Resta sintonizzato

Politica

Armi all’Ucraina, parla Conte: “Questo governo non guarda alle vere emergenze del Paese”

Pubblicato

il

Il leader del M5S Giuseppe Conte, intervenuto in Aula per ribadire la necessità di arrivare preso a negoziati nel conflitto russo-ucraino, ha così concluso il suo intervento, rivolgendosi al governo:

“Andate a Bruxelles con il cappello in mano, se si tratta di misure per famiglie, imprese e ambiente. Andate con il fuoco negli occhi, se si tratta di aumentare le spese militari. Questo governo, non ha occhi per guardare le vere emergenze del Paese. Addirittura li chiude davanti a chi è in povertà assoluta, ma ha orecchie ben pronte per raccogliere le istanze della potente lobby delle armi”.

Politica

SANT’ANTIMO. Evento di presentazione della candidatura di Buonanno dopo le strategie offensive andate a vuoto

Pubblicato

il

SANT’ANTIMO – Entra nel vivo la campagna elettorale all’ombra del castello baronale. Stamattina Massimo Buonanno inaugura la nuova-vecchia sede del PD locale, si presenta ufficialmente alla città, consapevole della sua probabile debacle e dopo averle tentate tutte.

Da indiscrezioni raccolte in esclusiva da Minformo, pare che in questi giorni l’ex Sindaco, durato solo un anno per aver portato numeri totalmente errati in bilancio, abbia smosso mare e monti per intaccare la coalizione granitica del suo competitor Nicola Marzocchella.

Oramai a Sant’Antimo anche le pietre sanno dell’endorsement silente della famiglia Cesaro, attraverso la presentazione della lista Impresa Futura dei F.lli Di Giuseppe e sfruttando proprio il connubio tra la nuova entrata in Italia Viva dell’ex Consigliere Regionale Armando Cesaro e l’alleanza napoletana tra i due partiti PD-Italia Viva, si è intentato l’ultimo sgambetto.

Per far diventare realtà l’ipotesi di far entrare nella coalizione di Buonanno il duo Edo D’Antonio-Ivana Tarantino, con la speranza di catalizzare altri fedelissimi dei due, si è perfino chiesto aiuto al vicesindaco metropolitano di Napoli Giuseppe Cirillo che godendo di ottimi rapporti con l’intero ambiente si è prodigato affinché la trattativa andasse in porto e non accadesse il contrario, ossia che i F.lli Di Giuseppe sarebbero stati attratti dalla voglia di far parte della coalizione che gode dei favori dei pronostici. Tanto è vero che stamattina il vicesindaco metropolitano presiederà l’evento in piazza a sostegno della candidatura di Buonanno.

Il risultato di questa strategia si è conclusa con un nulla di fatto, poiché il duo D’Antonio-Tarantino non ha mai pensato di passare dallo stato di zoccolo duro di una coalizione favorita a diventare gli accodati di una coalizione sfavorita e dall’altro invece, l’unica ragione plausibile trovata dai Di Giuseppe per passare con Marzocchella era quella di opportunità politica presentandosi col simbolo Italia Viva, simbolo non voluto dalla coalizione Buonanno, questa sarebbe stata la giustificazione da dare in pasto all’opinione pubblica ma una soluzione rispedita subito al mittente dall’architetto ex vicesindaco che da sempre ha avallato l’idea di un cambiamento che passasse attraverso il civismo.

Così stamattina Massimo Buonanno svolgerà un evento con la consapevolezza di dover far di tutto per arrivare al suo massimo traguardo, cercare di scippare l’obiettivo del ballottaggio.

Un’altra buona notizia che gioca a favore di Nicola Marzocchella è l’archiviazione della posizione di Salvatore Castiglione nel processo Antemio. Una testimonianza di innocenza notevole da parte dell’ex Consigliere forzista che da ieri sera, momento in cui ha postato la notizia a mezzo social, potrà togliersi qualche soddisfazione verso qualche pseudo moralizzatore che per forza vuole affibbiare agli altri fumus che in realtà sono presenti in casa propria da quando ha scelto di cambiare vita sentimentale.

Intanto a mezzo social Nicola Marzocchella continua a parlare di programma e il post di questa mattina è abbastanza eloquente e la dice lunga sulla visione che l’ex vicesindaco pone sull’equilibrio delle casse comunali. Sarà una campagna elettorale accesa e il bello deve ancora arrivare.

Continua a leggere

Cardito

CARDITO. Il Consigliere Russo attacca il Sindaco sul tema staff personale, riportando dati falsi

Pubblicato

il

CARDITO – Non sempre un giornalista critico della politica entra nel merito del dibattito pubblico se non per evidenziare le fake news legate alla demagogia spicciola che possono uscire fuori dalle dichiarazioni degli addetti ai lavori.

È quanto successo pochi minuti fa nel comune del cardellino con le dichiarazioni del Consigliere Andrea Russo che affrontando un tema demagogico come quello dello sperpero di denaro pubblico legato all’assunzione degli organi formanti lo staff del Sindaco, dichiara, attraverso un video postato sui social, alcune falsità al solo scopo di alimentare rabbia e impopolarità nella figura del primo cittadino. Ma andiamo ad analizzare i fatti.

Andrea Russo nel suo video asserisce che il Sindaco Giuseppe Cirillo abbia portato il numero dei formanti lo staff da 3 a 5 soggetti, lasciando intendere una volontà da parte del primo cittadino su un ulteriore esborso di denaro pubblico. Nulla di più falso. Gli staffisti nel comune gialloblu sono sempre stati tre. All’inizio furono assunti Andrea Fisher – staffista storico – Vincenzo Russo, Nicola Di Micco e Biagio Barra, poi si decise di nominare il Di Micco dirigente dell’ente sfruttando l’Art. 110 del Tuel, liberando così una casella dal capitolo di bilancio posto in essere sullo staff del Sindaco. Da allore quella casella è rimasta vuota per parecchi mesi, facendo risparmiare, in realtà, soldi ai contribuenti.

Oggi il primo cittadino, vuoi perché oberato di lavoro, vuoi perché abituato ad avere la segreteria con impegni suddivisi su tre elementi, ha pensato bene di assumere due figure part-time. Praticamente la casella lasciata vuota da Di Micco sarà riempita da altri due staffisti allo stesso costo di sempre da parte dell’ente.

Il dato politico che esce fuori è quasi pari a zero. A queste latitudini si cerca di fare opposizione sul nulla. Si comprende e va bene il gioco delle parti, ma non si può parlare a distanza di tre anni dopo aver passato gli stessi anni tra i banchi di maggioranza accompagnati dal mutismo selettivo cronico e svegliarsi su questioni, inesistenti tra l’altro, solo ora e per giunta raccontando frottole. Ci aspettiamo altro da un professionista come Andrea Russo che in quanto tale dovrebbe anche capire che anche il confronto con i comuni limitrofi non regge. Gli altri enti non hanno a capo un Sindaco che deve destreggiarsi tra impegni locali e metropolitani, quindi che ben vengano occhi vigili sul territorio atti ad arginare facili distrazioni o dimenticanze. Non mi si venga neanche ad incolpare il primo cittadino per la doppia carica, dato che la sua visione sovracomunale è sotto gli occhi della città e la ricezione di decine di milioni di euro non è da tutti.

Continua a leggere

Giugliano

Giugliano: l’ombra di false dichiarazioni nella documentazione dei Consiglieri Comunali

Pubblicato

il

GIUGLIANO IN CAMPANIA – Non trova pace il tema della trasparenza e della legalità nel Comune di Giugliano. Dopo l’articolo che riportava ombre su alcuni rimborsi ed assunzioni di consiglieri comunali, la nostra redazione ha raccolto un’ulteriore indiscrezione: nella documentazione inerente le dichiarazioni dei consiglieri comunali pare ci siano delle dichiarazioni mendaci.

Ogni consigliere comunale, infatti, prima di essere proclamato in Consiglio Comunale, deve rilasciare e firmare delle dichiarazioni, tra le quali cause di incompatibilità e/o eventuali processi in corso. C’è da precisare che non tutti i reati sono ostativi per la funzione da Consigliere Comunale, ma laddove si dovesse verificare un caso di dichiarazione mendace, il soggetto che fa la mendace dichiarazione potrebbe addirittura decadere dal ruolo di Consigliere Comunale.

Se le nostre indiscrezioni dovessero essere confermate, ci sembra strano che questa vicenda sia passata inosservata dalla Segretaria Generale del Comune, la dott.ssa Teresa Di Palma. Ad ogni buon conto ogni singolo Consigliere Comunale che sta leggendo questo articolo, può verificare o meno la nostra notizia: basta fare una richiesta di accesso agli atti, recuperare le dichiarazioni dei Consiglieri Comunali e verificare se queste siano vere o meno.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy