Resta sintonizzato

Attualità

Covid-19. I dati della regione Campania: da inizio pandemia i decessi sono più di 4mila

Pubblicato

il

Oggi, lunedì 15 febbraio, sono 966 i nuovi casi di Coronavirus in Campania: lo ha comunicato l’Unità di Crisi della Protezione Civile della Campania, nel consueto bollettino giornaliero.

Sono stati 9.509 in tutto i tamponi analizzati nelle ultime 24 ore nei laboratori regionali, di cui 795 antigenici.

Dei nuovi casi, 51 sono risultati positivi ai tamponi antigenici rapidi.

Per quanto riguarda i positivi ai tamponi molecolari, 44 sono sintomatici e 871 risultano invece asintomatici.

I nuovi decessi registrati sono 16, per un totale di 4.022 morti da inizio pandemia. I guariti totali sono invece 170.804 , con 888 nuovi casi nelle ultime 24 ore.

La situazione negli ospedali della Campania vede 107 persone ricoverate in terapia intensiva, cui si aggiungono altre 1.281 persone nei reparti di degenza ordinaria.

Da inizio pandemia, sono 243.882 (di cui 3.116 antigenici) i casi totali in Campania, con 2.679.393 (di cui 64.083 antigenici)​ tamponi complessivi analizzati. Inoltre i decessi hanno superato quota quattromila.

Ciò che desta maggiore preoccupazione è però l’indice di contagio che, nelle ultime settimane, ha ripreso a salire: quest’oggi è di nuovo sopra il 10% il rapporto tra tamponi analizzati e tamponi risultati positivi.

Solo negli ultimi 7 giorni si sono registrati oltre 10mila nuovi casi di Coronavirus in Campania, con il record di 1.751 in un solo giorno lo scorso 13 febbraio.

Oggi, la Regione Campania ha anche comunicato che il 25% dei casi positivi in Campania sono legati alla cosiddetta “variante inglese”, che sembra iniziare a diffondersi rapidamente in tutte le regioni: Palazzo Santa Lucia ha spiegato che un caso su quattro è ormai da considerarsi in Campania dovuto proprio alla variante, definita “inglese” (o “britannica”) perché isolata lì per la prima volta.

 

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Caserta, altri due decessi da Covid-19. On. Iodice: “Vacciniamoci tutti”

Pubblicato

il

CASERTA – Il Coronavirus continua a mietere vittime. Questa volta si tratta di due soggetti di 38 e 41 anni in buono stato di salute. Proprio in relazione agli ultimi dati, l’On. Maria Luigia Iodice, consigliere regionale, ha diramato un comunicato stampa nel quale ha lanciato un monito ai casertani.

“E’ ufficiale – dice la Iodice – dal 16 dicembre tutte le strutture vaccinali delle Regioni e delle Province autonome saranno in grado di procedere alla vaccinazione dei bambini tra i 5 e gli 11 anni. Lo apprendo dai media nazionali ed è una buonissima notizia considerando che, anche nel nostro territorio, sono diversi i bimbi positivi al covid. Fortunatamente i nostri piccoli e i nostri adolescenti, che hanno contratto il virus, nella stragrande maggioranza dei casi o risultano essere asintomatici oppure presentano lievi sintomi.

Rivolgo le più sentite condoglianze alle famiglie delle due vittime ricoverate che purtroppo non ce l’hanno fatta. Entrambe, di 38 e 41 anni, non erano vaccinate e sono tornate alla casa del Signore nella giornata di ieri. Le brutte notizie non sono finite qui. All’ospedale covid di Maddaloni (ne approfitto per rivolgere gli auguri di buon lavoro al neo Direttore Sanitario Dott. Arcangelo Correra) sono ricoverati 50 pazienti, tutti non vaccinati.

E a quanto pare si sta pensando di riaprire il reparto covid al nosocomio di Caserta. Buone notizie, invece, arrivano dai positivi al coronavirus ma vaccinati con doppia dose: moltissimi sono asintomatici, gli altri, fortunatamente, manifestano solo lievi sintomi. Rivolgo, dunque, un nuovo appello ai casertani: vacciniamoci tutti. Solo così potremo vincere questa battaglia.

Secondo uno studio condotto dall’ufficio regionale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per l’Europa e dal Centro Europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, grazie ai vaccini, l’Italia ha evitato 35mila decessi tra gli over 60. Riflettiamoci”.

Continua a leggere

Attualità

Giovane tunisino arrestato dalla Polizia: apparteneva ad una cellula Isis

Pubblicato

il

Provvidenziale intervento della Polizia, che nell’ambito di un’operazione delle Digos di Venezia e Gorizia, ha tratto in arresto un 25enne tunisino, appartenente ad una cellula dell’Isis e sul quale pendeva un mandato di cattura internazionale. In particolare, l’ordinanza, era stata emessa dal Tribunale di Tunisi, per partecipazione ad associazione terroristica e atti di terrorismo.

Continua a leggere

Attualità

Blitz dei carabinieri, scoperta serra artigianale per la coltivazione di marijuana

Pubblicato

il

Blitz dei carabinieri del Commissariato di Acerra, che nel pomeriggio di ieri, hanno eseguito una perquisizione presso un’abitazione in via Imbriani a Pomigliano d’Arco, dove hanno sorpreso due uomini con un paio di forbici, mentre tagliavano i rami di alcune piante di marijuana. Nel complesso, gli operatori, hanno rinvenuto ben 9 piante di marijuana del peso complessivo di 12 kg, 8 contenitori con 3 kg della stessa sostanza già essiccata, 3 pezzi di hashish del peso di circa 250 grammi, 2 bilancini di precisione e 3040 euro.

Pertanto, D.R., 33enne napoletano e Giuseppe Nicosia, 44enne di Caltanissetta con precedenti di Polizia, sono stati arrestati per detenzione, produzione e coltivazione di sostanze stupefacenti.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante