Resta sintonizzato

Attualità

Napoli. All’Università Parthenope si laureano i primi due studenti meteorologi

Pubblicato

il

Si sono laureati oggi all’Università Parthenope Gaetano Genovese e Ilaria Manco, i primi due studenti che hanno ricevuto l’attestato di meteorologo, unitamente alla laurea in ‘Scienze e Tecnologie della Navigazione’.

Come si legge in una nota della Parthenope, è questo un risultato molto atteso “poiché fino ad oggi nessuna università del sud Italia poteva formare i meteorologi”.

Gli studenti che desideravano conseguire tale specializzazione dovevano proseguire gli studi con la partecipazione a lunghi e costosi master o il trasferimento nel nord del Paese” prosegue la nota.

Le uniche Università italiane fino ad oggi in grado di rilasciare tale attestazione erano: Bologna, L’Aquila, Roma e Trento” ricorda la nota.

La particolare seduta di Laurea, svolta in modalità telematica, ha previsto i saluti del Rettore Alberto Carotenuto e del Direttore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Giorgio Budillon, oltre che dei coordinatori dei corsi di studio, i proff. Stefano Pierini e Claudio Parente.

Ospiti d’eccezione il Generale dell’Aeronautica Militare Luigi Baione, rappresentante permanente presso la World Meteorological Organization ed il Prof. Dino Zardi, Presidente dell’Associazione Italiana Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia che hanno sottolineato l’importanza dei processi di ricerca, digitalizzazione e transizione ecologica in questi ambiti che hanno prospettive enormi di sviluppo nei prossimi anni.

Un percorso impegnativo poiché gli studenti effettuano anche il tirocinio presso il Centro Meteo dell’Università, arrivano quindi al conseguimento del titolo con una solida esperienza sul campo. D’altra parte il Centro Meteo della Parthenope da anni lavora al fianco di Enti ed Istituzioni, basti ricordare la collaborazione con la Regione Campania per le previsioni meteo nel corso delle Universiadi o quella con la Società Autostrade per il monitoraggio delle condizioni meteo nei principali valichi” ha sottolineato il prof. Giorgio Budillon .

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Riaperture progressive da qui a fine giugno: oggi la cabina di regia

Pubblicato

il

La cabina di regia sulle misure di contenimento del Covid dovrebbe svolgersi, nel pomeriggio di oggi, lunedì 17 maggio, alle 16 a Palazzo Chigi.

Parteciperanno, tutti in presenza, i ministri Daniele Franco, Roberto Speranza, Giancarlo Giorgetti, Stefano Patuanelli, Dario Franceschini, Maria Stella Gelmini, Elena Bonetti, il sottosegretario Roberto Garofoli, il coordinatore e il portavoce del Cts Franco Locatelli e Silvio Brusaferro.

Secondo fonti ministeriali, a seguire si svolgerà, il Consiglio dei Ministri. Il premier Mario Draghi, alla luce dei dati confortanti su contagi e vaccinazioni e dei pareri, più ottimistici, degli esperti del Cts, si prepara alla riunione decisiva per un nuovo allentamento delle restrizioni.

Ma la vigilia del vertice di governo è ancora segnata dalle tensioni che, più in generale, attraversano la maggioranza, in primis Lega e Pd.

L’obiettivo è procedere ad una riapertura progressiva da qui a fine giugno. Ma già nella cabina di regia di oggi Draghi tornerà a trovarsi tra due fuochi: da un lato la Lega del “riaprire tutto” e dell’altro il titolare della Salute Roberto Speranza, depositario della linea della prudenza.

Il pressing del centrodestra è alto, l’obiettivo, sul quale anche il M5S potrebbe concordare, è spostare il coprifuoco alle 24 già dal 24 maggio. E, prima della cabina di regia, Salvini ha convocato una videoconferenza con i membri del governo della Lega per organizzare le mosse da mettere sul tavolo della cabina di regia.

Continua a leggere

Attualità

Giornata internazionale contro l’omofobia: “Napoli ha sempre dimostrato di essere dalla parte giusta”

Pubblicato

il

Si celebra oggi, 17 maggio, la giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia.

Il segreto è non restare in silenzio, non voltarsi dall’altro lato, parlare e farlo almeno una volta all’anno: affinchè almeno quest’oggi i principi della Costituzione Italiana siano validi per tutti allo stesso modo.

Il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, per l’occasione ha condiviso un post sulla sua pagina Facebook, scrivendo: “Oggi è il 17 maggio e si celebra la giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. Napoli ha sempre dimostrato di essere dalla parte giusta, quella dei diritti“.

Concludendo con un riferimento al ddlzan, ancora tanto dibattuto: “È finito però il tempo delle manifestazioni, ora è il momento delle risposte vere: ddlzan subito!”.

La data commemora il giorno in cui nel 1990 la World Health Organization (Oms) decise di eliminare definitivamente l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali.

E’ una data importante perchè con le numerose manifestazioni, commemorazioni, articoli, post sui social ci si rende tutti un po’ più consapevoli delle discriminazioni che troppo spesso continuano a colpire il mondo LGBTQ+ e del fatto che l’Articolo 3 della Costituzione, che recita “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali“, deve essere una realtà e non solo una concezione astratta.

Il ddlzan, disegno di legge anti-omofobia, presentato da Alessandro Zan, che prevede aggravanti per i crimini contro l’odio e le discriminazioni nei confronti di omosessuali, transessuali, donne e disabili, dovrebbe essere qualcosa di ovvio, scontato e naturale in una società civile e non un argomento intorno al quale fare “propaganda” e “politica”.

Continua a leggere

Attualità

Covid-19 in Campania: il bollettino delle vaccinazioni

Pubblicato

il

Anche quest’oggi, lunedì 17 maggio, l’Unità di Crisi della Regione Campania ha reso noti i dati relativi alla situazione del Coronavirus, aggiornati alle 12 di oggi.

Complessivamente sono stati vaccinati con la prima dose 1.812.256 cittadini. Di questi 702.599 hanno ricevuto la seconda dose.

Le somministrazioni effettuate sono state, in totale, 2.514.855.

La categoria che ha ricevuto più vaccini è quella dei Fragili con 585.716 vaccinazioni, seguita degli Over 60 con 550.088 vaccinazioni.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante