Resta sintonizzato

POLITICA

I politosauri

Pubblicato

il

Le prime elezioni della storia d’Italia, dopo il periodo fascista, si tennero nel  1946, in una soleggiata giornata di luglio, precisamente il 2.

Si recarono alle urne il 62% degli aventi diritto, incaricati di optare tra repubblica o monarchia e di scegliere, inoltre,  i 556 deputati dell’Assemblea costituente.

Mentre, però, già si era a conoscenza di cosa fosse la monarchia, quella della repubblica era una novità. Gli italiani scelsero la seconda, un po’ perché gli piaceva la freschezza del termine, un altro po’ perché il Re gli aveva fatto qualche dispetto di troppo.

Discorso diverso meritano i politici candidati.

Questi non erano affatto sconosciuti, anzi, disegni ritrovati in alcuni scavi rupestri della montagna calabrese, provano che la loro esistenza era nota già presso gli etruschi e se ne ritrovano tracce anche in alcuni papiri del Qumran.

Il fatto più sconcertante è che alcuni, sembra, siano stati prima salvati da una pioggia insistente per merito di un certo Noè, e poi grazie all’intercessione del ladrone a destra del Cristo crocifisso, un attimo prima della sua morte.

I loro nomi sono restati uguali nei secoli dei secoli.

Molti sospettano che un antico rituale mesopotamico ne garantisca l’immortalità. Vero è che nessun essere umano può essere eterno, nemmeno il politico, il quale alla fine della sua carriera viene tumulato in un sarcofago magico, detto Senato, e reso di fatto invincibile.

Il politico che viene investito di una qualsiasi carica istituzionale, viene fornito di un’armatura impenetrabile che lo rende sbeffeggiante davanti a tutti gli attacchi possibili, specialmente quelli derivanti da presunte accuse di corruzione e di ladrocinio ai danni del popolo elettore e non.

In pratica, detto individuo, diviene una specie di moderno Sigfrido, viene immerso nel sangue del popolo, stando attenti a che nessuna foglia possa coprire parti del suo corpo, per poi divenire immortale e invincibile.

Non si deve pensare, però, che questo accada solo a un livello alto della repubblica. Basta essere un politico, anche l’assessore alla pubblica inutilità in un paesino di 8 abitanti, per acquisire i superpoteri.

I sindaci, ad esempio, specialmente nei paesi supposti, si passano di mano la carica per centinaia e centinaia di anni, cinque anni ciascuno, in un giro che comprende al massimo tre o quattro partecipanti, fino a quando non ne arriva uno che, non essendosi accorto che durante il bagno di sangue gli era caduto un pelo pubico sul piede, viene freddato a tradimento dal suo nemico.

Stesso discorso vale per tutti i componenti dei consigli comunali.

Questi Highlander svolgono la loro funzione indisturbati perché hanno dalla loro parte l’istruzione. Infatti, sempre nei consigli comunali, si possono annoverare medici, avvocati, farmacisti, architetti, e il meglio delle professionalità locali.

I medici prendono consensi con la promessa di curare gli incurabili, gli avvocati con quella di farti vincere la causa contro lo stesso comune per non pagare la monnezza, gli architetti che ti fanno costruire 1.000.000 di mq di casa su un appezzamento di terreno di 200 mq, e via via, fino ad arrivare al concetto che se non conosci nessuno sul municipio è inutile che tu continui a campare.

Nel 1992 ci fu una feroce caccia al politico e molti temettero per la loro estinzione. Si costruirono allora recinti intorno ai palazzi di potere che potessero proteggere la specie, alcuni cacciatori provarono e penetrare all’interno ma, a causa dell’influsso malefico della beata vergine Belen, furono trasformati anche essi in politici della peggiore specie. Qualcuno provò a scappare ma il maleficio lo fece diventare Di Pietro.

Ma una speranza esiste sempre, se la natura, Gaia, è riuscita a disfarsi dei dinosauri, chissà che non ci riesca anche per questa altra varietà altrettanto feroce e pericolosa.

Intanto qualcuno ha ritrovato uova di Berlusconum Andropositum, una razza che pareva essersi estinta, sembra che voglia provare a rivitalizzare il suo DNA, che Dio ce la mandi buona.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POLITICA

Da giovedì torna l’inverno sulla Campania: freddo e vento

Pubblicato

il

Torna il freddo da giovedì 20 gennaio su tutta la Campania, con temperature in picchiata e possibili nevicate anche a bassa quota. Colpa di un vortice di gelo artico proveniente dall’Atlantico e che dopo aver attraversato mezza Europa, valicherà le Alpi e scenderà lungo la penisola arrivando in Campania nella giornata di giovedì, spazzando via gli ultimi scampoli del vasto anticiclone che invece aveva fatto da “scudo” in questi giorni, regalando un clima piuttosto mite, caratterizzato dal sole seppure con temperature leggermente al di sotto delle medie stagionali.

Ma sarà una parentesi come detto destinata a chiudersi entro giovedì, con un drastico peggioramento proprio nel fine settimana, quando oltre al crollo delle temperature arriveranno anche le giornate di pioggia: un mix che porterà alla formazione di neve non solo sulle vette più alte della Campania, come i monti dell’appennino e il Vesuvio, ma anche a bassa quota. Il rischio neve è alto anche a bassa quota: rischio neve anche nei capoluoghi di Avellino e Benevento, ma i fiocchi sono attesi anche a Napoli, sulle zone collinari (Vomero e Camaldoli). Non ci sono allerte meteo, per il momento: ma non è escluso che, tra venti forti e rischio gelate, i primi avvisi della Protezione Civile regionale possano giungere proprio tra giovedì e venerdì, con particolare attenzione al fine settimana. L’inverno, del resto, è ormai inoltrato: e farà la sua irruzione in Campania a partire dal 20 gennaio, giorno in cui ci sarà una solta di passaggio di consegne tra il clima mite della prima metà di gennaio e quello freddo della seconda. Del resto, gennaio porta il nome del dio Giano dei romani, famoso proprio per avere due facce totalmente diverse l’una dall’altra. Una somiglianza che si riflette anche nel clima di gennaio.

Continua a leggere

POLITICA

Covid in Campania, il bollettino del 17 gennaio: pochi tamponi, scendono i casi ma 31 morti

Pubblicato

il

Covid Campania, il bollettino del 17 gennaio 2022 – Consueto appuntamento con l’Unità di Crisi della Regione Campania che quotidianamente aggiorna sui contagi rilevati sul territorio. Oggi sono 9.370 i nuovi positivi (ieri +17.667) a fronte di pochi tamponi effettuati 53.819 (ieri erano stati il doppio +104.906).

Il tasso di positività è in lieve salita e si attesta al 17,41% contro il 16,8% dell’ultimo aggiornamento. I decessi sono 25 nelle ultime 24 ore più 6 deceduti in precedenza ma registrati ieri (+5 nel bollettino di ieri). Aumenta il numero dei ricoverati in terapia intensiva mentre scendono quelli in area medica.

  • Posti letto di terapia intensiva disponibili: 699
  • Posti letto di terapia intensiva occupati: 92, +5
  • Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (*)
  • Posti letto di degenza occupati: 1.311, -49
Continua a leggere

POLITICA

San Giorgio a Cremano, all’alt scappa in contromano: arrestato 43enne

Pubblicato

il

SAN GIORGIO A CREMANO – Gli agenti del Commissariato Ponticelli durante la serata di oggi, nel transitare in via Luca Pacioli, hanno intimato l’alt ad un uomo a bordo di un’auto il quale dopo essersi fermato ha innestato la retromarcia e si è dato alla fuga.

Ne è seguito un lungo inseguimento. Il soggetto in questione ha effettuato una serie di manovre piuttosto pericolose

Ne è nato un lungo inseguimento durante il quale il conducente ha effettuato manovre pericolose per la circolazione stradale e, in via Dalbono, ha impattato contro un veicolo proveniente dal senso opposto di marcia proseguendo la sua corsa fino a quando, in via Cook a Ercolano, ha abbandonato il veicolo per continuare la fuga a piedi facendo perdere le sue tracce.

Poco dopo, i poliziotti del Commissariato San Giovanni- Barra hanno rintracciato l’uomo, intestatario dell’auto abbandonata in precedenza, nei pressi della sua abitazione a San Giorgio a Cremano identificandolo per G.O., 43enne napoletano, e lo hanno arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale.

Inoltre, gli sono state contestate 7 violazioni del Codice della Strada per mancata copertura assicurativa, mancato uso delle cinture di sicurezza, circolazione contromano, velocità non commisurata, mancata precedenza, per non essersi fermato all’alt e per non essersi fermato in un sinistro stradale con soli danni a cose; infine, l’auto è stata sequestrata.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante