Resta sintonizzato

Afragola

AFRAGOLA: Guerra tra clan alle porte, le nuove leve sfidano la vecchia guardia

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Sembra star precipitando la situazione nel Comune situato nel cuore della zona urbana a nord di Napoli a seguito del pentimento del boss locale appartenente al Clan Moccia Salvatore Scafuto, alias “’Tore a’ Carogna”.

Scafuto era da 30 anni un personaggio chiave, un cosiddetto senatore dei Moccia, un potente capo che vedendo la sua vita in pericolo ha deciso di cercare la protezione dello Stato collaborando con le forze dell’ordine e svelando le sue verità.
Le dichiarazioni del pentito stanno minando gli equilibri del potere camorrista e degradando il controllo che il Clan aveva sul territorio, portando nuovi personaggi a farsi strada nel vuoto di potere lasciato dal precedente boss.

Le conseguenze più visibili sarebbero, come descritto dal portale internapoli.it, il passaggio dell’organizzazione e del controllo su spaccio e traffici varii a quelle che da sempre erano state le seconde fila della malavita cittadina, come testimoniato anche da presunti regolamenti di conti avvenuti sul suolo cittadino proprio in questi giorni.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Afragola

“Per la Rinascita di Afragola” non è un nuovo Movimento ma un messaggio a Tuccillo

Pubblicato

il

AFRAGOLA – La data delle elezioni è ancora lontana ma già si cominciano a delineare gli orizzonti di quelli che saranno gli schieramenti che si dovranno presentare ai nastri di partenza.

Da Sabato scorso 10 Aprile sul territorio afragolese si ha una certezza. La nascita di un nuovo Movimento civico politico denominato “Per la Rinascita di Afragola”. La prima cosa che salta subito agli occhi sono le firme poste sotto il manifesto politico. A promuovere questo neonato Movimento sono i padri fondatori di quello che oggi si chiama “PD”: Gennaro Espero fondatore e Segretario storico della “Margherita”, Michelino Fusco fondatore del PCI ad Afragola e Cosimo Boemio che al netto della parentesi Grillo che lo ha visto come trasformista, il suo alveo naturale è sempre stato il centrosinistra, vedendolo anche come probiviri del PD a livello provinciale. Da quanto si capisce, questi dovrebbero essere i “padri nobili” che vorrebbero dare il “la” ad un nuovo polo aggregativo fuori dal binomio “Tuccillo-Nespoli” e rappresentare un nuovo Movimento democratico e progressista.

Allora le riflessioni nascono spontanee. Cosa spinge la frangia fondatrice del PD afragolese a creare un nuovo incubatore di forze politiche distaccandosi nettamente dal loro partito di appartenenza? Ma soprattutto: la segreteria cittadina del Partito Democratico è cosciente di questo scollamento? Sta facendo qualcosa a riguardo? Sta cercando di correre ai ripari?

Una cosa è certa ed è quella che appare agli occhi di tutti. I padri nobili del PD, compresi quei personaggi politici che hanno sempre rappresentato lo strascico della veste da sposa dell’ex parlamentare Domenico Tuccillo, hanno dato un messaggio forte e chiaro all’ex sindaco e al PD stesso: “dialoghiamo con tutti nell’alveo del centrosinistra ma non vogliamo più dedicare le nostre forze ad un dualismo che ha messo in ginocchio la città”.

Su questo dovrebbero interrogarsi sia chi ci è rimasto nel PD e che sotto sotto condivide l’idea di chi ha avuto il coraggio di distaccarsi dal partito e sia quelli che rimangono fedeli all’eventuale candidatura di Tuccillo. Il centrosinistra spaccato non fa bene a nessuno, né a quelli che vorrebbero un centro sinistra unito ma senza l’ex sindaco a capo, né a quelli che lo vorrebbero al timone. Ad Afragola è giunta l’ora di guardare avanti e soprattutto al di là dello steccato del dualismo storico.

Ma a quanto pare Segretario e Tuccillo vanno avanti per conto proprio e il resto del PD si arrocca sull’Aventino nella speranza che qualcuno li invita a qualche tavolo propositivo e allora ci si domanda: perché chi è contro Tuccillo non si fa promotore di un tavolo? Perché chi non vuole Tuccillo non lo dice apertamente e forma nuovi movimenti prendendo alla larga il problema? Ma il futuro non dovrà essere formato dalla chiarezza e dalla Trasparenza? Ma soprattutto: perché il PD resta l’unico partito che ancora non ha sentito l’esigenza di dialogare con il Commissario Prefettizio per renderlo edotto del problemi della città?

A quanto ci risulta è stato il solo Tuccillo a parlare con la Commissaria. A nome di chi si è presentato dalla Dott.ssa Anna Nigro? È stato delegato dal Segretario? E gli altri lo sanno? E se non è stato delegato dal Segretario, il Segretario come mai non si è interessato di informare la Commissaria di quello che succede in città? E se Tuccillo rappresenta il PD come mai c’è questo esodo dentro e fuori dal PD? Questo il Segretario se l’è chiesto?

Tornando invece al nuovo Movimento riformista cattolico progressista, si registra già il primo caso anomalo. L’altro ieri appena fuori il Manifesto elettorale nella parte bassa del manifesto web si leggono i nomi di Espero Gennaro. Fusco Michelino, Boemio Cosimo, Corcione Michele, Laudanna Girolamo, Izzo Antonio Nicola, De Luca Michele, Di Palo Francesco Antonio ed Enzo Alaia. Quest’ultimo Responsabile Stampa e dipendente del Comune di Afragola.

Al netto di alcuni nomi che forse sono stati messi lì per testimoniare la trasversalità del Movimento come quella del Prof. Michele Corcione, essendo conosciuto come professionista dagli ideali liberali, forse vista anche la sua giovane età rispetto al resto dei firmatari, sarà proprio il suo nome a rappresentare la proposta di tale Movimento, c’è un nome su tutti che è scomparso repentinamente dalla lista dei firmatari, quello di Enzo Alaia.

Cosa sarà successo? Si è ricordato solo dopo di essere dipendente comunale e che visto il ruolo che ricopre non può intestarsi campagne elettorali con il vantaggio di essere anche fonte di notizie provenienti direttamente dall’interno del Palazzo Comunale? E poi c’è una cosa che taglia la testa al toro: chi ci dice che togliendo il nome dal manifesto, lo stesso non sarà comunque parte integrante del progetto?

Una riflessione su tutte è d’obbligo. Ancora una volta, personaggi politici sul territorio, come sempre fatto, si nascondono dietro al dito. Si studiano, fanno tattiche da prima repubblica e nessuno, ad ora, usa il linguaggio della chiarezza e dice realmente alla popolazione cosa si pensa e cosa vogliono fare per la città. Un esempio su tutti. Per dire a Tuccillo “non ti vogliamo” si è deciso di prenderla alla larga formando un Movimento parallelo e questo denota un solo fatto concreto: questi personaggi, pur avendo larga esperienza, credono ancora che l’ex sindaco abbia potere e così facendo glielo stanno restituendo. Meditate gente.

Continua a leggere

Afragola

Afragola. Al setaccio il Rione Salicelle: tra perquisizioni e sequestri

Pubblicato

il

I carabinieri della compagnia di Casoria, nell’ambito dei servizi disposti dal comando provinciale di Napoli, hanno presidiato le strade del rione Salicelle di Afragola.

Le persone identificate sono state 60, 35 veicoli controllati e svariate le perquisizioni effettuate.

I Carabinieri sono stati impegnati in molteplici attività: dai servizi di polizia giudiziaria ai controlli in materia edilizia passando per le verifiche del rispetto delle normative anti-contagio.

Durante le operazioni, i carabinieri hanno sequestrato, sempre nel rione Salicelle, due impianti di videosorveglianza utilizzate per “monitorare” la zona con il fine di eludere i controlli delle forze dell’ordine.

Rinvenuti e sequestrati, in un vano scala dell’isolato 19, diversi bilancini di precisione e vario materiale presumibilmente utilizzato per il confezionamento della droga.

I carabinieri della compagnia di Casoria insieme a personale dell’asl Napoli 2 nord hanno controllato 3 box in uso a un 25enne del luogo. All’interno 3 cani razza pitbull. Il personale sanitario ha predisposto il trasferimento dei cani in locali idonei.

I militari dell’arma insieme agli agenti della polizia municipale e al personale dell’ufficio tecnico del comune di Afragola hanno ispezionato l’abitazione di una 46enne del luogo: sono stati accertati dei lavori abusivi di ristrutturazione effettuati senza alcuna autorizzazione.

I servizi continueranno nei prossimi giorni.

Continua a leggere

Afragola

Il clan Moccia nell’affare del petrolio: convolti anche Ana Bettz e Gabriel Garko

Pubblicato

il

Antonio Moccia, del Clan di Afragola, ha reinvestito il denaro illecito nella società petrolifera gestita dalla cantante Ana Bettz. Ciò ha portato a contrasti con il clan Mazzarella, risolti con la cessione di alcuni distributori di carburante.

La camorra, la ‘ndrangheta, broker internazionali, importantissime industrie estrattive estere, imprenditori locali: il calderone da centinaia di milioni di euro ricostruito dalla Guardia di Finanza e dai carabinieri con l’operazione Petrolmafie Spa ha dimostrato la contiguità tra organizzazioni mafiose, colletti bianchi e settori industriali e traccia un filo che unisce Napoli, Roma e Reggio Calabria, con collegamenti anche in Sicilia.

Tra i perni dell’indagine ci sono Antonio Moccia, dell’omonima famiglia di camorra storicamente egemone ad Afragola, in provincia di Napoli, gli imprenditori calabresi Antonio e Giuseppe D’Amico, la famiglia Mancuso di Vibo Valentia e l’imprenditrice e cantante Ana Bettz, al secolo Anna Bettozzi, vedova del petroliere Sergio De Cesare.

Dalle conversazioni telefoniche è emersa anche la stipula di un contratto per uno spot pubblicitario tra Ana Bettozzi e l’attore Gabriel Garko, al secolo Dario Gabriel Oliviero, in cui parte del corrispettivo pattuito, pari a 150mila euro è stato versato in denaro contante.

L’attore, che non risulta nell’elenco indagati diffuso dalla Procura, è intercettato in una conversazione. E si lamenta della parziale difformità tra gli importi concordati come fatturabili in chiaro rispetto al quantum da corrispondere in nero.

Le parti concertano come dovrà avvenire la corresponsione del compenso pattuito pari a 250mila euro, 50mila euro già versati.

Gli inquirenti hanno ricostruito il ruolo di Moccia, ritenuto a capo di quello che viene definito uno dei clan più difficili da investigare proprio per l’abilità a riciclare denaro (si stima un giro di affari da un miliardo di euro, già reinvestito in attività economiche apparentemente del tutto in regola): il suo clan si era infiltrato nel settore approfittando dei problemi economici di una importante società petrolifera romana.

Un soggetto capace di commettere un omicidio a sangue freddo quando era ancora minorenne. Moccia aveva intuito la possibilità di guadagno e, attraverso l’imprenditore Alberto Coppola, era entrato in contatto con Anna Bettozzi, che in quel periodo amministrava la società Max Petroli (poi diventata Made Petrol). Il clan Moccia aveva così cominciato a riciclare i soldi tramite quella società, che con quel flusso di denaro aveva generato altri profitti: nel giro di un paio di anni il fatturato si era moltiplicato di centinaia di volte” ha spiegato il generale Gabriele Failla, comandante provinciale della Guardia di Finanza di Napoli.

L’accordo, però, aveva causato contrasti con gli altri clan, in special modo con quelli anche loro attivi nel settore petroli.

In particolare si era arrivati allo scontro coi Mazzarella, che in più occasioni avevano minacciato Coppola, anche sparandogli contro colpi di pistola.

“L’imprenditore chiese la protezione a Moccia si arrivò a un patto che prevedeva la cessione di alcuni distributori di benzina ai Mazzarella” ha continuato Failla.

Questa mattina sono stati eseguiti una settantina di provvedimenti cautelari a carico di indagati accusati di associazione mafiosa, riciclaggio e frode fiscale nel settore dei prodotti petroliferi, nell’operazione sono stati sequestrati beni per circa un miliardo di euro: l’inchiesta è stata condotta in collaborazione dalle procure di Napoli, Roma, Reggio Calabria e Catanzaro.

Nel corso dell’indagine ricosturito anche il collegamento con un rappresentante della KMG (KazMunayGas), l’industria estrattiva più importante del Kazakistan: si era incontrato a Vibo Valentia con gli imprenditori D’Amico e Luigi Mancuso, capo della ‘ndrina calabrese, accompagnato da una traduttrice con l’obiettivo di far arrivare il petrolio in Calabria. Con loro anche due broker lombardi (arrestati stanotte a Milano).

L’idea era di costruire una boa al largo del porto di Vibo Valentia per far attraccare la petroliera e far arrivare il petrolio nel deposito dei Mancuso, proposito poi saltato per l’arresto del mediatore con le accuse di omicidio e tentato omicidio. In quella circostanza, rilevano gli inquirenti, viene dimostrato ancora una volta il potere che aveva la famiglia malavitosa: Mancuso aveva detto che avrebbe fatto ritirare le licenze all’Eni in modo da utilizzare anche le loro cisterne nel porto di Lamezia Terme.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante