Resta sintonizzato

Caivano

CAIVANO: I politici caivanesi prendono spunto da Carosello

Pubblicato

il

Era il 3 Febbraio 1954 quando la RAI mandava in onda per la prima volta “Carosello” un contenitore televisivo che racchiudeva vari filmati che nella loro parte finale era sempre presente un messaggio promozionale, ognuno per ogni singolo prodotto. Oltre a introdurre l’innovazione della réclame, e a farlo inserendola in un contesto che aveva il pregio di renderla gradevole (in effetti amata) dal pubblico, Carosello portò anche una serie di innovazioni nel linguaggio televisivo in generale. Esso attirava l’attenzione e cominciava a lobotomizzare le masse verso quella rivoluzione industriale che si è avuta negli anni ’60 in Italia, questa trasmisssione era amata dagli italiani perché nei suoi sketch rappresentatava la famiglia media italiana con i suoi vizi e le sue virtù, la frase “a letto dopo carosello” è ancora di uso comune tra i nati negli anni 50 e 60 e sta ad indicare proprio quelle abitudini del tutto italiane e descrive una generazione che si alternava al buon senso dei loro padri aggrappandosi ai brand e alle mode dettate dal tubo catodico, i messaggi promozionali di Carosello nella maggior parte dei casi erano messaggi gonfiati e non sempre la qualità descritta dalla tv rappresentava la veridicità del reale prodotto ed è proprio grazie anche a Carosello che noi oggi possiamo parlare di pubblicità ingannevole.

maggioranza

Manifesto della maggioranza

Di pubblicità ingannevole sicuramente se ne intendono anche i politici caivanesi che facendo due conti, possono essere proprio figli di quella generazione, quelli che andavano a letto dopo Carosello per intenderci, che nonostante l’enorme disastro creato nell’arco degli anni, provocando un voragine di trenta milioni di euro nelle casse comunali, fanno ricorso alla loro memoria e cercano di lobotomizzare le masse con una comunicazione degna della peggior puntata di Carosello di sessant’anni fa.

Negli ultimi giorni i muri di Caivano sono imbrattati, rigorosamente in modo abusivo, dai manifesti di maggioranza e opposizione con i quali cercano di scaricarsi le colpe a vicenda incolpando l’avversario politico del fallimento del Comune di Caivano, perchè di questo si tratta, un dissesto comunale non è altro che la dichiarazione di incapacità da parte di un ente pubblico di coprire le spese atte a garantire tutti i servizi utili alla società, ergo, FALLIMENTO.

opposizione

Manifesto dell’opposizione

Il manifesto della maggioranza è quello che più fa ridere, degno dei migliori poster 6×3 usati da Berlusconi nelle sue campagne elettorali, altro che Carosello, infatti nella parte finale del manifesto la destra caivanese con la frase “RISANAMENTO DELL’ENTE” lascia intendere che dichiarando dissesto essa risana le casse pubbliche della città ma dimentica di ricordare ai cittadini che c’è un solo modo per risanare le casse e cioè metterci dentro i soldini, ora ammesso che non si è mai visto un politico mettere soldi di tasca propria, perchè non dire che la cittadinanza caivanese con questa scelta, sarà vessata ancor di più senza che il sindaco si prenda le proprie responsabilità come potevano essere, il taglio degli sprechi, la lotta all’evasione, la lotta all’abusivismo, alla criminalità organizzata che trae beneficio dal contrabbando e dall’abusivismo stesso?

Perchè il sindaco e chi cura la sua comunicazione non fanno un bel manifesto con il quale si legge: “Quando in campagna elettorale vi parlavo di Reddito di Cittadinanza, vi prendevo per il c…. !”? Questa si che sarebbe vera Comunicazione e la “C” maiuscola non è messa a caso.

Il manifesto dell’opposizione invece fa compassione, fa tornare alla mente il gatto con gli stivali in Shrek 2, l’animale furbo che quando si vede messo alle strette e in minoranza tenta di smontare la cattiveria dell’avversario con i suoi occhioni languidi, infatti a qualche cittadino boccalone, leggendo il manifesto della sinistra, può anche scappare la lacrimuccia pentendosi di non averli votati, dimenticandosi così di un botto che a governare sono sempre stati loro e che per il 90%, la voragine del buco al bilancio è anche colpa loro.

Una nota pubblicità di Carosello recitava: “Scambierebbe due fustini di detersivi con il suo?”, se il vostro fustino è pieno di onestà e coerenza non accettate lo scambio, perchè destra e sinistra, a Caivano, fanno parte dello stesso fallimento.

 

 

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caivano

Rapine tra Caivano, Frattamaggiore e Casavatore: scattano le manette dopo la condanna

Pubblicato

il

Rapine tra Caivano, Frattamaggiore e Casavatore: scattano le manette dopo la condanna.  Stamattina gli agenti della Squadra Mobile hanno rintracciato e arrestato, presso la sua abitazione in via Atellana a Caivano, Pasquale Bevilacqua, 51enne napoletano, in esecuzione di un provvedimento di carcerazione emesso il 10 gennaio dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli – Ufficio Esecuzioni Penali.

L’uomo è stato condannato alla pena di 5 anni e 4 mesi di reclusione per rapina, possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli, ricettazione e resistenza a Pubblico Ufficiale, commessi a Caivano, Frattamaggiore e Casavatore tra il 2009 e il 2013.

Continua a leggere

Attualità

Caivano, 84 percettori di reddito di cittadinanza al servizio del Comune: “Lavoreranno 8 ore settimanali”

Pubblicato

il

Negli ultimi mesi si è molto discusso sul reddito di cittadinanza, tra persone a favore di questo sussidio e chi invece voleva abolirlo. Molti percettori però stanno lavorando a servizio del Comune in cui abitano. Un bell’esempio di ritorno in società che piace ai cittadini e dà dignità a chi percepisce il reddito di cittadinanza.

Dopo l’esempio positivo del Comune di Bacoli, anche quello di Caivano ha fatto partire dei progetti in favore di 84 persone con reddito di cittadinanza. Come scrive la pagina dell’amministrazione comunale sui social questa è un’occasione di inclusione:

Si tratta di una grande opportunità per il miglioramento dei servizi e per i diretti interessati, che lavoreranno otto ore settimanali, per un totale di dodici mesi e fino a che, in questo periodo, percepiranno il reddito. Attraverso i Puc avviamo un’attività di restituzione sociale per coloro che ricevono il reddito di cittadinanza e, allo stesso tempo, è un’occasione di inclusione per i diretti interessati che contribuiranno al bene della nostra Comunità. Un sentito ringraziamento agli uffici del settore Politiche sociali che si sono dedicati al progetto perché dietro a questo servizio di cui beneficerà l’intera collettività c’è stato un lungo lavoro. In foto, il primo gruppo di percettori reddito di cittadinanza che da subito inizia a collaborare con il Comune. Questo primo progetto si chiama InComune.
A fine mese seguiranno altri tre progetti: manutenzione verde, manutenzione immobili e scuole sicure. In totale saranno 84 le persone impegnate. Buon lavoro a tutti voi“.

Continua a leggere

Caivano

Parco Verde di Caivano, camper per i tamponi gratis in chiesa

Pubblicato

il

Mercoledì e giovedì prossimi, dalle 15,30 alle 19 presso San Paolo Apostolo di Caivano sarà possibile effettuare il tampone gratis. Lo annuncia padre Maurizio Patriciello, parroco del Parco Verde, spiegando che la parrocchia ha dato l’immediata disponibilità ad accogliere un camper delle autorità sanitarie per far eseguire i tamponi.

Tutti i giorni invito i cittadini a controllarsi ma soprattutto a vaccinarsi. “Non c’è un’omelia durante la quale non ricordi che con il vaccino si sconfigge la pandemia” spiega don Maurizio. A qualche fedele scettico io dico che io mi fido della scienza e del Papa – aggiunge – L’utilità dei vaccini viene ricordata dai medici di tutti il mondo. E poi anche il papa lo ha detto chiaramente:” dobbiamo vaccinarci”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante