Resta sintonizzato

Cronaca

Giugliano: picchia la moglie e la chiude in bagno, arrestato 45enne

Pubblicato

il

Le 22 sono passate da pochi minuti in Via Biagio Riccio, Giugliano in Campania. Un 45enne già noto alle forze dell’ordine discute con la moglie. Urla e minaccia la compagna, probabilmente nelle sue vene scorre droga.
Poi la pesta, calci e pugni a ripetizione. Per pochi minuti si placa e la donna ha giusto il tempo di chiamare i parenti “Mi sta picchiando, chiedete aiuto, chiamate qualcuno!”.
Poco dopo arriva il fratello. Prova a far ragionare il cognato che, intanto, ha afferrato un grosso coltello da cucina. L’aggressore reagisce con alcuni fendenti con la lama che fortunatamente si ferma solo in superficie.

Il ferito è costretto a ripiegare ed esce dall’appartamento sanguinante. Il 45enne a quel punto è fuori di sé. Afferra la moglie per i capelli, la trascina in bagno e sbarra porte e finestre dell’appartamento. Due giri di chiave e la imprigiona all’interno.
Arrivano i Carabinieri di Giugliano in Campania e del Gruppo di Castello di Cisterna. Bussano più volte, provano a far ragionare l’aggressore. Nessuna risposta.
Le finestre sono sbarrate, l’appartamento è completamente al buio e non si percepisce alcun rumore.

Sul posto arriva anche il militare Negoziatore del Gruppo di Castello di Cisterna. Così si prova ancora a contattare l’uomo, con parole concilianti, affinchè possa arrendersi prima di commettere azioni irreparabili. Nè lui nè la donna tuttavia rispondono.
Le lancette girano e i Carabinieri sanno che non si può più temporeggiare. Giungono sul posto le Aliquote di Pronto intervento, squadre antiterrorismo dell’Arma costituite all’indomani degli attacchi al Bataclan di Parigi, impiegate per gli interventi a maggior margine di rischio. Sono addestrate per questo tipo di azioni ed equipaggiate con specifiche protezioni balistiche.
Ancora nessun segnale dall’interno.
Si pensa al peggio e si decide l’intervento. I militari sfondano la finestra della cucina e fanno irruzione in casa. Il 45enne non ha nemmeno il tempo di alzare lo sguardo che è già in manette.
La donna è di fronte a lui, l’ha ristretta in bagno, lei è impietrita, accovacciata in lacrime. E’ sotto shock e non parla. Poi sviene.
Viene soccorsa dal 118 ma fortunatamente non ha ferite gravi, almeno sul corpo.
Il 45enne viene arrestato per maltrattamenti, lesioni e sequestro di persona. E’ ora in carcere in attesa di giudizio.

Cronaca

Napoli, aggredisce genitori per soldi: arrestato 41enne

Pubblicato

il

Ieri sera gli agenti del Commissariato Montecalvario, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti presso il pronto soccorso dell’Ospedale Vecchio Pellegrini poiché personale sanitario aveva segnalato la presenza di due coniugi che erano stati aggrediti dal figlio.
I poliziotti, giunti sul posto, sono stati avvicinati dalla coppia la quale ha raccontato che, poco prima, il figlio, come già avvenuto in precedenti occasioni, aveva chiesto loro dei soldi e, di fronte al rifiuto, li aveva colpiti con calci e pugni riuscendo ad ottenere la somma richiesta.
Gli operatori hanno rintracciato l’uomo presso la casa familiare dove lo hanno bloccato ed identificato per un 41enne napoletano con precedenti di polizia e lo hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia ed estorsione.

Continua a leggere

Cronaca

Follia negli USA, entra in chiesa e spara sulla folla: un morto e 4 feriti

Pubblicato

il

Attimi di follia a Laguna Woods, in California, dove nella giornata di ieri è avvenuta una sparatoria all’interno di una chiesa presbiteriana. Al momento, si registra almeno una persona morta e altre quattro gravemente ferite.

Secondo le prime informazioni, la sparatoria è avvenuta nel corso di un pranzo di benvenuto in onore di un ex pastore di una congregazione taiwanese, che usa la chiesa per i suoi servizi di culto. In particolare, al ricevimento, erano presenti circa 30-40 persone. Tuttavia, pare che la Polizia abbia già un sospetto in custodia, come dichiarato dal sotto sceriffo della Contea di Orange Jeff Hallock.

Pertanto, si tratterebbe di un uomo asiatico sulla sessantina, che non vive nella zona e che è stato fermato sul posto, dopo che un gruppo di persone in chiesa, è riuscito a legargli le gambe con una prolunga e a togliergli almeno due pistole. Intanto, gli investigatori stanno indagando per risalire ai suoi presunti legami con la chiesa o con i fedeli, dato che sono ancora da accertare i motivi di un simile gesto. Seguiranno aggiornamenti!

Continua a leggere

Cronaca

Campania, si toglie la vita lanciandosi nel vuoto: aveva 55 anni

Pubblicato

il

Tragedia avvenuta a Pontecagnano, in provincia di Salerno, dove nella giornata di ieri un 55enne del posto, si è suicidato lanciandosi dalla finestra di un palazzo, sito in Corso Umberto I. Tuttavia, per lui, non c’è stato niente da fare, visto che è morto sul colpo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Battipaglia.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante