; “Pampapato”, ravioli ripieni di frutta secca, miele e uva passa, con crema di baccalà e aria all’arancia.

Irene, sei indubbiamente il personaggio più amato della decima edizione di MasterChef Italia. Che effetto ti fa?

Non mi aspettavo tutto questo riscontro da parte di persone di tutte le fasce d’età. Ho ricevuto moltissimi direct su Instagram di disegni miei mentre cucinavo, fatti dai bambini. Una gioia immensa sapere che ho tenuto compagnia attraverso degli schermi in questo periodo così complesso. E non è tutto. Molti adolescenti mi hanno scritto dicendomi che grazie a me hanno ritrovato la voglia per affrontare i loro problemi, la forza nel perseguire le loro passioni, la spinta a mangiare e di combattere il loro apparente nemico: il cibo. Mi hanno fatto capire quanto sia importante essere portavoce di un messaggio, e io ho scelto di prendermi questo ruolo a 360°. Cerco di tenere un rapporto diretto con chi continua a sostenermi ogni giorno sui social, rispondendo a messaggi (vi giuro che 2 ore al giorno le dedico solo a quello), interagendo con altri utenti che ho anche avuto modo di conoscere meglio. Mi sembra tutto surreale. Quando giro per strada e mi chiamano “IRENEEEE” sono la persona più felice del mondo, mi danzano le cipolline in testa dalla gioia! (peraltro mi beccano sempre mentre sto mangiando qualcosa…).

Il tuo percorso a MasterChef Italia è stato caratterizzato da una crescita costante: ti sei presentata in punta di piedi e sei diventata sempre più forte, mostrandoti determinata e severa con te stessa. È stato questo il punto di forza, oltre naturalmente alla tua straordinaria capacità culinaria?

“Straordinaria capacità culinaria” non direi… cioè, grazie mille, ma ho ancora un’infinità di cose da imparare (in cucina e in generale nella vita non si arriva mai, al massimo si mette un check point). Sono entrata proprio con questo spirito: io non so niente e gli altri sanno tutto. Così ho iniziato a leggere, studiare, rubare con gli occhi e sperimentare. Il confronto con gli altri compagni mi ha aiutato tantissimo: Antonio è un’enciclopedia vivente del pesce, Max il veterano delle salse provenienti da tutto il mondo, Cristiano il mago del sapore di casa, Jia Bi la macchina dei ravioli alla piastra, Monir… (beh, Monir è Monir!). Ad un certo punto della gara, poi, ho capito che dovevo fidarmi di più del mio istinto e delle mie folli idee, senza guardare in faccia a nessuno ma solo a me stessa. È lì che la vera Irene è iniziata a venire fuori, fino a presentare il suo menù “Fuori di testa” in finale. Essere severa con me stessa, nel passato, mi ha portato a essere determinata e a raggiungere tutti gli obiettivi che mi prefissavo con largo anticipo. Sicuramente un pregio, ma anche un qualcosa che mi ha fatto perdere tante esperienze, mi ha fatto perdere di vista le mie passioni, il godersi la vita ed il buon vecchio e sano “CHISSENE”. Il mio punto di forza non lo so qual è e quale è stato. Forse l’unica risposta adatta è: “Il mio punto di forza è essere Irene al 100%”.

Cucinando hai anche raccontato con grande sincerità dei tuoi problemi alimentari. Ritieni che la cucina sia terapeutica?

Non è la cucina in sé ad essere terapeutica in generale per chi soffre di DCA, ma sono le PASSIONI. Continuerò a ripetere fino allo stremo che se noi, come esseri umani non alimentiamo le nostre passioni, annichiliamo il nostro essere e finiamo per vivere in un oblio senza via di fuga, senza luce. La passione è la nostra benzina! Nel mio caso sono la cucina, il disegno, l’arte, il canto, la musica… Bisogna dar da mangiare a queste piccole lucciole altrimenti andranno a spegnersi, e vi assicuro che prima di riuscire a capire che andranno riaccese, può darsi che vi ritroviate con 18 chili in meno, come me. Detto ciò, cucinare può aiutare chi soffre di disturbi come il mio, a ristabilire un rapporto più sano con il cibo. Dipende, comunque, da caso a caso.

Quanto è forte il tuo legame con Roma?

Roma è una delle città più belle del mondo. Non ho bisogno di dirlo io che ci vivo, lo urla e grida lei stessa. Forse noi Romani potremmo trattarla un po’ meglio a volte, la nostra vecchia, partendo dal darle più attenzioni. Sapete quanto potreste girare in giro in cerca di patrimoni artistici prima di potervi fermare? Ah beh, secondo me non hanno mai fatto una stima al riguardo perchè andrebbero in palla pure i computer.

Con quale dei tre super chef ti sei sentita più in affinità?

Ognuno dei tre chef ha una propria personalità, sono legata ad ognuno di loro per motivi diversi. Ci tengo a dire, però, che la frase: “C’è la tradizione, l’innovazione e poi c’è Irene” pronunciata da Chef Antonino Cannavacciuolo, mi ha fatto provare un brivido mai provato prima con nessuno degli altri giudici.

Regalaci una chicca di un dietro le quinte di MasterChef Italia.

Una sera io ed Antonio decidiamo di cucinare i tagliolini all’uovo con burro e tartufo, invitando un paio di compagni di avventura. Tutto perfetto nella preparazione della pasta e del condimento, poi il misfatto: Antonio butta 1kg di tagliolini in una pentola poco capiente (‘du dita d’acqua…). Il risultato: una frittata di tagliolini al burro e tartufo. Buona eh, ma un po’… un “mappazzone”. Abbiamo comunque tutti gradito (tranne Monir che si lamentava come suo solito. Intanto però aveva scroccato la cena comunque, ride, ndr).
[Consiglio da MasterChef: mettete su più acqua.]

Progetti futuri e sogni nel cassetto?

Settimane fa ho fatto un mega post su Instagram riguardo ai miei “progetti futuri”. Invito tutti ad andarlo a spulciare.Fondamentalmente voglio VIVERE. Vivere perché mi sono persa tante cose, vivere perché il mio corpo ora è inibito ma vuole reagire. VIVERE perché la mia mente freme, vuole produrre ed è stanca di essere prigioniera di se stessa. Vi sembra troppo astratto?Beh, eccovi un esempio: sto cercando di scrivere un piccolo mio libro. Non un ricettario, bensì ricette associate ad una storia, un disegno… Non vi sembra abbastanza? Sto programmando una mia linea di Panettoni per Natale; spero di portarla a termine. Per il resto continuo a condividere con tutti i miei supporters la ME MEDESIMA, con naturalezza e semplicità, ed un pizzico di disagio (come lo chiamo io) che non guasta mai.

Grazie, meravigliosa Irene!

di Monica CARTIA

Continua a leggere

Attualità

“Ricominciamo” di Claudio Trotta: “Serve un protocollo per i concerti dal vivo”

Pubblicato

il

Il general manager fondatore della Barley Arts, Claudio Trotta, sta facendo di tutto per smuovere la complessa situazione che blocca gli eventi, ormai da più di un anno.

Trotta sembra molto scettico sulla reale efficacia nell’organizzare dei concerti-test con un pubblico tamponato e con mascherine. Ha così presentato il protocollo che ha elaborato e che ora si trova al vaglio del Ministero della Cultura, dell’Istituto Superiore di Sanità, del Comitato Tecnico Scientifico e che prevede, sostanzialmente, un ritorno dei concerti live da fine maggio all’aperto ed al chiuso.

Il tema su cui credo si debba insistere è che si deve ricominciare con un protocollo come tutte le altre attività fanno e continuano a fare da un anno. Se si può stare insieme, per esempio, in fabbrica e nei centri commerciali, non ha alcun senso non poterlo fare negli spazi dello spettacolo dal vivo con posti pre-assegnati e l’applicazione di un rigido protocollo operativo e sanitario” ha affermato Trotta.

Continuando “L’esperimento di Barcellona mi pare non sia particolarmente significativo (cosa dimostra il fatto che in uno spazio con tutte persone risultate negative ai test non si propaghi il contagio?) test onerosi e insostenibili economicamente dal 90% di teatri , club ,location di varia natura“.

Concludendo “Non credo inoltre che in questa fase sia utile porsi in maniera antagonista e rivendicativa ma si debba invece cercare di far comprendere quale enorme risorsa di esperienza ,professionalità, umanità e socialità tutto il mondo dello stare insieme rappresenti per tutti e non solo per le maestranze, gli artisti, il pubblico e le imprese che lo alimentano e lo amano”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante