Resta sintonizzato

Attualità

Il PD di Albenga non vuole il cane antidroga, è fascista!

Pubblicato

il

Un Sindaco del PD, esattamente quello che ha vinto le ultime elezioni nella cittadina di Albenga, famosa per il premio “La Fionda” e i “Fieui di caruggi”, ha di fatto rifiutato di reclutare un cane in quanto, secondo lui, quest’ultimo è fascista.

Quello che è successo giovedì sera in consiglio comunale e che è stato poi reiterato sui giornali è una cosa molto grave. Mostrare con arroganza, superficialità e presa in giro nei confronti dei presenti e delle associazioni sindacali e partigiane la foto di Mussolini dimostra che davvero il Sig. Ciangherotti capisce poco delle istituzioni che rappresenta”. E’ la dura presa di posizione del gruppo consigliare del Pd di Albenga dopo lo scontro andato in scena all’ultimo consiglio comunale di Albenga.

“Crediamo che la stupidità dimostrata in questa e in altre occasioni non sia degna di un consigliere comunale. Gli chiediamo quindi di dimettersi: questa sua boutade dimostra che non conosce la storia e la sensibilità della nostra città e che soprattutto non ha la minima statura morale per rappresentarla. Non crediamo nemmeno che sia adatto a rappresentare gli iscritti di Forza Italia: non tutti godono di questa sua irresponsabilità e arroganza” aggiungono i consiglieri del Partito Democratico ingauno riferendosi a Ciangherotti”. Così riporta il sito di informazione IVG.

La notizia è stata poi ripresa da altri giornali nazionale e ha suscitato un vivaio di proteste anche da parte dell’A.M.P.I.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Superenalotto. Centrato il ‘5’ in una tabaccheria di Giugliano: vinti 33 mila euro

Pubblicato

il

La Dea bendata bacia Giugliano. Infatti, è notizia delle ultime ore, che 18 fortunati giocatori abbiano vinto circa 33 mila euro in una tabaccheria in via Primo Maggio. Il sistema con la combinazione vincente del Superenalotto, è stato elaborato dalla stessa proprietà dell’esercizio. Una boccata d’ossigeno dunque, in un periodo così complesso.

Continua a leggere

Attualità

Estero. Alle 15 i funerali del Principe Filippo: William e Harry distanziati

Pubblicato

il

Fiori, palloncini e altri piccoli omaggi, vengono lasciati da questa mattina fuori al castello di Windsor, dove in questi istanti si stanno celebrando i funerali del Principe Filippo, Duca di Edimburgo. Alla cerimonia parteciperanno circa 30 persone, nel rispetto delle normative anti Covid; ma ciò nonostante i negozi della capitale inglese, hanno voluto comunque ricordare il Principe, esponendo nelle loro vetrine alcune foto che lo ritraggono.

Come riporta la BBC, durante l’evento funebre, saranno celebrati l’amore per la vita in mare del Duca di Edimburgo e il suo forte legame con la Royal Navy, di cui lui stesso ha fatto parte. Anche le musiche e le preghiere saranno dedicate a questo ricordo, per volere dello stesso Filippo, il quale aveva pianificato tutto nei minimi dettagli.

Numerosi i messaggi di cordoglio, tra cui quello della celebre artista londinese Kaya Mar, 65 anni, che dopo aver lasciato un ritratto ad olio di Filippo fuori dai cancelli, ha rilasciato questo breve pensiero: “Mi piaceva, era un adorabile padre di famiglia, un gran lavoratore dedito a questo Paese e ci mancherà”

Continua a leggere

Attualità

Due uomini arrestati per tentata estorsione nel napoletano: vittima un imprenditore

Pubblicato

il

Ieri sera, i militari della Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Castello di Cisterna, hanno arrestato un 51 enne del luogo e un 45 enne di Capaccio (SA), già noti alle forze dell’ordine.

Secondo le ricostruzioni investigative, i due, sono ritenuti gravemente indiziati di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. Grazie ad una fitta serie d’indagini dei militari dell’Arma, è stato possibile ricondurre agli indagati un tentativo di estorsione, avvenuto tra il marzo e il giugno del 2019, nei confronti dell’amministratore unico di una società edile di Pomigliano d’Arco.

Nello specifico, l’amministratore della società avrebbe dovuto versare la somma di 5 mila euro mensili per proseguire i lavori di realizzazione di un immobile di edilizia civile, all’epoca dei fatti in costruzione nel centro napoletano.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante