Resta sintonizzato

Attualità

Studenti di Marcianise bloccati a Dubai. “Tempi non brevi per il rientro in Italia”: le parole del Sindaco

Pubblicato

il

Diverse decine di studenti di Marcianise sono bloccati a Dubai: i ragazzi, che partecipavano ad una vacanza studio, si trovavano al college Myriad dove è scoppiato un maxi focolaio di Covid, con oltre duecento persone coinvolte.

Insieme a centinaia di studenti, i ragazzi campani ora, sono tutti bloccati negli Emirati Arabi Uniti, sul golfo del Mar Persico, in attesa di nuovi sviluppi.

Si tratta del college Myriad di Dubai, uno dei più rinomati e famosi: oltre cinquecento le persone, tra studenti ed accompagnatori, bloccate dopo un focolaio Covid che ha visto coinvolte quasi 200 persone, quasi la metà dell’intero gruppo.

Lo ha spiegato il sindaco di Marcianise, Antonello Velardi, che ha cercato di rassicurare la popolazione di Marcianise ma anche di fornire una spiegazione alla vicenda che vede coinvolti molti giovani della sua città.

Il caso mi è stato segnalato da alcuni genitori, preoccupati delle condizioni di salute dei giovani e dell’evoluzione della vicenda. I giovani sono negli Emirati Arabi per una vacanza studio organizzata dall’Inps per i figli dei propri assistiti e fanno parte di due gruppi, arrivati a scaglioni negli Emirati: nessuno di loro è riuscito a rientrare. Il gruppo è formato da quasi 500 persone tra studenti ed accompagnatori” ha affermato il primo cittadino.

Tra i duecento casi circa di positività già accertati, ci sarebbero anche alcuni ragazzi già negativizzati ma che sono rimasti ancora bloccati a Dubai.

Spiegando poi “Nessuno è in gravi condizioni, per fortuna. La situazione è ritenuta sotto controllo anche se si prevedono tempi non brevi per il rientro in Italia. Sono fiducioso sull’esito finale, anche se occorre in questa fase avere molta pazienza. Ai genitori marcianisani va la nostra massima vicinanza, ai nostri giovani concittadini che sono lì bloccati va un affettuoso abbraccio. Non li lasceremo soli, continueremo a seguire passo passo la vicenda“.

Concludendo “La vicenda di Dubai deve indurci alla massima prudenza nel valutare le scelte che stiamo facendo per le vacanze all’estero. Dopo un’iniziale euforia, stiamo prendendo coscienza che la pandemia non è affatto terminata e che resta forte l’allarme un po’ dovunque, anche in Italia. Nelle nostre scelte non ci abbandoni la prudenza“.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Paura nel Napoletano: uomo sorpreso in strada armato di ascia e coltello

Pubblicato

il

Singolare episodio avvenuto ad Acerra, in provincia di Napoli, dove nella mattinata di ieri un uomo è stato sorpreso in strada con un’ascia e un coltello, terrorizzando passanti. Tuttavia, i poliziotti giunti sul posto, hanno identificato e bloccato l’uomo, trovandolo in possesso dell’ascia e del coltello.

Pertanto, si tratta di un 39enne di Acerra con precedenti di Polizia, denunciato per porto d’armi od oggetti atti ad offendere, mentre le armi da taglio sono state sequestrate.

Continua a leggere

Attualità

Blitz della Polizia, coniugi sorpresi con la droga in casa: 38enne in manette

Pubblicato

il

Blitz degli agenti della Polizia di Stato di Caserta, che nell’ambito di un’attività di controllo dello spaccio di droga nella provincia, hanno arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di vendita di sostanze stupefacenti, un 38enne di Maddaloni, con precedenti per reati contro la persona, il patrimonio e in materia di droga.

Nel corso di una perquisizione domiciliare, gli agenti della Squadra Mobile-Sezione Antidroga, hanno rinvenuto circa 60 grammi di hashish, suddivisi in 12 dosi già pronte per la vendita, oltre che un bilancino elettronico di precisione, un coltello con la lama intrisa di hashish e il materiale necessario al confezionamento della sostanza stupefacente, nonché la somma di 310 euro, ritenuto provento dell’attività di spaccio.

Continua a leggere

Attualità

Violenza sessuale, 48enne algerino arrestato per l’ennesima volta: rispedito in patria

Pubblicato

il

Ci son cascato di nuovo potremmo dire, visto che il 48enne maghrebino si era già reso protagonista di un episodio di violenza sessuale, avvenuto a Vallo della Lucania. Tuttavia, l’uomo, che era già destinatario di un Provvedimento di Espulsione, è stato rimpatriato in Algeria.

L’intensa attività d’indagine, ha consentito di accertare la responsabilità dell’uomo, pluripregiudicato per reati di evasione, violenza sessuale aggravata, ricettazione e resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante