Resta sintonizzato

Attualità

PORTICI – Il disagio tra le case popolari di Via Dal Bono

Pubblicato

il

Portici. Il degrado e la fatiscenza stavolta sono la cornice delle case popolari di Via dal Bono. Situato ai confini con San Giorgio a Cremano, lontano dal Palazzo Comunale e dai tanti clamori che lo investono , questo quartiere è solo uno dei tanti esempi di quanto possano essere dannosi il malgoverno e la malapolitica.
L’antefatto è del 2010 quando,una decina di famiglie, vengono ricollocate in degli alloggi prefabbricati in attesa di una sistemazione permanente.
Nel Luglio del 2012 , con la delibera n. 4863, il Comune di Portici stanzia circa 1, 5 milioni di euro per l’eliminazione dei prefabbricati e , con la medesima delibera, pianifica la costruzione di 22 alloggi da destinare agli aventi diritto. Ma cosa è accaduto? Gli abitanti dei prefabbricati, nel frattempo diventati fatiscenti, sono stati sfrattati prima ancora che gli alloggi definitivi fossero costruiti, ancor prima che ve ne fossero poste le fondamenta.

Il risultato è quello di circa dieci famiglie che , ad oggi, non hanno dove andare, famiglie con figli minori senza un tetto sulla testa, ospiti di qualche parente e, loro malgrado, vittime di una situazione disumana. Ma non è tutto. In Via dal Bono infatti ci sono , oltre ai resti di questi prefabbricati, anche le palazzine popolari e le condizioni dei vita degli occupanti non sono, per usare un eufemismo, delle migliori. Tra i tetti delle case popolari sorge una discarica a cielo aperto: rifiuti ingombranti pericolosi, eternit e diversi materiali di risulta, mentre a qualche passo di distanza si svolge la vita quotidiane di operai, massaie e bambini, consapevoli che questo stato di cose può risultare decisivo per la loro salute e, quindi, per il loro futuro. I residenti hanno manifestato diverse volte le loro difficoltà ma, come da copione, la loro richiesta d’aiuto non è mai stata ascoltata. Siamo andati a dargli conforto e a raccontare, con le nostre immagini, la loro condizione e la battaglia che stanno combattendo da ormai 6 anni.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Si introducono abusivamente a bordo di uno yacht, consumando cibo e bevande: due giovani nei guai

Pubblicato

il

Nella mattinata di ieri, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, sono intervenuti al molo Luise in via Mergellina, per la segnalazione di alcune persone che si erano introdotte abusivamente a bordo di uno yacht. I poliziotti, una volta giunti sul posto, sono stati avvicinati dal capitano dell’imbarcazione il quale, ha riferito di alcuni ragazzi saliti a bordo senza permesso e che hanno anche consumato cibi e bevande, lasciando briciole, cenere e mozziconi di sigarette a prua, danneggiando inoltre, in vari punti, la zona del tetto. Tuttavia, grazie alle informazioni fornitegli, gli agenti, sono riusciti a rintracciare due giovani romani di 17 e 20 anni, già noti alle forze dell’ordine, che li hanno denunciati per violazione di domicilio.

Continua a leggere

Attualità

Napoli, scippo a Corso Umberto: due giovani rubano il cellulare ad una ragazza

Pubblicato

il

Nella serata di ieri, i Falchi della Squadra Mobile di Napoli, nel transitare in Corso Umberto, hanno sorpreso due giovani a bordo di uno scooter, mentre rubavano un cellulare dalle mani di una ragazza, dandosi poi alla fuga. Da qui, l’inseguimento, che ha visto i poliziotti riuscire a bloccarli in via Pietro Colletta, trovandoli in possesso del telefonino appena scippato. Pertanto, i due, entrambi napoletani di 18 anni, sono stati arrestati per furto con strappo e sanzionati per mancato utilizzo del casco protettivo; inoltre, il conducente, è stato sanzionato per guida senza patente poiché mai conseguita e il motociclo, è stato sequestrato.

Continua a leggere

Attualità

Grecia, violenta scossa di terremoto 6.1 sull’isola di Creta: almeno un morto

Pubblicato

il

Una violenta scossa di terremoto di magnitudo 6.1 della scala Richter, è stata registrata sull’isola di Creta, in Grecia. Il sisma, è avvenuto intorno alle 8 di questa mattina e ha portato con sé una vittima. Si tratta di un operaio che stava lavorando all’interno di una chiesa, il cui tetto è crollato dopo la scossa. Sul posto, è arrivato il Ministro della Protezione Civile Christos Stylianidis, insieme ai Vigili del Fuoco che, hanno definito la situazione come ‘molto difficile’, visto che ci sono altre tre persone rimaste intrappolate all’interno delle loro case.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante