Resta sintonizzato

Bagnoli

Terremoto nella camorra di Napoli: si pente il braccio destro del Boss

Pubblicato

il

Il braccio destro del boss di camorra di Bagnoli, Yusseff Aboumouslim, detenuto, è diventato collaboratore di giustizia.

L’uomo, nei giorni scorsi, avrebbe già fatto le prime dichiarazioni alla Dda.

Numerosi gli anni di galera già scontati, la prospettiva di una condanna pesante per l’accusa di estorsione ma, soprattutto, di fare parte del clan Esposito di Bagnoli, con il ruolo di braccio destro del boss Massimiliano Esposito.

Da qui, la decisione che ha causato uno scossone nella camorra dell’area ovest di Napoli: il ras Yusseff Aboumouslim è diventato collaboratore di giustizia.

Nei giorni scorsi avrebbe già reso le prime dichiarazioni ai pm della Dda, che avrebbero portato ai primi risultati: nella giornata di ieri nel quartiere e nelle aree limitrofe sono state eseguite diverse perquisizioni.

Secondo gli inquirenti Aboumouslim è un personaggio di primo piano del clan, uomo di fiducia del boss Esposito e del figlio Cristian, entrambi attualmente detenuti.

Temendo una ritorsione da parte del clan i familiari del 28enne, ai quali sarebbero già stati diretti insulti e minacce, sono stati sottoposti a protezione.

Il pentimento di Aboumouslim può rappresentare un punto nodale per le indagini sulla camorra di Bagnoli ma anche su quella dei quartieri limitrofi, dato che il clan, dopo la scarcerazione di Esposito, per gli inquirenti si sarebbe esteso anche sulle aree vicine tramite azioni di forza e accordi con gli altri gruppi malavitosi.

Uno dei messaggi di reazione del clan è stato pubblicato sul profilo Facebook di Cristian Esposito, figlio di Massimiliano “lo scognato”, e attualmente detenuto: è possibile che l’account venga utilizzato dai familiari o da persone a lui vicine.

“Purtroppo abbiamo un tumore in famiglia ma noi restiamo sempre con il nostro onore, morire ma non tradire. Eri un mio fratello ma oggi provo solo disgusto. Volevi imitarmi ma ricordati, la famiglia 6.5 è unica ed è piena di onore” è quanto scritto sul profilo Facebook e cancellato subito dopo

Quelle cifre, nel gergo ormai consolidato di camorra, indicano la lettera F e la E, ovvero Famiglia Esposito.

Come riporta Fanpage.it, Aboumoslim, 28 anni, è stato arrestato l’ultima volta nell’ottobre 2020 dalla Squadra Mobile della Questura di Napoli e dagli agenti del commissariato di Bagnoli della Polizia di Stato, insieme ad altri due giovani, anche loro ritenuti legati al clan attualmente egemone nel quartiere.

Secondo le accuse il ragazzo, destinatario di ordinanza di custodia cautelare, insieme agli altri due arrestati, era stato contattato da un truffatore che si era rivolto a lui per recuperare dei soldi da un ex socio: Aboumouslim aveva costretto l’uomo a consegnare il denaro ma poi aveva estorto altri soldi a quello che aveva chiesto il suo aiuto, imponendo una tangente sulle truffe.

Nel febbraio precedente era stato arrestato per possesso di armi da guerra: tornato libero da pochi mesi, era stato bloccato insieme ad altre tre persone e nelle loro disponibilità gli agenti di Bagnoli avevano trovato un fucile mitragliatore, una mitraglietta e numerose munizioni di vario calibro.

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Bagnoli

Bagnoli: rinvenute due pistole dalla Polizia di Stato.

Pubblicato

il

Giovedì mattina, gli agenti della Squadra Mobile e dei Commissariati Bagnoli e San Paolo, durante i servizi all’uopo predisposti, hanno controllato uno stabile in via Giacomo Leopardi dove hanno scoperto che, in un vano sottostante la scala condominiale, era stata ricavata una botola all’interno della quale hanno rinvenuto e sequestrato una pistola cal. 8 con canna occlusa, 3 cartucce a salve, un borsello contenente un’altra pistola con le stesse caratteristiche, uno scaldacollo nero, un paio di occhiali neri ed una mascherina chirurgica.

Continua a leggere

Attualità

Riapre la storica pizzeria bagnolese quella che era la pizzeria Michele a Bagnoli torna con un nuovo nome

Pubblicato

il

Ottima notizia per la cittadinanza bagnolese. La storica pizzeria Michele di via Giusso (che nulla ha a che fare con la pizzeria del centro storico) riapre a partire da stasera, dopo una chiusura temporanea durata un paio di settimane.

“Grazie mille per il sostegno e la gentilezza che avete avuto per la pizzeria – scrivono sui social i titolari – il vostro appoggio ha significato molto per tutti noi. Voglio rassicurare che lo staff è sempre lo stesso e faremo del nostro meglio per deliziare tutti voi come sempre. Vi aspettiamo in tanti”. Unica novità, rispetto alla tradizione, è che non si chiamerà più “Antica pizzeria Michele” ma “Antica pizzeria di Bagnoli dal 1938”.

Continua a leggere

Bagnoli

Michele, chiude la storica pizzeria, la speranza a Bagnoli è che il locale possa presto riaprire i battenti

Pubblicato

il

Il quartiere di Bagnoli è in fermento negli ultimi giorni per la chiusura di uno dei suoi esercizi commerciali più conosciuti e storici. Si tratta della pizzeria Michele di via Giusso.

A quanto pare la pizzeria (che non è in alcun modo legata con l’Antica pizzeria da Michele del centro storico) ha chiuso per motivi familiari della proprietà, e non sono chiari i tempi di riapertura né se effettivamente questa avverrà. Un’ipotesi dolorosa per i bagnolesi, che infatti soprattutto sui social si stanno pronunciando a favore del locale e della speranza di poterlo di nuovo vedere all’opera.

Maurizio Mirarchi, sul gruppo Facebook Info X Municipalità Napoli, scrive: “La pizzeria Michele a Bagnoli è un pezzo di storia, un punto di riferimento obbligatorio di tutti i bagnolesi per una buona e scambiare momenti di cordialità all’interno di un locale storico. Auspichiamo una riapertura veloce con la risoluzione dei problemi che hanno indotto alla chiusura da qualche giorno. Il pensiero e la solidarietà umana vanno ai componenti dello staff lavorativo della pizzeria storica”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy