Resta sintonizzato

Cultura e spettacolo

LIBRI. Vittorio Russo presenta il suo manoscritto: CICATRICI

Pubblicato

il

Ettore Plischi, il protagonista del romanzo di Vittorio Russo, è un quarantenne avvocato intraprendente e coraggioso, che cerca di non arrendersi ai “mala tempora currunt” quando scopre che lo studio legale Foresti sta per attraversare un periodo di decadenza. Sono gli effetti di una crisi economica lunga e silenziosa che dilania Roma e i suoi paesaggi sociali e culturali da ormai un ventennio e che assumono – nelle raffigurazioni dell’Autore – fisiognomiche paradossali, perverse e spesso corrotte.

In questo quadro claustrofobico e ovattato, a cui il protagonista sembra non volersi rassegnare, il viaggio in California con la sua Iris sembra la migliore soluzione per prendere fiato. Ma lì un inaspettato punto di rottura cambia per sempre la sua vita. Ettore è costretto a sopravvivere e a farsi strada fra la cruda violenza e delicati equilibri internazionali che uniscono politica e malaffare e a scegliere così una volta per tutte chi voler essere.

Vittorio Russo, autore di “Cicatrici – Scar Tissue sotto il Mantello”

Può un evento del tutto fortuito, o apparentemente tale, cambiare radicalmente il corso di tante vite? C’è un filo sottile ed invisibile che lega, e al contempo modifica, le traiettorie dell’esistenza delle persone che si incontrano sul proprio cammino? Chi conduce alla meta dell’arco vitale, il Determinismo o la Casualità?

Immerso nella cultura musicale e cinematografica new wave degli anni ’70-’80-’90, che fa da colonna sonora e scenica a tutta la narrazione, “Scar Tissue sotto il Mantello” è un romanzo dai tratti noir, che entra dentro le viscere della Capitale e ne esplora personaggi, dinamiche, bellezze, comportamenti barbari e violenti, e in cui il protagonista riesce a farsi largo solo al prezzo di patire nuove cicatrici.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura e spettacolo

Giornate Europee del Patrimonio il 25 e 26 settembre

Pubblicato

il

NAPOLI – “Patrimonio culturale: tutti inclusi”. E’ il tema scelto per l’edizione di quest’anno in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio previste per il 25 ed il 26 settembre.

L’ iniziativa, ideata nel 1991 dal Consiglio d’Europa con il sostegno della Commissione Europea, ha il fine di rendere conosciute alcune bellezze appartenenti al comune patrimonio culturale europeo attraverso la condivisione e l’accesso a prezzi ridotti nelle strutture.

I musei interessati da tale edizione quest’anno saranno i seguenti:

  • Il Museo Madre di Napoli.
  • Museo e Real Bosco di Capodimonte di Napoli.
  • Palazzo Reale di Napoli.
  • Parco Archeologico di Ercolano.
  • Parco Archeologico di Pompei.
  • Museo archeologico dell’antica Capua, dell’Anfiteatro campano e del Museo dei Gladiatori di Santa Maria Capua Vetere.
  • Villa Rufolo.
  • Archivio di Stato di Avellino.
  • Museo Provinciale Campano di Capua.
  • Palazzo Santa Maria di Cimitile.
Continua a leggere

Cultura e spettacolo

Stanley Tucci chiede una grazia a San Gennaro e vince un Emmy

Pubblicato

il

NAPOLI – Nella giornata di ieri 19 settembre, giorno di San Gennaro , Stanley Tucci, attore e regista americano, ha vinto un Emmy (gli Oscar della tv) per “Searching for Italy“, la docu-serie sulla cucina italiana.

Un viaggio tra i sapori, gli odori della cultura culinaria centenaria italiana che fa gola a tutto il mondo. Proprio il giorno della premiazione, Stanley si è rivolto proprio al patrono di Napoli per garantirsi la vittoria.

Già tra i favoriti, con due nomination, la strada di Tucci era già spianata. Tuttavia, la grazia chiesta al patrono San Gennaro sembra essere stata vincente. L’attore holywoodiano, i cui genitori sono entrambi di origine calabrese, non ha nessun legame di sangue con la città partenopea. E’, tuttavia, rimasto così folgorato da Napoli e dalla Costiera Amalfitana. Tanto da essersi innamorato per sino della sua cultura popolare.

Continua a leggere

Cultura e spettacolo

“Quanno torna Vierno”. Intervista al cantautore ArSal

Pubblicato

il

Ha scelto di cantare in napoletano: ma il suo stile non è quel neomelodico mass-mediatico né la Trap dei nuovi cliché di tendenza, generi che vanno per la maggiore. E non propone alcunché di innovativo sotto il profilo musicale: possiamo affermare serenamente che Il suo è un insuccesso annunciato?

Beh sì, ad essere ottimisti… Definirei la mia scelta una ricerca introspettiva, tra emozioni sopite che riaffiorano con forza, dubbi angoscianti e intimi dolori. Musica cantautoriale? Lascio che siano gli altri ad esprimere dei giudizi sul mio conto: nel bene e soprattutto nel male. 

“Quanno torna vierno” è il titolo del primo estratto dal suo album d’esordio: Tiempo (a breve disponibile sulle principali piattaforme digitali, ndr) : nove brani, più due edit version.

Ed un unico filo conduttore, il tempo, che sottende una riflessione profonda sulla vita. Un concept album, si direbbe. Il tempo esteriore, categoria della precarietà e delle umane fragilità, delle contraddizioni feroci di una società cinica ed ipocrita, e quello interiore, metro della consapevolezza sulla fugacità e l’incertezza della nostra condizione che genera sgomento, ma anche ri-elaborazione del dolore, resilienza.  E poi l’amore, che non ha tempo, cantato in tutte le sue accezioni.

Le mie sensazioni, dopo una prima visione: gli arrangiamenti risultano molti curati, una buona scrittura in un napoletano molto forbito, (che qualcuno potrebbe però considerare antiquato) interpretazione molto intensa (che in qualche misura ripaga di tanta imperfezione canora) ed un video davvero ben girato, montato con un taglio estremamente professionale, delicato e a tratti lirico, in grado di donare qualche sprazzo gradevole di originalità. A primo impatto suggerisce una canzone d’amore, ma nel finale si comprende che il messaggio sia altro: quello di uno struggente commiato, di un sofferto e malinconico addio.

La si intenda comunque come una canzone d’amore, di un amore inteso in senso più ampio: è volontà di riconciliazione, catarsi dal dolore, desiderio commosso di riabbracciare chi ci manca in questa vita

Da dove nasce l’ispirazione?

L’idea prende forma nell’Aprile del 2020 durante la catastrofica primavera del picco pandemico: fui particolarmente colpito dalla condizione dei degenti, costretti, per le rigorose normative sanitarie, all’isolamento ospedaliero (e talora domestico) forzato: una pratica senz’altro scientifica, ma incredibilmente disumana, che ha condannato moltissimi ammalati, anche non-covid, ( e la cosa avviene ancora tutt’oggi), a trascorrere gli ultimi giorni della propria vita senza alcun conforto morale e ristoro amorevole: donne, uomini, spesso anziani, totalmente abbandonati alla propria sofferenza fisica e psicologica. Una condizione straziante non solo per i pazienti, ma anche per i loro congiunti, privati del diritto di vegliare e accudire chi amassero. Questa canzone è dunque non solo l’elaborazione di un lutto, ma anche l’intima necessità di liberarsi da quel senso di colpa che nasce dall’abbandono, seppur non volontario. Giorni angoscianti di un tempo sospeso, tra silenzi iniqui e logorante sconforto, il cui epilogo era spesso la comunicazione telefonica del sopraggiunto decesso. Ho steso i primi versi in italiano: quando ho poi deciso di trasporre in musica, le note sulla chitarra, che erano lì ad attendermi, “hanno preteso” una traduzione e rielaborazione in napoletano, lingua che avverto più efficace nella resa semantica, per musicalità ed intensità emotiva.

Vorrei concludere questa intervista con un ultimo riferimento al brano, per fornire una chiave di lettura all’ascoltatore.

Scelgo alcuni dei versi più emblematici- “Affido al vento primaverile il profumo del fiore, che per te non ho raccolto; e lascio che sia una pioggia gentile a bagnare le tue labbra, con la stessa premura che avrei, se ora io fossi al tuo capezzale. Chiudi i tuoi occhi, amore mio, e scivola via dolcemente; il frastuono insopportabile di un Mondo caotico, che confonde, atterrisce, come il baccano spaventoso dei macchinari di sala, sparirà, come d’incanto. E con esso il dolore, ed ogni tua paura.”

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante