Resta sintonizzato

Cronaca

Giugliano. La nuova ordinanza di Pirozzi: “Zona rossa rafforzata in città”

Pubblicato

il

Il Sindaco di Giugliano, Nicola Pirozzi, ha firmato una nuova ordinanza, istituendo la zona rossa in città.

L’emergenza per i contagi è troppo alta e così il primo cittadino ha chiuso piazze, spiagge, villa comunale e il mercato del giovedì per fronteggiare l’aumento dei contagi nel terzo comune della Campania per popolazione e, con i suoi 125mila abitanti, comune non capoluogo di provincia più popoloso d’Italia.

Fino a pochi giorni fa eravamo abbondantemente sotto il livello di allarme della Regione, lo abbiamo appena superato e interveniamo subito per frenare la diffusione del contagio. Ci preoccupa il trend e dobbiamo fare tutti assieme un altro piccolo sacrificio per tutelare la salute dei cittadini”, ha affermato il sindaco Nicola Pirozzi.

Le nuove disposizioni sono state prese in collaborazione con il Coc (Centro Operativo Comunale).

Appena abbiamo superato la soglia regionale di “alert”, ho convocato il Centro operativo comunale per assumere nuove disposizioni in vigore dall’11 al 21 marzo” ha scritto Pirozzi sulla sua pagina Facebook.
 
In sintesi ho deciso per la chiusura del mercato settimanale anche agli operatori che operano nel settore alimentare; la chiusura al pubblico di tutte le piazze e della villa comunale; il divieto di circolazione dei minori dalle 18 alle 22 che, per i casi previsti dalla legge, potranno uscire di casa solo se accompagnati da un genitore o da un familiare e che dalle 18 alle 5 del mattino sarà possibile per gli esercenti della ristorazione e per i bar solo l’attività di delivery. Possibile la consegna a domicilio, assolutamente vietato l’asporto” ha affermato il primo cittadino.
Sul fronte dei controlli, mi sono confrontato con i vertici delle forze dell’ordine e durante la riunione del “C.o.c.” ho chiarito che ero disposto ad inasprire le misure solo se fossimo stati in condizione di intensificare i controlli e punire i trasgressori. Comprendo la carenza di organico della Polizia municipale e delle forze dell’ordine; sono consapevole degli enormi sacrifici che i tutori della legge fanno quotidianamente per garantire sicurezza alla cittadinanza su più fronti, innanzitutto nella lotta alla criminalità organizzata. Ma le nuove restrizioni hanno un senso se riusciamo a garantire maggiori controlli perché è evidente che la stragrande maggioranza della popolazione si è dimostrata matura e responsabile, a differenza di una minoranza che a questo punto va affrontata con rigore” ha continuato Pirozzi, con un appello alle forze dell’ordine.
Concludendo “Ai cittadini l’appello di sempre: massima attenzione e rispettate le norme anti-contagio, l’unico modo per arginare in questo momento la crescita del virus e salvare numerose vite“.

Cronaca

Un posto al sole piange la scomparsa di Massimiliano Lucon, storico aiuto regista della fiction: l’addio degli attori

Pubblicato

il

Il cast di ‘Un posto al sole’ piange la scomparsa di Massimiliano Lucon, aiuto regista della fiction morto di recente. Infatti la puntata andata in onda ieri sera era dedicata a lui.

Ecco il cordoglio dei vari attori della soap:

“Oggi non è una giornata facile. È venuto a mancare un nostro caro amico di famiglia, un grande lavoratore, una grande persona. Ma siamo qui. Quindi questa giornata la dedico a te, Max. Ciao”, le parole di Nina Soldano sui social.

“Un’altra persona cara ci lascia e noi restiamo qui a domandarci perché? Ma il dolore non ha risposta”, dice Marina Tagliaferri.

“Una persona che ha sempre fatto parte della grande famiglia di ‘Un posto al sole’. Una grande perdita, una figura di riferimento per molti, una parte decisiva della vita di tante persone. Fai buon viaggio Max, la grande famiglia di UPAS sentirà molto la tua mancanza”, ricorda Michelangelo Tommaso.

Continua a leggere

Cronaca

Caserta, finto corriere truffa due anziane nello stesso giorno: arrestato 19enne

Pubblicato

il

Siamo a Caserta, dove nel primo pomeriggio di ieri una donna di 85 anni è riuscita a smascherare una truffa ai suoi danni.

In particolare, l’anziana è rimasta insospettita dall’atteggiamento del giovane malvivente che, spacciandosi per un corriere che doveva consegnare un pacco a suo nipote, le aveva chiesto ben 1400 euro.

Tuttavia, una volta scoperto, l’uomo ha iniziato a minacciare la vittima e un suo parente presente in casa di ritorsioni violente, qualora non gli avesse corrisposto la somma e i monili in oro che indossava l’anziana.

Pertanto, dopo aver incassato il bottino, il finto corriere ha cercato di allontanarsi dall’abitazione a piedi venendo però fermato dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Caserta, allertati da un parente della donna.

A quel punto egli è stato bloccato e identificato in un 19enne napoletano, il quale è stato trovato in possesso di una busta contenente 1000 euro in banconote di vario taglio, oltre ad altri 1200 euro, un paio di orecchini in oro con perle bianche e una fede nuziale in oro.

Infatti, l’ulteriore somma di 1000 euro era stata sottratta dallo stesso, nella medesima giornata, ad un’altra anziana della zona, una 89enne casertana. La refurtiva è stata consegnata ai legittimi proprietari, mentre il giovane è stato arrestato e associato agli arresti domiciliari con l’accusa di truffa aggravata ed estorsione.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, neonato morto all’ospedale Monaldi: oggi l’autopsia

Pubblicato

il

La Procura di Napoli ha aperto un’inchiesta a seguito della denuncia presentata dai genitori del piccolo Riccardo, il neonato di due mesi e mezzo morto alcuni giorni fa all’ospedale Monaldi di Napoli.

In particolare, essi chiedono che siano stabilite eventuali responsabilità per il decesso del piccolo, poiché nonostante gli fosse stata diagnosticata una malformazione cardiaca nei primi mesi di vita, questa era ritenuta operabile.

Pertanto, è fissata per oggi l’autopsia sul corpo del neonato, che servirà a chiarire se la morte di Riccardo sia dovuta alla somministrazione di farmaci che abbiano potuto aggravare il quadro clinico.

Ecco quanto fa sapere il legale della famiglia, l’avvocato Civitella:

“Per i genitori è fondamentale ovviamente conoscere la causa del decesso quanto meno risulterà questa legata alla sola patologia congenita del bambino, tante più saranno le responsabilità da colpa medica”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy