Resta sintonizzato

Caivano

CAIVANO: Siamo in una “Buttol” di ferro !

Pubblicato

il

Caivano, il sindaco Monopoli: “Siamo riusciti dove nessuno è riuscito mai”.

Nel consiglio comunale tenuto lo scorso Sabato, così si espresso il primo cittadino caivanese, vantandosi del fatto che finora la raccolta rifiuti è sempre andata avanti a forza di proroghe illegittime verso la ditta Buttol srl.

E’ vero il nostro esimio sindaco è riuscito davvero a superare e a superarsi, infatti grazie alla sua tanto decantata gara europea quinquennale di 26 milioni di euro è stato in grado di offrire una “proroga” di ben 5 anni sempre alla stessa azienda, perché la vincitrice della gara sui rifiuti è stata proprio quella ditta a cui venivano riconosciute proroghe illegittime e che causava enormi disservizi sul territorio caivanese, ma allora, si domanderanno i caivanesi, che cosa c’è da vantarsi e da reclamizzare?

Un sindaco che sappia davvero governare, dovrebbe sapere che questi tipi di gara sono dette gare di “cartello” e che per uno strano motivo, ad esse, si presenta sempre un numero massimo di tre aziende, di cui due non possiedono i requisiti richiesti, proprio perché in un mondo molto sommerso, evidentemente, esistono delle regole non scritte che stabiliscono zone e meriti sui vari territori, deve essere per forza così, se no, non si spiegherebbe il fatto che ad una gara aperta a tutte le aziende d’Europa si finisca sempre col competere con poche ditte corregionali prive di requisiti.

Un sindaco che davvero avesse avuto a cuore le sorti della propria comunità, avrebbe impedito, anche a costo della propria vita, che si verificasse tutto questo, ma ciò non ha fatto e ha consentito anche cose peggiori, come ad esempio affidare la redazione di un capitolato d’appalto ad uno studio legale esterno (sperperando 20.000€ di soldi pubblici) e ha consentito la nomina di una commissione giudicatrice esterna, composta da 5 tecnici di cui 4 esterni, che ha deciso chi dovesse vincere la gara sui rifiuti (altri soldi pubblici sprecati), insomma ha consentito, deciso e sprecato, tutto per stabilire quello che un sindaco perspicace avesse dovuto già sapere.

Allora io da caivanese stanco e non stupido chiedo al nostro “bravo” sindaco:

Quale cambiamento, o quale miglioramento ci sarà sul servizio raccolta, spazzamento, falciamento e pulizie caditoie?

Dove sono le divise nuove e i camion della raccolta di nuova immatricolazione come previsto da capitolato d’appalto?

Chi è preposto al controllo del rispetto del capitolato d’appalto?

Se, per ovvi motivi, un controllo del rispetto del capitolato non ci deve essere, che bisogno c’era di redigerne un altro?

Per quanto riguarda il territorio caivanese, è fin troppo evidente che la questione non è la bravura di un sindaco ma il coraggio, e mi consenta Dr. Monopoli, lei questa virtù non la possiede.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caivano

Rapine tra Caivano, Frattamaggiore e Casavatore: scattano le manette dopo la condanna

Pubblicato

il

Rapine tra Caivano, Frattamaggiore e Casavatore: scattano le manette dopo la condanna.  Stamattina gli agenti della Squadra Mobile hanno rintracciato e arrestato, presso la sua abitazione in via Atellana a Caivano, Pasquale Bevilacqua, 51enne napoletano, in esecuzione di un provvedimento di carcerazione emesso il 10 gennaio dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli – Ufficio Esecuzioni Penali.

L’uomo è stato condannato alla pena di 5 anni e 4 mesi di reclusione per rapina, possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli, ricettazione e resistenza a Pubblico Ufficiale, commessi a Caivano, Frattamaggiore e Casavatore tra il 2009 e il 2013.

Continua a leggere

Attualità

Caivano, 84 percettori di reddito di cittadinanza al servizio del Comune: “Lavoreranno 8 ore settimanali”

Pubblicato

il

Negli ultimi mesi si è molto discusso sul reddito di cittadinanza, tra persone a favore di questo sussidio e chi invece voleva abolirlo. Molti percettori però stanno lavorando a servizio del Comune in cui abitano. Un bell’esempio di ritorno in società che piace ai cittadini e dà dignità a chi percepisce il reddito di cittadinanza.

Dopo l’esempio positivo del Comune di Bacoli, anche quello di Caivano ha fatto partire dei progetti in favore di 84 persone con reddito di cittadinanza. Come scrive la pagina dell’amministrazione comunale sui social questa è un’occasione di inclusione:

Si tratta di una grande opportunità per il miglioramento dei servizi e per i diretti interessati, che lavoreranno otto ore settimanali, per un totale di dodici mesi e fino a che, in questo periodo, percepiranno il reddito. Attraverso i Puc avviamo un’attività di restituzione sociale per coloro che ricevono il reddito di cittadinanza e, allo stesso tempo, è un’occasione di inclusione per i diretti interessati che contribuiranno al bene della nostra Comunità. Un sentito ringraziamento agli uffici del settore Politiche sociali che si sono dedicati al progetto perché dietro a questo servizio di cui beneficerà l’intera collettività c’è stato un lungo lavoro. In foto, il primo gruppo di percettori reddito di cittadinanza che da subito inizia a collaborare con il Comune. Questo primo progetto si chiama InComune.
A fine mese seguiranno altri tre progetti: manutenzione verde, manutenzione immobili e scuole sicure. In totale saranno 84 le persone impegnate. Buon lavoro a tutti voi“.

Continua a leggere

Caivano

Parco Verde di Caivano, camper per i tamponi gratis in chiesa

Pubblicato

il

Mercoledì e giovedì prossimi, dalle 15,30 alle 19 presso San Paolo Apostolo di Caivano sarà possibile effettuare il tampone gratis. Lo annuncia padre Maurizio Patriciello, parroco del Parco Verde, spiegando che la parrocchia ha dato l’immediata disponibilità ad accogliere un camper delle autorità sanitarie per far eseguire i tamponi.

Tutti i giorni invito i cittadini a controllarsi ma soprattutto a vaccinarsi. “Non c’è un’omelia durante la quale non ricordi che con il vaccino si sconfigge la pandemia” spiega don Maurizio. A qualche fedele scettico io dico che io mi fido della scienza e del Papa – aggiunge – L’utilità dei vaccini viene ricordata dai medici di tutti il mondo. E poi anche il papa lo ha detto chiaramente:” dobbiamo vaccinarci”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante