Resta sintonizzato

POLITICA

Se non lo riconoscete, non siete di Caivano

Pubblicato

il

Parliamo ancora di un Sindaco, di quello che si è vantato della gara europea per la mondezza, quello che poi la spazzatura resta sempre per le strade e non viene differenziata, quello che dice che è meglio un fallimento oggi che poche tasse domani. A  questo punto dovreste aver capito di chi parliamo, e se ancora non avete la soluzione sulla punta delle lingua, allora pensate al Titanic o allo shuttle Challenger, all’incendio di Roma nel 64 A.C. o al dirigibile Hindemburg, insomma cercate di scovare nella vostra testa un qualsiasi disastro umanitario da che il mondo esiste e il suo nome vi verrà in mente automaticamente.

Stando ai fatti, noi di Minformo, avevamo scovato una valanga di determine, a firma dei dirigenti comunali caivanesi, per il pagamento delle fatture ad alcuni fornitori, emesse alla vigilia della dichiarazione del fallimento del comune.

Siccome siamo malpensanti, un po’ di dubbi c’erano venuti sul perché di tanta solerzia.

Che forse c’erano da accontentare le solite ditte amiche prima che le casse venissero svuotate da altri impegni di spesa?

A dire il vero e per onore alla verità, mai come in questo caso ci eravamo sbagliati, almeno stando alle voci dei nostri informatori, dato che non un solo euro è stato bonificato agli intestatari dei provvedimenti. La ragione sembra essere la più banale, le casse vuote. La soluzione è, dunque, attendere che si incassi l’Imposta Municipale sugli immobili, per onorare gli impegni presi.

Eppure nelle determine in questione è messo nero su bianco che la copertura finanziaria esiste, perché dunque attendere l’obolo del cittadino?

Ci chiediamo allora, non è che per non avere debiti si stanno facendo altri debiti e che il serpente inizia a mordersi la coda?

E ci chiediamo ancora, come faranno a onorare l’altra miriade di pagamenti certificati dalla pubblicazione nell’albo pretorio dopo la dichiarazione di dissesto finanziario durante il famoso consiglio comunale censurato?

Dimenticavo di dire che il comune comincia a raccattare soldi dalle bollette dell’acqua, visto il discreto aumento della tariffa fissa e, siamo pronti a scommettere un caffè, ci saranno altri, e ben più onerosi, tributi per gli elettori caivanesi.

Come al solito paga il cittadino e come al solito noi saremo tacciati di populismo e sfascismo…

A questo punto credo che con l’ultima parola il nome di questo beneamato Sindaco dalla punta della lingua vi sia finito sulla punta di un altro organo e il suo nome vi sia venuto immediatamente in mente.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Putin: “Possibile tregua in Ucraina per le prossime Olimpiadi”

Pubblicato

il

Il presidente della Russia, Vladimir Putin, ha confermato di aver parlato con Xi Jinping, l’omologo cinese, circa la possibilità di una tregua in Ucraina in concomitanza delle prossime Olimpiadi.
Anche se il presidente ucraino Voldymyr Zelensky si è mostrato alquanto scettico su questa evenienza.
Il presidente Xi Jinping ha detto che la Cina “sostiene la convocazione di una conferenza di pace internazionale riconosciuta da Russia e Ucraina al momento opportuno con pari partecipazione e discussione equa di tutte le opzioni”.

Russia e Cina s’impegneranno a rafforzare i legami militari, in base alla dichiarazione congiunta firmata a Pechino dai presidenti Vladimir Putin e Xi Jinping.

Continua a leggere

Cronaca

Scafati, tragedia nel cantiere: operaio 25enne muore schiacciato da carico pesante

Pubblicato

il

Nell’arco di ventiquattro ore, in Campania si è arrivati alla seconda morte sul lavoro.
In via Melchiade, a Scafati, poche ore fa, si è consumata un’altra tragedia ai danni di un operaio: un ragazzo, di 25 anni, è morto schiacciato da un carico pesante che stava alzando.
Soltanto ieri pomeriggio, 16 maggio, la comunità afragolese ha dovuto dire addio a Raffaele Boemio -> https://www.minformo.com/2024/05/17/afragola-operaio-finisce-in-unimpastatrice-del-cantiere-addio-a-raffaele/(si apre in una nuova scheda)

Continua a leggere

Bagnoli

Presidente Anci Campania: “Le risorse per Bagnoli non vanno sottratte al Fondo per lo Sviluppo e la Coesione”

Pubblicato

il

Carlo Marino, sindaco di Caserta e presidente di Anci Campania, ha affermato in una nota:

Anci Campania è particolarmente felice che si prospetti una soluzione per la bonifica di Bagnoli, un progetto che ha un’importanza strategica per Napoli. Napoli non è solo la capitale del Sud, ma anche una delle grandi capitali del Mediterraneo. Tuttavia, è essenziale che questa importante iniziativa non sottragga risorse agli altri 549 Comuni della Campania. Se dal fondo di 5,9 miliardi venissero tolti 1,2 miliardi per Bagnoli, si ridurrebbero inevitabilmente le risorse e le opportunità per tutti gli altri comuni della regione. Anci Campania invita il Governo a trovare, attraverso un percorso istituzionale che coinvolga direttamente il Presidente del Consiglio dei Ministri, i fondi necessari per la bonifica di Bagnoli al di fuori di quelli già programmati dal Fsc. Siamo fiduciosi si possa trovare una soluzione”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy