Resta sintonizzato

Attualità

Questo gatto si innamorò di un bambino prima della sua nascita

Pubblicato

il


Si chiama Panda questo gatto.

Si è innamorato del bambino della sua padrona prima ancora che nascesse.

Spesso gli animali ci riservano delle sorprese, il loro amore verso gli umani è disinteressato e sincero.

Gli uomini non sempre ricambiano con lo stesso amore.

Anche se i gatti sono amati da milioni di persone in giro per il mondo non c’è dubbio che i cani siano spesso i preferiti e i più coccolati da molte famiglia. Forse questo è dovuto al fatto che questi adorabili felini sono considerati degli animali indipendenti e che di conseguenza abbiano bisogno di minori attenzioni.

Ma pensandoci bene, il fatto che siano indipendenti non è del tutto negativo: non c’è bisogno di lavarli, di dar loro da mangiare ad orari specifici, o di portarli fuori per i loro bisognini.

Ma non solo… Non lo sapete ma talvolta i gatti si sono resi protagonisti di incredibili storie.

Ma questa è tutta un’altra storia.


” Quando sono rimasta incinta, Panda ha iniziato a seguirmi ovunque, appoggiando la testa sulla mia pancia, come se volesse tenere il bambino al sicuro ”, – dice Liel, proprietaria di Panda.

 

211005-2-650-fd5c589105-1484644037

210705-1-650-f8c930256f-1484644037

Il gatto custodito il bambino della sua proprietari in questo modo per tutti i nove mesi prima che lui nascesse.

210955-3-650-fd5c589105-1484644037

Quando il bambino finalmente arrivò, Panda lo riconobbe come il suo fratellino, che aveva atteso per così tanto tempo, quasi immediatamente. Ora il gatto cerca sempre di stare accanto al bambino, e  sveglia Liel anche di notte se piange.

210755-4-650-fd5c589105-1484644037

Ma Panda non è l’unico gatto in casa che ama nuovo arrivato in famiglia. Il piccolo ha diversi amici pelosi che amano e lo proteggono.

210805-koshka-lyubila-i-xranila-malysha-07-650-fd5c589105-1484644037

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Napoli, partirà il restauro dell’arco monumentale di Port’Alba: stanziati 200mila euro

Pubblicato

il

Si accende la luce sulla porta seicentesca di Port’Alba.
Si farà quindi il restauro dell’arco monumentale all’incrocio tra piazza Dante e la via dei libri: trovate le risorse da investire ad hoc.

Il Comune di Napoli, negli ultimi giorni, ha infatti stanziato 200mila euro per il rifacimento della porta. Ma il nodo cruciale resta quello dell’arco che, da circa 10 anni, per un contenzioso tra Comune e privati sulle responsabilità della manutenzione, è tenuto a freno da reti di contenimento installate dopo cadute reiterate di calcinacci. La svolta – decisiva – è arrivata: uno stanziamento corposo, con i lavori che partiranno “presto – assicurano dal Comune – sicuramente entro l’autunno”.

Continua a leggere

Attualità

Ita e Lufthansa, prima intesa informale in Ue: c’è il sì ma con condizioni

Pubblicato

il

La Commissione europea ha adottato, a livello tecnico, il suo primo orientamento positivo informale sulle nozze tra Ita e Lufthansa in vista del verdetto ufficiale che sarà reso noto entro il 4 luglio.

E’ quanto apprende l’Ansa da fonti europee vicine al dossier che riportano “progressi decisivi”.
L’intesa prevede condizioni per la tutela della concorrenza nello scalo di Milano-Linate e sui collegamenti di corto e di lungo raggio, con l’apertura delle rotte alle compagnie rivali.

Continua a leggere

Attualità

Siccità, la Campania tra le regioni più a rischio per lo stress idrico

Pubblicato

il

In Campania è di 4,7 il tasso di stress idrico secondo quanto emerge dalla rilevazione di Community Valore acqua per l’Italia di The European House – Ambrosetti.

Tra le Regioni più a rischio, la Campania si colloca al quinto posto dopo Basilicata, Calabria, Sicilia e Puglia. Lo stress idrico è definito come il rapporto tra i prelievi idrici e la disponibilità di acque superficiali e sotterranee. La siccità italiana ha raggiunto «livelli preoccupanti» tanto che è stata registrata nel 2022 una perdita del 51,5% delle risorse idriche rinnovabili rispetto alla media storica dal 1950.

Nel 2023 temperature in crescita ed effetti dell’azione dell’uomo hanno generato nuova pressione sulla risorsa idrica. Sono già dodici le Regioni ad alto stress idrico – con il Sud ai primi posti – e destinate ad aumentare.


(fonte: il Mattino)

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy