Resta sintonizzato

Attualità

Omicidio coppia di Bolzano. I risultati dell’autopsia: com’è morta Laura Perselli

Pubblicato

il

Laura Perselli, scomparsa da Bolzano il 4 gennaio scorso insieme al marito, Peter Neumair, secondo i risultati dell’autopsia sarebbe stata strangolata.

Il suo corpo è stato ritrovato una settimana fa nell’Adige e ieri sono trapelate le prime indiscrezioni sui risultati dell’esame autoptico effettuato sul cadavere della donna effettuato dal medico legale Dario Ragniero e, per la difesa, dall’anatompatologo Eduard Egarter Vigl.

E’ un risultato importante che, se confermato insieme con ulteriori accertamenti che verranno effettuati nei prossimi giorni, potrebbe fornire ulteriori elementi agli inquirenti necessari a ricostruire cosa sia accaduto il 4 gennaio a Laura Perselli, 68 anni, e al marito Peter Neumair, 63 anni, il cui corpo non è stato ancora ritrovato.

Intanto si è conclusa con un nulla di fatto ieri la maxi operazione di ricerca  messa in campo dalle autorità per cercare di individuare e finalmente recuperare il corpo dell’uomo: la portata dell’Adige era stata ridotta ulteriormente rispetto ai giorni scorsi e centinaia di uomini sono stati impegnati tra le acque del fiume e le sponde, coadiuvati da droni e imbarcazioni e persino da cani specializzati in ricerche tra le acque fatti arrivare appositamente dalla Germania.

Secondo gli inquirenti i due coniugi sarebbero stati uccisi dal figlio Benno la sera della loro scomparsa, il 4 gennaio scorso.

Sempre quel giorno i loro corpi sono stati gettati nel fiume da un ponte in località Vadena, poco lontano da Bolzano: nel fiume infatti è stato ritrovato il cadavere della donna ma anche un paio di scarponcini da montagna che quasi certamente appartenevano a Peter Neumair, senza contare la traccia di sangue sul ponte Ischia-Frizzi da dove si ritiene che Benno si sia liberato dei cadaveri dei genitori. Peter e Laura sarebbero morti in due momenti diversi dello stesso giorno.

Peter avrebbe infatti spento il telefono alle 17.30, mentre sua moglie era fuori casa. Laura avrebbe fatto ritorno nell’abitazione alle 18.30.

Troppo poco tempo sarebbe intercorso per sbarazzarsi del corpo: Benno, dunque, avrebbe ucciso sua madre per avere una chance di “farla franca” e non avere testimoni.

Peter aveva con suo figlio un rapporto conflittuale e l’omicidio potrebbe essersi verificato dopo una discussione.

Benno, che al momento si trova in carcere, resta quindi per ora l’unico sospettato dell’omicidio della coppia di insegnanti in pensione.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Frana di Ischia, parla De Luca: “Tra un mese verremo lasciati soli, come accaduto per il terremoto”

Pubblicato

il

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha così dichiarato ai microfoni di RadioNews24. Ecco le sue parole:

“Gli interventi di assetto di un territorio fragile come quello italiano, comportano alcuni presupposti: politiche di medio lungo periodo, non a 24 ore come avviene da sempre in Italia; stanziamenti imponenti e ultradecennali, apparati pubblici che funzionano e non inesistenti e ridotti a zero. Inutile fare questa litania eterna, i problemi si risolvono quando si fanno scelte coerenti. Abbiamo un nuovo Governo e questa tragedia diventi un’occasione per fare queste riflessioni di fondo, non per ripetere liturgie insopportabili. Ma metto già nel conto che tra un mese rimarremo da soli, Comuni e Regione, come accaduto per il terremoto. Mi auguro di essere smentito”.

Poi, aggiunge: “Come Regione Campania abbiamo chiesto lo stato di calamità, che credo che sarà deliberato in questi minuti. Ci aspettiamo la nomina di un Commissario di governo per quanto riguarda l’aspetto idrogeologico, e ci aspettiamo le risorse necessarie per completare l’intervento in maniera aggiuntiva alle risorse stanziate dalla Regione”.

Infine, conclude: “Bisogna avere il coraggio di parlare chiaro ai cittadini, non è facile ma dobbiamo decidere: in alcune zone, per ragioni idrogeologiche, non si può tornare ad abitare. La nostra proposta è chiara e semplice: bisogna demolire gli alloggi costruiti sui greti dei fiumi, in aree idrogeologiche delicate e insostenibili, in zone a vincolo assoluto, su aree demaniali o costruite da aziende della Camorra. L’abusivismo di necessità non esiste, esiste la condizione sociale di necessità, ma l’abusivismo è sempre illegale. Dobbiamo demolire queste fattispecie, poi per altre migliaia di abusivismi che registriamo, vediamo di comprenderli in piani di recupero da far fare ai Comuni, in maniera da sanare le situazioni sanabili al netto di quelle non sanabili, che devono portare alle demolizioni”.

Continua a leggere

Attualità

Violenza sulle donne: italiana arrestata ad Istanbul durante una manifestazione vietata

Pubblicato

il

Siamo ad Istanbul, dove nella giornata di ieri una donna italiana è stata arrestata durante una manifestazione vietata dalla Prefettura, per celebrare la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

Inoltre, con lei, è finita in manette anche una donna azera, entrambe ancora detenute e a rischio espulsione dal Paese. In particolare, la ragazza italiana si chiama Dalila Procopio, la quale sarà trasferita domani in un centro di rimpatrio.

Continua a leggere

Attualità

Macabro ritrovamento in spiaggia, rinvenute ossa umane nella sabbia: i particolari

Pubblicato

il

Macabro ritrovamento avvenuto mercoledì mattina alla Piana di Sant’Agostino a Gaeta, dove un passante ha rinvenuto delle ossa umane seppellite nella sabbia. A quel punto, l’uomo ha subito allertato il 112, spiegando che mentre faceva una passeggiata, si è imbattuto nei resti umani.

Pertanto, pare che esse appartengano ad una persona, visto che scavando in profondità è emerso l’intero scheletro. Sul posto, sono intervenuti gli agenti della Polizia di Stato, che hanno transennato l’area e stanno ora effettuando i rilievi del caso.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante