Resta sintonizzato

Cronaca

Reclutava affiliati con le sue canzoni: neomelodico in manette

Pubblicato

il

Alfonso Manzella, cantante neomelodico, risulta coinvolto anche lui nelle indagini della Dda di Napoli sul clan guidato da Rosario Giugliano che si era imposto sul territorio di Poggiomarino, in provincia di Napoli, e che sono culminate oggi, lunedì 19 aprile, nell’esecuzione di 26 misure cautelari nei confronti di altrettanti affiliati a due distinte organizzazioni criminali.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Manzella, che attraverso le proprie canzoni reclutava sodali e lanciava invettive verso le forze dell’ordine e la magistratura, era uno dei diretti fiduciari del patrigno Rosario Giugliano, detto “‘o minorenne”, storico sicario del clan Galasso, che dalla sua scarcerazione avvenuta nel 2016 si era posto a capo di una nuova entità criminale contrapposta a quella allora egemone riconducibile ad Antonio Giugliano, detto “o’ savariello”, luogotenente del clan camorristico Fabbrocino.

Dalle indagini è inoltre emerso che Rosario Giugliano, sottoposto a sorveglianza speciale, aveva spostato l’asse dei traffici illeciti di droga nel Salernitano e in particolare a Pagani, proprio avvalendosi della complicità del figliastro Alfonso Manzella, noto come “Zuccherino”.

La maxi-operazione è scattata alle prime luci dell’alba quando i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere emessa dall’ufficio G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia- nei confronti di 26 (ventisei) soggetti, gravemente indiziati, a vario titolo, di aver fatto parte di due distinte organizzazioni criminali.

Il provvedimento trae origine da un’ampia ed articolata attività d’indagine, strutturata anche sul profilo patrimoniale, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli e sviluppata dal Nucleo Investigativo Carabinieri di Torre Annunziata nell’arco temporale compreso tra la fine del 2016 e febbraio 2020, che ha riguardato due sodalizi criminosi operanti su Poggiomarino, in lotta tra loro per l’egemonia sul medesimo territorio, ma capaci di ricercare e trovare un sostanziale equilibrio nell’approvvigionamento comune di sostanze stupefacenti su larga scala.

[Foto: Fanpage.it]

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Dramma nell’avellinese, giovane schiacciato da due balle di fieno: aveva 28 anni

Pubblicato

il

Dramma avvenuto nella giornata odierna ad Aquilonia, in provincia di Avellino, dove un 28enne del posto, è morto schiacciato da due balle di fieno. Sul posto, sono subito intervenuti i sanitari del 118, che hanno soltanto potuto accertare il decesso del giovane. Lascia la moglie incinta. Gli inquirenti, sono ora a lavoro, per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente.

Continua a leggere

Cronaca

Dramma in mare: 15enne muore annegato nelle acque di Panarea

Pubblicato

il

Tragedia in mare a Panarea, nelle Isole Eolie, dove un 15enne milanese, è morto in mare. Secondo le prime informazioni, i genitori, che lì hanno una villa, avevano noleggiato una barca e il giovane, si è tuffato con maschera e pinne vicino l’isolotto di Lisca Bianca. Tuttavia, i genitori, non vedendolo più tornare, hanno allertato i soccorsi che, si sono subito immersi in quel tratto di mare per ritrovarlo. Purtroppo, la ricerca, ha dato un esito drammatico, poiché il corpo del ragazzino, era già privo di vita. Al momento, l’ipotesi più accreditata, è quella di un malore in acqua.

Pertanto, la morte del 15enne, ha gettato nello sconforto e nella paura gli abitanti dell’isola, visto che la famiglia è molto conosciuta, vivendo a Panarea da diversi anni. La salma, è stata trasferita nella sala mortuaria del cimitero, a disposizione dell’autorità giudiziaria.


 

Continua a leggere

Cronaca

Afragola, Silvio non ce l’ha fatta: il 17enne muore dopo una settimana di agonia

Pubblicato

il

Tragica scomparsa ad Afragola, dove nella giornata di oggi, è morto Silvio Moccia, 17enne del posto. Il giovane, domenica scorsa, rimase coinvolto in un tremendo incidente stradale, mentre era a bordo della sua motocicletta. Tuttavia, le ferite riportate, non gli hanno lasciato scampo e, dopo una settimana di agonia, non ce l’ha fatta. Ancora da chiarire la dinamica dell’incidente, anche se gli inquirenti sono ora a lavoro, per accertare tutto.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante