Resta sintonizzato

Napoli

Gaetano Manfredi a Radio CrC: “La Napoli del futuro parte dai nostri ragazzi!”

Pubblicato

il

L’intervista si apre con una prima domanda posta al Candidato Sendaco del Centro sinistra per le prossime Comunali a Napoli, Gaetano Manfredi, semplice, diretta, forse anche un po’ provocatoria: “Chi gliel’ha fatto fare?“.

Io mi sono voluto impegnare in questa grande battaglia per la città perchè credo che la città di Napoli meriti tanto, è una città bellissima, che però sta vivendo dei momenti estremamente difficili. La pandemia ha rappresentato veramente un momento molto complesso che si accumula a disagi e danni che vengono da tempi anche lontani. Adesso non possiamo più aspettare, dobbiamo dare una mano ai cittadini e soprattutto cercare di cogliere le opportunità che vengono dai nuovi fondi europei e fare di tutto per fare in modo che queste occasioni possano far sì che la vita dei cittadini napoletani possa migliorare” ha affermato Manfredi.

Ma quali saranno le cose principali da fare qualora dovesse essere scelto lei dai cittadini come Sindaco di Napoli?” gli viene poi chesto. “Io credo che noi da un lato dobbiamo cercare di dare una risposta alla vivibilità quotidiana. I cittadini ci chiedono normalità, un traffico più ordinato, trasporti che funzionano, migliore decoro urbano, maggiore pulizia delle strade, riuscire finalmente a manutenere il verde pubblico, garantire i servizi elementari dall’anagrafe ai servizi di sostegno sociale. Dall’altro canto dobbiamo far partire gli investimenti. Sono anni che abbiamo cantieri aperti che non si chiudono e fare nuovi investimenti per la città. Soprattutto per fare in modo che si creino occasioni di lavoro e di sviluppo che aspettano i nostri giovani, per avere opportunità ed evitare che poi si debba per forza andare via per avere una prospettiva di vita” risponde il Candidato Sindaco.

Il giornalista parla poi delle liste “Si è detto tanto, che addiruttura saranno 24 le sigle che parteciperanno alla campagna elettorale, che dovranno essere di un certo numero, qualcuno dice 12, come vi muoverete? Addirittura si dice che ci sono liste con altri che vengono da altri schieramenti. Maresca l’ha accusata di prendersi un po’ tutto quello che non puo’ rientrare nel centro-destra. Come si muoveranno le liste?” “Quando mi è stata proposta la candidatura c’è stata una forte sollecitazione. C’erano 24 sigle al tavolo della coalizione. Io dall’inizio ho subito chiesto una semplificazione. Quindi si sta arrivando a una proposta politica con 12/13 liste che rappresentano questa coalizione di centro sinistra. E’ un percorso politico molto naturale. Tutte le persone che si stanno impegnando fanno parte dell’area di centro sinistra. Mi sembra quindi un percorso naturale e saranno ovviamente i cittadini a giudicare” risponde Manfredi.

Il direttore della testata, Antonio Menna, gli chiede poi dei temi della quotidianeità e in particolare della questione del Lungomare: “Io penso che il Lungomare rappresenti sicuramente una cartolina della città, ma anche un grande patrimonio dei cittadini. Quindi l’idea del Lungomare pedonalizzato sembra sia stata accettata dai cittadini ed è un’opportunità che va valorizzata. E’ ovvio che per far questo si deve da un lato garantire una viabilità che non danneggi gli stessi cittadini, un meccanismo di traffico efficace, ovviamente la Galleria riaperta. E’ poi anche indispensabile che il Lungomare sia valorizzato, che garantisca decoro e valorizzi la realtà di Napoli in maniera gradevole. Esiste un progetto che è stato già finanziato e approvato dal Comune e se gli elettori vorranno che sarò sindaco lo valuteremo attentamente“.

La discussione passa poi su un problema cruciale della città, la mancanza di soldi e fondi magari anche per finanziare le promesse che si stanno facendo: “Questo è un tema cruciale per Napoli ma anche per gli altri Comuni, soprattutto delle grandi aree metropolitane. C’è già stato il primo provvedimento che ha consentito di stanziare risorse per i Comuni in deficit e mi auguro che l’amministrazione comunale approvi rapidamente il bilancio perchè noi ci troviamo che siamo alla fine di luglio e non abbiamo ancora il bilancio approvato e questo rappresenta un grave problema per la città. E questo rappresenta poi un limite enorme per la funzionalità del Comune” afferma l’ex Rettore della Federico II.

Continuando “Però queste risorse andranno consolidate negli anni successivi e la vice ministra Castelli ha confermato quest’impegno. Si sta lavorando sullo scorporo del debito e credo che ci saranno momenti migliori per le finanze del Comune. Napoli è la città più indebitata d’Italia. Questo è un passo necessario per fare in modo che le tante aspettative dei cittadini possano essere realizzate e consolidate”.

Chi conosce la mia storia sa bene che io sono una persona che ha sempre guardato alle regole istituzionali, alla concretezza, a dare delle risposte ai cittadini che non siano propaganda ma fatti concreti. Napoli ha bisogno di fatti concreti, di rapporti istituzionali e di una grande normalità. Noi dobbiamo ovviamente avere straordinari progetti per il futuro però dobbiamo partire dalla normalità, dal lavoro e dalle competenze perchè solo così si riesce poi a dare una risposta concreta ai bisogni dei cittadini” ha detto Manfredi quando gli è stato chiesto da un cittadino di “stare tra le righe”, nè sopra nè sotto.

Riguardo all’istruzione e alla crescita dei giovani afferma “Questa sarà una delle priorità dell’amministrazione. Noi dobbiamo partire da un grande patto educativo. Se riusciamo a dare istruzione, cultura, formazione a tutti i nostri ragazzi e soprattutto ai tanti che oggi hanno abbandonato la scuola, in alcuni quartieri abbiamo una dispersione scolastica che supera il 40% e sono dati veramente drammatici, se faremo questo sforzo costruiremo la Napoli del futuro. La Napoli del futuro parte dai nostri ragazzi, dalle nostre scuole, dagli insegnanti, da un impegno nuovo che fa della cultura e delle competenze una grande leva di riscatto per tutti, soprattutto per i nostri ragazzi

Non è l’estate da lunghe vacanze ma è un’esperienza bellissima perchè i napoletani mi stanno donando momenti molto belli di confronto e di arricchimento” conclude.

Cronaca

Alta tensione a Chiaiano, un uomo spara due colpi di pistola: ora è barricato in casa

Pubblicato

il

Sono momenti di alta tensione quelli che si stanno vivendo, in questi minuti, in via Giovanni Antonio Campano, nel quartiere Chiaiano di Napoli.
Un uomo ha fatto esplodere due colpi di pistola e si è barricato in casa, lo è tutt’ora.
Sul posto sono presenti gli agenti della Upg e della Squadra Mobile della Questura di Napoli e dell’unità operativa di primo intervento.
Al momento, non risulterebbero feriti. L’uomo sarebbe da solo nella propria abitazione.

Continua a leggere

Napoli

Campi Flegrei, De Luca vs Musumeci: “Chi è nato lì non ha colpe!”

Pubblicato

il

“Non dobbiamo prendere in giro la gente, non dobbiamo fare demagogia. Non possiamo però neanche attribuire a chi è nato in quel territorio dei Campi Flegrei la responsabilità di essere nato lì. Sappiamo che è un territorio difficile. Qual è l’alternativa? Dobbiamo evacuare tutta l’area interessata sul Vesuvio o dai Campi Flegrei e Pozzuoli?”.
Lo ha detto il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, commentando le frasi, non proprio felici, dette ieri dal ministro Musumeci.

“Nell’accordo di coesione sono previsti finanziamenti anche per la rete viaria che riguarda i Campi Flegrei. Abbiamo almeno una settantina di milioni di euro destinati ai Comuni di Pozzuoli, Bacoli e altri nella zona. Per quello che mi riguarda perdere anche 24 ore è un atto di irresponsabilità nei confronti delle nostre comunità”, ha aggiunto De Luca a margine dell’inaugurazione di Wmd, fiera industriale a Napoli sulla tecnologia.

Continua a leggere

Città

Multe folli ZTL, il Comune di Napoli sospende le ingiunzioni di pagamento

Pubblicato

il

Il Comune di Napoli ha richiesto la sospensione dell’esecutività di alcuni dispositivi ZTL ubicati al centro storico partenopeo.

Le aree pedonali interessate sono quelle accessibili dai seguenti varchi: via Santa Sofia, via Miroballo al Pendino, via Duomo, via Mezzocannone, via del Sole, Calata Trinità Maggiore.

Il Concessionario sospenderà l’esecutivo dei provvedimenti di ingiunzione di pagamento, su richiesta del Comune napoletano affinché possano essere effetuate le verifiche del caso.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy