“Ed è proprio in questi viaggi mentali che come Gulliver ho deciso di scrivere il mio diario! “

3° VIAGGIO

Come sono leggero, mi faccio portare dalle onde, sono felice e nuoto insieme a mille amici uguali a me, ho delle gambe lunghissime, ma cosa sono diventato? Ah ecco! Sono un calamaro, inizio a volteggiare contento insieme ai miei simili, ad essere sincero non mi sarei mai aspettato che tutto questo poteva capitare proprio a me… COSA? Continuate a leggere, e capirete! Mentre nuotavo nel mio branco tra una macchia di petrolio e l’altra vedo i miei simili scappare velocemente, logicamente scappo anche io, SONO CALAMARO MICA FESSO! Ma niente da fare, ci hanno catturato, ci hanno pescato, questi umani ci vogliono mangiare, ci cucineranno, ormai non abbiamo più scampo, questa sarà la mia fine, speriamo solo di preparato da un grande Chef che farà di me un piatto stellato per un grandissimo Hotel, magari a 5 STELLE.

Vedo una luce accecante un caldo mai sentito prima, non sono più in acqua… allora questo è il sole?

Ecco i pescatori che parlottano tra di loro si complimentano del pescato, lo so che sono un Calamaro, ma nel mio viaggio immagino di riuscirli a capire. Il primo pescatore si asciuga un po di sudore dalla fronte e con un tono entusiasta:<< Tutt sta robb fernesc ad Agropoli>>. Ecco la mia destinazione Agropoli, bella città almeno spero che lo sia, l’altro pescatore ridendo:<< Cu stu fatt, finalmente ce facimm na cos e sold>>.

Il mio occhio viscido, li guarda perplessi, qual fatt?di che fatto parlano? Da lontano vedo avvicinarsi un uomo con una camminata sicura fiera, capelli bianchi e occhiali, tutti lo salutano con rispetto, hanno quasi timore di lui, il pescatore si avvicina a quest’uomo: << ON VECIE’, chist so perfett pe frittur!>>. Lui lo guarda con un fare spavaldo, da guascone  quasi da camorrista. Lo so che so calamaro e nun e teng, ma chist me sta ngopp e pall!!!.

On veciè mette una mano sulla spalla del pescatore: <<Chist purtatel a Francucc Ad Agropoli, A Franco Alfieri, è tutto pagato, altrimenti scurdatev a licenza.>>

Questo signore sarà sicuramente un grande chef… CHEF Alfieri suona bene, si diventerò un piatto prelibato e di sicuro mi venderanno ad un prezzo altissimo, sono prezioso lo sta dicendo anche On Veciè.

Mi sbattono in una bacinella e mi caricano su un camioncino, sento parlare l’autista con un uomo seduto accanto:<< tutt stu bene e Dio, regalato per un voto>> Come regalato? Ahhh forse ho capito, un voto alla madonna, sarà una cena di beneficenza per i poveri. L’Autista continua:<< che io poi voto pure NO a stu referendum>> l’amico accanto ride << Aeeee fatt sentì a On vecienz quello ti ammazza come vuole fare con la Bindi! E po, parlammc chiaro, che te ne fotte! Se voti SI TE RANN PUR A FRITTUR E PESCE gratis>>.

Come la frittura di pesce? Com’è possibile? CI HANNO PESCATO IN CENTINAIA PER FARE LE FRITTURE DI PESCE A CHI VOTA SI??? Ma se po fa? Strani questi umani.

L’autista alza la voce: << ma lo sai che dare una cosa in cambio di un voto è un reato? Si chiama voto di scambio>>. L’amico ride ancora più forte :<< Ehhh, reato, chill On Veciè, po fa quello che vuole lui, nessuno ce dice nient!>>

Il camioncino si ferma, io sono ormai quasi morto,mi sento triste, sto morendo per commettere un reato, sarò un VOTO DI SCAMBIO, SARO’ UN BECERO VOTO DI SCAMBIO.

Si apre il portellone, un uomo ci guarda senza parlare, l’amico dell’autista :<< Buongiorn Francù, questi sono per le 4000 mila frittur promesse>> Francù lo guarda e chiede il prezzo, l’amico scuote la testa: << No è tutto pagato, ma nun ve scurdat o post a mio fratello e quella licenza>> Francù fa un cenno con la testa dice solo << Meglio che vince il SI accussì addevent senatore e nun vag in galera>>.

Intanto, sono morto, era meglio se restavo in mare, che è inquinato assaj, ma meno di qua fuori sicuramente. Sti sciem mi hanno preso per far votare SI alle persone… Sono un calamaro morto ormai ma una cosa la voglio dire… SALVA ANCHE TU UN POVERO CALAMARO VOTA NO!!! PS: CHE ONORE, SONO STATO MANGIATO PROPRIO DA ON VECIE’!, SPERIAMO ALMENO CHE ERO AVARIATO!

 

Non fatevi fregare da questi mezzi politici, ragionate con la vostra mente perché il favore che vi faranno oggi, domani lo toglieranno ai vostri figli e per colpa vostra forse…. faranno la fine del calamaro!

 

*** Logicamente sto solo sognando… Ma non riesco proprio a ricordare quando mi sono addormentato!

 

GULLIVER

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.