Resta sintonizzato

Cronaca

Rapine al Lidl di Mugnano: 3 arresti ad Afragola

Pubblicato

il

Rapine al Lidl di Mugnano, sgominata la banda: 3 arresti ad Afragola. Nel contesto di un’articolata attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, alle prime ore del mattino di venerdì 25 febbraio, i carabinieri del Comando Stazione di Cesa, coadiuvati da personale della Compagnia di Aversa, hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare emessa dall’uffficio del G.I.P. del Tribunale di Napoli Nord nei confronti di 3 soggetti: M.V. di anni 33. R.A. di anni 20 e F.L. di anni 32, originari di Afragola, tutti indiziati per furti e rapine in danno delle filiali di Cesa, Curti, Casandrino e Mugnano dell’esercizio commerciale denominato Lidl.

Nello specifico il M.V. di anni 33 veniva sottoposto alla misura della custodia cautelare in carcere mentre R.A di anni 20 e F.L, di anni 32 venivano sottoposte alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

L’attività d’indagine consentiva di ricostruire attraverso le analisi delle immagini riprodotte dai sistemi di videosorveglianza installate presso gli esercizi commerciali, non solo le fasi delle rapine e  furti oggetto di indagine ma soprattutto la fisionomia e i volti ripresi durante gli eventi.

Tale fattore risulta fondamentale per le indagini in quanto permetteva di identificare i tre soggetti autori dei reati. Si vuole specificare che, durante la commissione dei reati, i tre soggetti colpiti da ordinanza restrittiva erano soliti, qualora scoperti, minacciare ed aggredire fisicamente gli addetti alla vigilanza del Lidl. Grazie al complesso di tutti gli elementi investigativi raccolti, è stato possibile ricostruire, a carico degli indagati, un grave quadro indiziario avvalorato dal G.I.P. del medesimo Tribunale.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Blitz dei carabinieri a Sant’Anastasia: catturato pericoloso killer della ‘ndrangheta

Pubblicato

il

Si era nascosto a Sant’Anastasia, in provincia di Napoli, il pericoloso killer della ‘ndrangheta Massimiliano Sestito, evaso lo scorso 30 gennaio dai domiciliari a Pero, nel milanese.

Secondo le prime informazioni, il fuggiasco è stato rintracciato e catturato dai carabinieri alla stazione Circumvesuviana della cittadina vesuviana, sprovvisto di armi e in attesa di un taxi. Al momento, sono in corso le indagini per far luce sulla vicenda.

Continua a leggere

Cronaca

Paura nella notte, divampa l’incendio in una nota fabbrica del Napoletano

Pubblicato

il

Pauroso incendio divampato la scorsa notte a Cercola, in provincia di Napoli, presso la sede di un’azienda che produce guanti. In particolare, le fiamme hanno avvolto la fabbrica ma senza estendersi agli edifici circostanti.

Sul posto, sono intervenuti i carabinieri della tenenza locale e i Vigili del Fuoco. Al momento, non si registrano feriti. Indagini in corso, per risalire alle cause del rogo.

Continua a leggere

Cronaca

Poliziotto spara ad un 18enne dopo che aveva litigato col figlio: i particolari

Pubblicato

il

Attimi di paura nella serata di ieri a Santa Maria a Vico, in provincia di Caserta, dove un poliziotto ha sparato contro un ragazzo di 18 anni.

Secondo una prima ricostruzione, l’agente sarebbe intervenuto dopo essere stato allertato dal figlio di una lite tra ragazzini scoppiata nel parco De Lucia, e pertanto l’uomo sarebbe sceso armato di pistola e al culmine della discussione, ha esploso alcuni colpi di pistola contro la vittima.

Tuttavia, sono finiti entrambi in ospedale, il 18enne con una ferita alla gamba, e il poliziotto con una ferita lacero contusa alla testa. In seguito, l’uomo si è recato in caserma per l’interrogatorio.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy