Resta sintonizzato

Politica

Afragola, diramato il decreto sindacale per l’azzeramento della Giunta Comunale

Pubblicato

il

Il sindaco di Afragola Antonio Pannone ha diramato un decreto per l’azzeramento della giunta comunale e di nomina degli assessori comunali. Ecco quanto si legge nel decreto sindacale:

Visti i risultati della consultazione elettorale tenutasi nei giorni 3 e 4 ottobre ed il turno di
ballottaggio del 17 e 18 ottobre 2021 per l’elezione diretta del Sindaco e del Consiglio
Comunale di Afragola, come da verbale delle operazioni dell’Ufficio Centrale conservato in
atti;

Rilevato che alla carica di Sindaco è risultato eletto con n. 10.506 voti il sottoscritto Prof.
Antonio Pannone insediatosi nella carica il 20/10/21, in seguito alla proclamazione avvenuta
in pari data;

Precisato che in base alle disposizioni legislative e statuarie per il Comune di Afragola, la
Giunta è composta dal Sindaco che la presiede e da sette assessori, tra cui il vicesindaco;
Visto l’art. 1, comma 137, della legge 7 aprile 2014, n. 56 che dispone che nelle giunte dei
Comuni con popolazione superiore a 3.000 abitanti, nessuno dei due sessi può essere
rappresentato in misura inferiore al 40 per cento con arrotondamento aritmetico;

Visto l’art. 64, c. 4, Tuel, il quale stabilisce che “non possono far parte della Giunta il
coniuge, gli ascendenti, i discendenti, i parenti ed affini entro il terzo grado del Sindaco”
;


Considerato che con decreto n. 311/22 del 14.12.2022, il Sindaco revocava i decreti
sindacali nn. 219 del 19.11.2021 e 230 del 30.11.2021 e nominava quali assessori della
Giunta comunale della città di Afragola le persone sotto elencate:

-On.le Dott.ssa Giuseppina Castiello nata ad Afragola il 30/01/1971;
-Dott.ssa Claudia Carrieri nata a Napoli il 30/03/1981;

-Avv. Giuseppe Catalano nato a Napoli il 11/02/1990;
-Rag. Mauro Di Palo nato ad Afragola il 24/02/1960;
-Dott. Ernesto Salzano nato ad Afragola il 03/05/1957;
-P.I. Aniello Silvestro nato ad Afragola il 09/11/1962;
-Dott.ssa Gelsomina Terracciano nata ad Afragola il 20/09/1953;
differendo in un momento successivo l’attribuzione delle deleghe nei vari rami
dell’Amministrazione in capo agli Assessori su nominati;
Considerato che con Decreto Sindacale n. 24/2023 del 20.01.2023 il Sindaco attribuiva
le deleghe nei vari rami dell’Amministrazione in capo agli Assessori su nominati;

Preso atto che a seguito delle dimissioni volontarie degli assessori Dott.ssa Claudia
Carrieri, Avv. Giuseppe Catalano e del Dott. Ernesto Salzano, l’attuale composizione della Giunta risulta così composta:

-On.le Dott.ssa Giuseppina Castiello nata ad Afragola il 30/01/1971;
-Rag. Mauro Di Palo nato ad Afragola il 24/02/1960;
-P.I. Aniello Silvestro nato ad Afragola il 09/11/1962;
-Dott.ssa Gelsomina Terracciano nata ad Afragola il 20/09/1953;
Dato atto che la valutazione degli interessi coinvolti nel procedimento di revoca di un
assessore é rimessa in via esclusiva al Sindaco, cui compete la scelta delle persone di cui
avvalersi per l’amministrazione dell’Ente;
Richiamato l’art. 46 del D. Lgs. 267/2000 che stabilisce che “il Sindaco e il Presidente
della Provincia nominano i componenti della Giunta ….
” e che, per giurisprudenza
consolidata, l’atto di nomina ha natura marcatamente fiduciaria, essendo lo stesso riservato
alla competenza esclusiva del capo dell’Amministrazione locale, non sussistendo, nel quadro
normativo di riferimento, l’indicazione di criteri predeterminati per la scelta dei componenti
della Giunta;
Richiamato il Comma 4 dell’art. 46 del D.Lgs n. 267/2000 che recita testualmente: Il
Sindaco e il presidente della Provincia possono revocare uno o più assessori, dandone
motivata comunicazione al Consiglio;
Considerato che si sono determinate le condizioni per un’organica verifica politica e
un’articolata ricognizione degli assetti di governo, nella prospettiva di una proficua
prosecuzione dell’azione amministrativa, che risulti funzionale al conseguimento degli
obiettivi programmatici;
Atteso che, in tale contesto, si ritiene opportuno l’azzeramento della giunta Comunale,
attualmente in carica, mediante la revoca di tutti i componenti;
Evidenziate l’importanza e l’urgenza di garantire al Sindaco la possibilità di proseguire il
programma politico e di assicurare la coesione e l’unità di indirizzo della Giunta;
Preso atto che si prescinde dal parere di regolarità tecnica in considerazione dei
contenuti e delle valutazioni politiche-amministrative che lo stesso contiene;

Decreta:

L’azzeramento della Giunta Comunale di cui al Decreto sindacale n. 311/2022 del
14.12.2022 e successivo Decreto Sindacale n. 24/2023 del 20.01.2023, con l’immediata
revoca di tutti gli assessori;
di riservarsi la nomina della nuova Giunta con successivo e separato provvedimento;
di notificare il presente atto ai soggetti interessati.

Dispone:
che il presente provvedimento venga comunicato al Consiglio Comunale nella prima seduta
utile, ai sensi dell’art. 46 del D. Lgs n. 267/2000, nonché al Prefetto di Napoli, al Segretario
generale ed ai Dirigenti;

dello stesso si dispone la pubblicazione all’albo pretorio e all’interno del sito istituzionale
dell’ente nella Sezione Amministrazione Trasparente sottosezione ‘Organi di indirizzo politico
amministrativo’.

Afragola, 05/04/2024

Il Sindaco

Prof. Antonio Pannone

POLITICA

Anm, Manfredi: “L’azienda trasporta 40% dei viaggiatori in Campania. La Regione dia più fondi”

Pubblicato

il

“Dalla Regione Campania ci aspettiamo 6 milioni sui 10 che servono sulla Linea 6 ogni anno. Noi mettiamo 4 milioni, e dalla Regione ci aspettiamo sempre fondi, visto che trasportiamo con Anm quasi il 40% dei viaggiatori della Regione in generale”.

Lo ha detto il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi nel corso della presentazione della riapertura della Linea 6 della metropolitana di Napoli, dal 16 luglio, da Piazza Municipio a Fuorigrotta.

“Noi non abbiamo molti fondi ora – ha detto Manfredi – e malgrado questo Anm fa grandi sforzi. I fondi dovrebbero essere tutti prelevati dal fondo nazionale ripartito in via regionale. Il nostro sogno è che tutte le sere chiudiamo alle 2 di notte”.
Parlando del servizio di Anm, Manfredi sottolinea che “il trasporto pubblico di massa viene finanziato dai biglietti fino al 25-30%. Per potenziare il servizio abbiamo quindi bisogno di maggiori risorse, resta il problema dei contributi nazionali e come Anci abbiamo chiesto maggiori fondi per aumentare il trasporto del ferro“.

“Oggi – ha proseguito – il Comune di Napoli dà 50 milioni ad Anm prendendoli dal bilancio, abbiamo quest’anno aumentato da 48 a 50 milioni vedendo la riattivazione della linea 6. Quest’anno sappiamo che la Regione avrà 3 milioni in più e vogliamo quindi per il prossimo anno 3 milioni in più per Anm”.

Continua a leggere

Bagnoli

Meloni lunedì a Bagnoli, De Luca: “Mi aspetto che dica almeno un grazie per quel miliardo e duecento milioni”

Pubblicato

il

“Lunedì arriva a Bagnoli il presidente del Consiglio Meloni per siglare l’accordo per la riqualificazione di Bagnoli che sarà finanziata con i soldi del Programma di Coesione destinati alla Campania, 1,2 miliardi di euro. Non so cosa dire… Spero che l’on. Meloni dica almeno un grazie alla Regione Campania per quel miliardo e duecento milioni”.

Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel corso dell’appuntamento settimanale sui social in vista della visita del premier in programma lunedì per la firma dell’accordo per Bagnoli.
“Fitto – ha sottolineato De Luca – dice che sono fondi del bilancio nazionale e vorrei vedere… Ma con quei soldi avevamo previsto di pensare tutta una serie di opere nei comuni della Campania che adesso resteranno al palo”.

“Benissimo – prosegue De Luca – abbiamo accettato anche questo, nessun problema, pur di firmare il Programma di coesione e invece ci chiedono altri passaggi coi ministeri. E allora perché non si firma l’accordo di coesione sottoponendo Campania, Sardegna e Puglia a procedure non utilizzate per le altre regioni?”.

Continua a leggere

Politica

Meloni lunedì a Napoli per firma protocollo su Bagnoli, Manfredi soddisfatto: “dopo 30 anni restituiremo un pezzo di città”

Pubblicato

il

La firma del protocollo d’intesa su Bagnoli, finanziamento da 1,2 miliardi per i lavori all’ex luogo Ilva, tra la premier Giorgia Meloni e il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, sta per arrivare: è in programma per lunedì prossimo, 15 luglio, alle 11.30.

In particolare, si apprende dal Comune, la presidente del Consiglio sarà alle 11.30 all’Auditorium di Porta del Parco a Bagnoli (in via Diocleziano 341, Napoli) per la sottoscrizione del Protocollo d’intesa con il sindaco Manfredi, che è il commissario straordinario di Governo al Sin Bagnoli-Coroglio.

Il proocollo punta alla “celere realizzazione degli interventi inseriti nel programma di risanamento ambientale e rigenerazione urbana del comprensorio Bagnoli-Coroglio”.

Le parole del sindaco Manfredi al riguardo: “Abbiamo individuato una strada molto precisa, abbiamo la copertura di tutti gli interventi, abbiamo tutti i progetti che o sono già pronti o sono in fase di autorizzazione nella fase finale, quindi mi sembra un percorso che finalmente ci consentirà di dare dei tempi certi e una prospettiva sicura alla bonifica di Bagnoli e alla realizzazione di infrastrutture per restituire dopo 30 anni un pezzo di città a Napoli e alla Campania”. “Penso che questa – aggiunge – sia la volta buona, perché noi abbiamo applicato un metodo per poter realizzare quello che ci aspettiamo.”

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy