Resta sintonizzato

Attualità

Finiti i kit per la differenziata, protestano i cittadini

Pubblicato

il

Casoria – Un nuovo giallo si è consumato nella città. I protagonisti di questa storia sono 4, un bianco, un verde, uno trasparente e un altro azzurro: è il kit della differenziata.

Da due anni è obbligatorio ritirarlo in un uffici, center point creati ad hoc, presso la sede Work e Business in via Giolitti, al municipio di piazza Cirillo e alla sede comunale di Arpino situata in via Benedetto Croce. Questo perché? La risposta purtroppo è facile. L’attrezzatura per far lievitare la differenziata veniva distribuita direttamente porta a porta. Tuttavia purtroppo accadeva che il solito furbetto da pianerottolo non riusciva a resistere, lui doveva conquistare questo bellissimo servizio da ‘munnezza’, non bastandogli il suo, poteva accadere ‘ingenuamente’ che ne prendesse più di quanti gli spettassero. Sì perché davanti al kit della spazzatura si diventa tutti come bambini, come dolciumi della calza della befana, avere quella buste in più fa gola. Questa storia doveva finire.

Così dal Comune si decide di cambiare modalità di distribuzione e il cittadino doveva recarsi negli appositi uffici sopraindicati, munito di ‘codice fiscale e copia della bolletta attestante avvenuto pagamento tarsu’, recita il rigido regolamento. Ma ovviamente non siamo in Svezia, purtroppo, e il paradosso è che i database degli avvenuti pagamenti non risultano aggiornati sui computer. Nell’attesa che gli schemi informatici seguino il passo con l’Europa, i sacchetti sono finiti. Come si spiega se ogni sacchetto spetta ad ogni nucleo familiare? 80 mila abitanti, 25mila famiglie, 2 più due fa quattro, diviso tre con il riporto dell’impiegato comunale, è inutile perdersi in invocazioni sulla matematica come fanno in uno sketch i Ditelo Voi, la matematica non è un’opinione.

Contattando la Work & Business ci hanno spiegato che l’intoppo è al Comune dove non si finanziano nuovi mini kit, spiegandoci che l’unica soluzione è che il cittadino reclami negli uffici di competenza. La filosofia è: “Se non reclami non otterrai niente amico caro!”.

Commentano alcuni cittadini alterati davanti alla sede di Via Giolitti: ” Dunque chi arriva per primo vince il kit, non serve presentarsi con codice e bollette, perché io avevo la bolletta pagata, ma i loro computer non erano aggiornati. Anche i kit della spazzatura spettano solo ai furbi che ottengono tutto, noi onesti cittadini che paghiamo la TARSU dobbiamo comprarci le buste della spazzatura. Questo è il primo regalo che ci fa il nostro nuovo sindaco?”. Elena Petruccelli

Attualità

Putin: “Possibile tregua in Ucraina per le prossime Olimpiadi”

Pubblicato

il

Il presidente della Russia, Vladimir Putin, ha confermato di aver parlato con Xi Jinping, l’omologo cinese, circa la possibilità di una tregua in Ucraina in concomitanza delle prossime Olimpiadi.
Anche se il presidente ucraino Voldymyr Zelensky si è mostrato alquanto scettico su questa evenienza.
Il presidente Xi Jinping ha detto che la Cina “sostiene la convocazione di una conferenza di pace internazionale riconosciuta da Russia e Ucraina al momento opportuno con pari partecipazione e discussione equa di tutte le opzioni”.

Russia e Cina s’impegneranno a rafforzare i legami militari, in base alla dichiarazione congiunta firmata a Pechino dai presidenti Vladimir Putin e Xi Jinping.

Continua a leggere

Attualità

Filippo Mosca: la Corte di Appello rumena conferma la condanna

Pubblicato

il

La Corte di Appello, in Romania, ha confermato la condanna a 8 anni e 3 mesi di reclusione nei confronti di Filippo Mosca e Luca Cammalleri.
I due giovani, originari di Caltanissetta, sono rinchiusi nel carcere di Porta Alba, a Costanza, in Romania, da oltre un anno, con l’accusa di traffico internazionale di stupefacenti.

Stessa condanna per una ragazza italiana la cui identità è ignota.

Continua a leggere

Attualità

Dopo 35 anni, torna in vita l’antenato di Google: si chiama ‘Archie’

Pubblicato

il

Con un’operazione tecnologica all’insegna della nostalgia, degli sviluppatori di The Serial Port hanno fatto tornare in vita quel che fu il primo storico motore di ricerca web ‘Archie’, in pratica l’antenato di Google.
Il sistema Archie fu sviluppato, nel 1989, alla McGill University School of Computer Science (Canada) da Alan Emtage, Bill Heelan e Peter Deutsch: è un sistema che permette di effettuare una ricerca di file su server FTP anonimi.
Con l’avvento di Yahoo e Google, però, finì nel dimenticatoio.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy