Resta sintonizzato

Città

NAPOLI: il Trianon riapre e ricomincia da Nino D’Angelo

Pubblicato

il

Napoli – Tutto pronto al Trianon Viviani per l’attesa inaugurazione del teatro pubblico di Forcella venerdì 2 dicembre prossimo, alle 21.

Dopo due anni e mezzo di fermo produttivo per una difficile crisi finanziaria – che lo aveva pure portato più volte alla vendita all’asta – e la realizzazione di importanti lavori di adeguamento, riparte quindi la programmazione di questa sala centenaria. Ad aprire la nuova stagione il neodirettore artistico Nino D’Angelo – che così ritorna nello stesso incarico già ricoperto dal 2006 al 2010 – con il nuovo allestimento di Io, senza giacca e cravatta, lo spettacolo di cui è autore e interprete.

I lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria – che hanno visto, tra l’altro, la revisione completa di tutti gli impianti – sono costati circa trecentomila euro e sono stati resi possibili dal contributo della Regione, socio di maggioranza del Trianon. Li ha eseguiti, a tempo di record, in solo tre mesi, la ditta Artec di Roma.

Io, senza giacca e cravatta è un viaggio autobiografico nei ricordi, in una cartolina che fotografa un passato e il suo presente. Racconta di un quartiere di Napoli, San Pietro a Patierno, di un tempo che va dagli anni ‘60 ai nostri giorni, di una realtà che tocca i ricordi, quelli nostalgici, ma anche quelli divertenti che hanno accompagnato un ragazzo che poteva fare il cantante o lo «scarparo» (il quartiere era importante per la produzione di scarpe).

«Una notte, preso dal sentimento del passato – spiega D’Angelo – mi ritrovai nella strada del mio quartiere, San Pietro a Patierno. L’appuntamento era con i ricordi, ma ad aspettarmi trovai la delusione. La casa dove mi vantavo di essere nato non c’era più. Le crepe del tempo l’avevano demolita con tutte le immagini dei miei affetti speciali che, per un attimo, demolirono anche me e la mia memoria».

«Da questo sentimento – continua D’Angelo – nasce la voglia e l’idea di creare questo mio nuovo spettacolo di musica e teatro: sarà la mia voce fuori campo e il concerto nel vico ad accompagnare l’infanzia e l’amicizia eterna; così come il canto accorato che arrivava dalle botteghe degli scarpari sarà il principio della mia passione, la musica».

Lo spettacolo, prodotto da Fox and Friends, vede la partecipazione dei musicisti Mena Casoria, Vittorio Cataldi, Massimo Gargiulo, Francesco Ponzo e degli attori/cantanti Antoine, Milly Ascolese, Salvatore Benitozzi, Mario Ciervo, Rossella De Blasi, Angelo Laurino, Consiglia Loren e Michele Paolella.

Le scene sono di Tiziano Fario, i costumi di Francesca Romana Scudiero, il disegno luci di Massimo Tomasino e le coreografie di Enzo Castaldo.

Dopo la “prima” di venerdì 2 dicembre, Io, senza giacca e cravatta andrà in scena sabato 3, domenica 4 e tutti i giorni da mercoledì 7 a domenica 11: sempre alle 21, tranne la domenica alle 18 e il mercoledì alle 17:30.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Giugliano. Rapina in un supermercato: ladri messi in fuga dal titolare

Pubblicato

il

Questa mattina una banda di ladri ha tentato di mettere in atto un colpo in un supermercato di Giugliano ma i malviventi sono stati messi in fuga dal titolare.

Erano in due: uno faceva da “palo”, l’altro deputato ad agire.

Sono entrati in azione questa mattina al supermercato “Decò” in via Santa Rita da Cascia con l’obiettivo di portare via i soldi dalla cassa.

Uno dei malviventi ha fatto irruzione all’interno del supermercato e, minacciando i dipendenti, ha sottratto i contanti.

In quel momento il titolare ha deciso di reagire e con una mazza si è scagliato contro il rapinatore mettendolo in fuga.

Scappando, quest’ultimo ha perso anche parte della refurtiva che è stata dunque recuperata.

Il malvivente è poi fuggito con il complice facendo perdere le sue tracce.

Al vaglio delle forze dell’ordine le telecamere di sorveglianza dell’attività che potrebbero aver ripreso dei particolari fondamentali per risalire all’identità dei malviventi.

Continua a leggere

Cronaca

Depressione da Covid. Rita muore a 27 anni: aveva perso 49 kg nonostante continuasse a mangiare

Pubblicato

il

La Procura di Napoli ha aperto un’inchiesta sulla morte di Rita Caccioppoli, 27enne napoletana, deceduta lo scorso 6 aprile nell’Ospedale del Mare di Ponticelli dopo 17 giorni di ricovero: alla ragazza era stata diagnosticata una forte depressione, secondo lo psichiatra che l’aveva visitata, causata dall’emergenza sanitaria Covid in corso e dalla necessità di rimodulare la propria vita in base alle nuove, stringenti norme imposte per arginare il contagio.

Un carico troppo pesante, che non avrebbe retto, fino ad ammalarsi e a dimagrire vistosamente.

Come riportato da Fanpage.it, la giovane nel giro di poco tempo era arrivata a pesare appena 49 chili, nonostante continuasse a mangiare regolarmente.

Era stata ricoverata in ospedale ma, nonostante i tentativi dei sanitari, non c’era stato nulla da fare.

Aveva cominciato a stare male nello scorso febbraio, con nausea persistente e vomito, ma gli esami effettuati in ospedale avevano dato tutti esito negativo: era sana, non aveva nessuna malattia che spiegasse quei sintomi e quella rapida perdita di peso. E, secondo i medici, non soffriva nemmeno di disturbi alimentari; uno psichiatra accreditato dall’Asl, hanno fatto sapere i familiari, le aveva diagnosticato una depressione causata dallo stress.

In più occasioni era stata costretta a ricorrere alle cure mediche, ma non era stato trovato un rimedio per la nausea e il vomito costanti. Le erano stati prescritti anche degli antidepressivi. 

Il giorno dopo il decesso i familiari della ragazza, assistiti dall’avvocato Amedeo Di Pietro, hanno presentato denuncia presso il commissariato di Ponticelli della Polizia di Stato: la Procura ha disposto il sequestro della salma per effettuare l’autopsia.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli. Droga nascosta in una cassetta per le lettere: 28enne nei guai

Pubblicato

il

Nella serata di ieri, sabato 10 aprile, gli agenti del Commissariato San Paolo, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno effettuato un controllo presso uno stabile di via Divisione Siena dove hanno notato una persona che, alla loro vista,  ha nascosto qualcosa in una cassetta per le lettere.

I poliziotti hanno trovato, all’interno della buca, un bilancino di precisione e un involucro con 24grammi di cocaina.

Angelo Pinto, 28enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per detenzione di sostanza stupefacente.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante