Resta sintonizzato

Attualità

Studenti di Marcianise bloccati a Dubai. “Tempi non brevi per il rientro in Italia”: le parole del Sindaco

Pubblicato

il

Diverse decine di studenti di Marcianise sono bloccati a Dubai: i ragazzi, che partecipavano ad una vacanza studio, si trovavano al college Myriad dove è scoppiato un maxi focolaio di Covid, con oltre duecento persone coinvolte.

Insieme a centinaia di studenti, i ragazzi campani ora, sono tutti bloccati negli Emirati Arabi Uniti, sul golfo del Mar Persico, in attesa di nuovi sviluppi.

Si tratta del college Myriad di Dubai, uno dei più rinomati e famosi: oltre cinquecento le persone, tra studenti ed accompagnatori, bloccate dopo un focolaio Covid che ha visto coinvolte quasi 200 persone, quasi la metà dell’intero gruppo.

Lo ha spiegato il sindaco di Marcianise, Antonello Velardi, che ha cercato di rassicurare la popolazione di Marcianise ma anche di fornire una spiegazione alla vicenda che vede coinvolti molti giovani della sua città.

Il caso mi è stato segnalato da alcuni genitori, preoccupati delle condizioni di salute dei giovani e dell’evoluzione della vicenda. I giovani sono negli Emirati Arabi per una vacanza studio organizzata dall’Inps per i figli dei propri assistiti e fanno parte di due gruppi, arrivati a scaglioni negli Emirati: nessuno di loro è riuscito a rientrare. Il gruppo è formato da quasi 500 persone tra studenti ed accompagnatori” ha affermato il primo cittadino.

Tra i duecento casi circa di positività già accertati, ci sarebbero anche alcuni ragazzi già negativizzati ma che sono rimasti ancora bloccati a Dubai.

Spiegando poi “Nessuno è in gravi condizioni, per fortuna. La situazione è ritenuta sotto controllo anche se si prevedono tempi non brevi per il rientro in Italia. Sono fiducioso sull’esito finale, anche se occorre in questa fase avere molta pazienza. Ai genitori marcianisani va la nostra massima vicinanza, ai nostri giovani concittadini che sono lì bloccati va un affettuoso abbraccio. Non li lasceremo soli, continueremo a seguire passo passo la vicenda“.

Concludendo “La vicenda di Dubai deve indurci alla massima prudenza nel valutare le scelte che stiamo facendo per le vacanze all’estero. Dopo un’iniziale euforia, stiamo prendendo coscienza che la pandemia non è affatto terminata e che resta forte l’allarme un po’ dovunque, anche in Italia. Nelle nostre scelte non ci abbandoni la prudenza“.

Attualità

Concorso Asia, proteste degli interinali: “Siamo stati fatti fuori, senza alcuna tutela”

Pubblicato

il

NAPOLI – Comunato il bando Asia Napoli per ben 500 posti di lavoro, non poche sono state le critiche rivolte al Comune. Il concorso, infatti, penalizza i lavoratori precari che otterranno meno punti degli inoccupati nonostante l’esperienza accumulata

Sono circa 120 interinali che stamane hanno protestato davanti a Palazzo San Giacomo, sede del Comune. Le critiche sono rivolte in maniera particolare ai requisiti espressi nel bando. Basti pensare che mentre un disoccupato o un inoccupato ottiene 5 punti, a chi come loro ha accumulato esperienza sul campo garantisce solo due punti. 

“Siamo stati fatti fuori, senza alcuna tutela – afferma Luigi – la formazione che ci è stata fatta è stata buttata nella spazzatura, così come i nostri sacrifici. Abbiamo cominciato a lavorare da interinali a Capodanno, con freddo, in mezzo ai topi, in un momento in cui la città rischiava di essere sommersa dai rifiuti. Per il bando non siamo stati nemmeno considerati”. 

Per Francesco “…siamo di fronte a un bando anticostituzionale. Per altre società del Comune è stato previsto un punteggio per i precari, mentre per l’Asia no. Non ha senso penalizzarci in questo modo rispetto a disoccupati e inoccupati. Di fatto, aver lavorato per quest’azienda ci ha penalizzati”. 

Continua a leggere

Attualità

Musica al carcere di Poggioreale, Manfredi: “Credere nel valore della cultura come prima risposta ai bisogni di chi soffre e chiede di trovare dignità”

Pubblicato

il

Portare la musica in carcere significa credere nel valore della cultura come prima risposta ai bisogni di chi soffre e chiede di ritrovare dignità. Questa mattina ho fatto visita a un gruppo di detenuti della Casa Circondariale di Poggioreale, nell’ambito del progetto ‘Napoli città della musica’, insieme ai rapper Paky e Geolier. Come Comune puntiamo molto sulle attività educative: ci stiamo adoperando perché vengano impiegati in lavori di pubblica utilità che consentano di reinserirsi nella società.

Lo scrive il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, i visita presso il carcere di Poggioreale nella omonima zona.

Continua a leggere

Attualità

L’assessore Ferrante premia l’ASD Polisportiva Silenziosa Partenopea F. Rubino

Pubblicato

il

NAPOLI – L’Assessora allo sport e alle pari opportunità, Emanuela Ferrante, ha premiato presso Palazzo San Giacomo, l’ASD Polisportiva Silenziosa Partenopea F. Rubino di Napoli per la conquista del risultato storico di Vicecampioni d’Italia FSSI calcio a 5 under 21. L’Associazione, da sempre partecipa alle competizioni con l’obiettivo di stimolare la partecipazione delle persone non udenti allo sport, come momento di aggregazione sociale, di crescita ed integrazione.

“La conquista del secondo posto, dimostra che lo sport rimane un’ottima strategia di integrazione ed inclusione per tutti. La pratica sportiva mette le persone a confronto ed in relazione tra di loro, incrementando le abilità, facendo acquisire consapevolezza di se stessi e consentendo l’inclusione“, ha dichiarato l’Assessora Ferrante.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante