Resta sintonizzato

POLITICA

MUSEO D’ARTE GHIBLI, IL REGNO DEI PERSONAGGI DI MIYAZAKI CHE PRENDONO VITA (FOTO)

Pubblicato

il

Vicino l’entrata troverete Totoro ad accogliervi, ma niente di strano: sarà proprio lui ad indicarvi la strada giusta per il Museo d’arte Ghibli, il meraviglioso regno dove rivivono di personaggi di Hayao Miyazaki.

Camminando lungo Kichijoji Avenue all’ombra degli alberi verdi di Inokashira Park di Mitaka, in Giappone, si arriva al museo all’aperto realizzato nel 2001 e voluto dal regista e sceneggiatore Miyazaki, apprezzato in tutto il mondo, per i suoi film di animazione che trasmettono amore per l’ambiente.

I suoi personaggi come Nausicaa della Valle del vento, Ponyo sulla scogliera, La Principessa Mononoke e ancora gli straordinari protagonisti de La città incantata, I racconti di Terramare e tantissimi altri, prendono forma in questo museo che non è solo una mostra ma una gigantesca animazione che proietta il visitatore in un luogo da fiaba.

museo ghibli
museo ghibli 7

Ogni camera sembra essere modellata sul lavoro di Miyazaki, ci sono gli schizzi, le scatole di cartone con i mozziconi di matite riutilizzabili e di contorno gli affezionati amici dello sceneggiatore quelli che ci fanno sognare con le loro avventure.

La mascotte non poteva che essere Totoro, ma tra le attrazioni più belle c’è sicuramente la visione del cortometraggio proiettato nel piccolo teatro all’interno del museo: ogni mese uno diverso, ma solo in giapponese e senza sottotitoli.

museo ghibli1
museo ghibli3

C’è poi un grande parco dove è possibile fare un picnic sotto i fiori di ciliegio, naturalmente dopo essere passati da un soffitto blu con una sorridente Nausicaa e Kiki sulla scopa. E qui anche i biglietti d’ingresso sono magici perché fatti con stampe di 35mm che riproducono qualche frame dei film Ghibli tenendoli alla luce, come fossero delle vecchie diapositive di rullini.

museo ghibli5

Tra una stanza e l’altra vengono mostrati i diversi metodi di animazioni e statue in legno catturano lo sguardo dei visitatori. Insomma un luogo adatto veramente a tuttiche fa rivivere le meravigliose avventure dei film di Miyazaki.

museo ghibli6

Museo Ghibli, come arrivare

Il Museo Ghibli si trova alla stazione di Mitaka sulla JR Chuo Line. Arrivati in stazione a Mitaka seguite le indicazioni e in circa 15 minuti a piedi arriverete al Museo Ghibli.

Per prenotare i biglietti clicca qui

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dal Mondo

Orban: “Europa prossima all’ingresso in guerra in Ucraina”

Pubblicato

il

Il Primo Ministro ungherese, Viktor Orban, ha dichiarato che a Bruxelles sono in corso i preparativi da parte dei gruppi di lavoro su come la Nato possa partecipare alla guerra Russia-Ucraina.

“Ciò che sta accadendo oggi a Bruxelles e Washington, o attualmente più a Bruxelles, sta creando l’atmosfera per un eventuale conflitto militare, che potremmo anche descrivere come una preparazione all’entrata in guerra dell’Europa”, ha affermato Orban, su citazione dall’agenzia ungherese Mti.

Continua a leggere

POLITICA

Arrivato a Napoli il primo volo diretto da New York

Pubblicato

il

Il primo volo Delta Air Lines da New York JFK è atterrato, oggi, a Napoli.
L’aeromobile, un Boeing 767-300 , è arrivato al completo alle 07.30, ora locale, ed è stato salutato da un water arch di benvenuto, mentre i passeggeri in arrivo hanno ricevuto un welcome gift in ricordo dell’evento.
Partirà domani, alle 9.30, il primo collegamento Delta dall’Aeroporto di Capodichino di Napoli per New York JFK.

Continua a leggere

POLITICA

Il ‘salva-casa’ in Consiglio dei Ministri, Salvini: “Non è un condono”

Pubblicato

il

Il Consiglio dei Ministri accoglie il decreto salva-casa del vicepremier e ministro Matteo Salvini dopo le ultime correzioni apportate, come l’inclusione di tende e pompe di calore tra le misure.
Si tratta “di misure specifiche finalizzate a rimuovere quegli ostacoli, ricorrenti nella prassi, che determinano lo stallo delle compravendite a causa di irregolarità formali”, recita la relazione illustrativa della bozza del decreto.
Quindi il decreto non riguarda gli abusi edilizi strutturali ma solo gli abusi di minore entità, come un tramezzo spostato o una finestra posizionata diversamente.

Tra le misure il decreto prevede:
PIÙ INTERVENTI IN EDILIZIA LIBERA; TENDE E COPERTURE;  POMPE DI CALORE E VETRATE AMOVIBILI; NUOVE TOLLERANZE COSTRUTTIVE.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy