Resta sintonizzato

POLITICA

[LAPUCELLE] Chi si umilia sarà esaltato – VANGELO DEL GIORNO

Pubblicato

il

In quel tempo, Gesù disse questa parabola per alcuni che presumevano di esser giusti e disprezzavano gli altri:
«Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l’altro pubblicano.
Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: O Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano.
Digiuno due volte la settimana e pago le decime di quanto possiedo.
Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: O Dio, abbi pietà di me peccatore.
Io vi dico: questi tornò a casa sua giustificato, a differenza dell’altro, perché chi si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato».

Vi è mai capitato di essere convinti di possedere la verità?
A me si, lo confesso.
Dall’adolescenza ai miei vent’anni ero oggettivamente troppo “piena di me stessa”. E avevo guardato troppi film di Nanni Moretti.
In realtà non mi conoscevo, i miei erano soltanto deliri di onnipotenza che, per fortuna, col tempo sono andati affievolendosi e sicuramente spariranno -prima o poi.
La sensazione di essere un dio in terra ti riempie e ti svuota allo stesso tempo: riesce a creare un’immagine falsa di te stesso. Quando questo pericoloso gioco inizia, ne sei ben consapevole, poi col tempo ti abitui al punto di diventare quella falsa copia, quel simulacro, il contenitore del nulla.
Per fortuna ne sono uscita -e dovrò uscirne sempre più: l’umiltà è tutto ciò che abbiamo da imparare per cominciare a Vivere; la conoscenza di se stessi, dei propri limiti che non possono essere colmati con l’autosufficienza. Non sarà la nostra personalissima ragione a salvarci, ne la nostra razionalità da quattro soldi, non le nostre convinzioni, le nostre passioni, il nostro modo incompleto di vedere le cose. Sarà piuttosto la consapevolezza che quelle nostre ragioni, quelle nostre convinzioni e passioni sono incomplete.
L’imprevisto farà il resto: e se non ci arrabbieremo quando arriverà potremo star ben sicuri di essere sulla strada giusta.
Dico che molto spesso bisogna tirarsi indietro, per stare davanti; bisogna poter dire “rinuncio” per avere; bisogna umiliarsi per essere esaltati.
E’ una vera e propria liberazione poter dire: “non ce la faccio da solo”.

-S.cat

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dal Mondo

Orban: “Europa prossima all’ingresso in guerra in Ucraina”

Pubblicato

il

Il Primo Ministro ungherese, Viktor Orban, ha dichiarato che a Bruxelles sono in corso i preparativi da parte dei gruppi di lavoro su come la Nato possa partecipare alla guerra Russia-Ucraina.

“Ciò che sta accadendo oggi a Bruxelles e Washington, o attualmente più a Bruxelles, sta creando l’atmosfera per un eventuale conflitto militare, che potremmo anche descrivere come una preparazione all’entrata in guerra dell’Europa”, ha affermato Orban, su citazione dall’agenzia ungherese Mti.

Continua a leggere

POLITICA

Arrivato a Napoli il primo volo diretto da New York

Pubblicato

il

Il primo volo Delta Air Lines da New York JFK è atterrato, oggi, a Napoli.
L’aeromobile, un Boeing 767-300 , è arrivato al completo alle 07.30, ora locale, ed è stato salutato da un water arch di benvenuto, mentre i passeggeri in arrivo hanno ricevuto un welcome gift in ricordo dell’evento.
Partirà domani, alle 9.30, il primo collegamento Delta dall’Aeroporto di Capodichino di Napoli per New York JFK.

Continua a leggere

POLITICA

Il ‘salva-casa’ in Consiglio dei Ministri, Salvini: “Non è un condono”

Pubblicato

il

Il Consiglio dei Ministri accoglie il decreto salva-casa del vicepremier e ministro Matteo Salvini dopo le ultime correzioni apportate, come l’inclusione di tende e pompe di calore tra le misure.
Si tratta “di misure specifiche finalizzate a rimuovere quegli ostacoli, ricorrenti nella prassi, che determinano lo stallo delle compravendite a causa di irregolarità formali”, recita la relazione illustrativa della bozza del decreto.
Quindi il decreto non riguarda gli abusi edilizi strutturali ma solo gli abusi di minore entità, come un tramezzo spostato o una finestra posizionata diversamente.

Tra le misure il decreto prevede:
PIÙ INTERVENTI IN EDILIZIA LIBERA; TENDE E COPERTURE;  POMPE DI CALORE E VETRATE AMOVIBILI; NUOVE TOLLERANZE COSTRUTTIVE.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy