Resta sintonizzato

Cronaca

Rapine al Lidl di Mugnano: 3 arresti ad Afragola

Pubblicato

il

Rapine al Lidl di Mugnano, sgominata la banda: 3 arresti ad Afragola. Nel contesto di un’articolata attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, alle prime ore del mattino di venerdì 25 febbraio, i carabinieri del Comando Stazione di Cesa, coadiuvati da personale della Compagnia di Aversa, hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare emessa dall’uffficio del G.I.P. del Tribunale di Napoli Nord nei confronti di 3 soggetti: M.V. di anni 33. R.A. di anni 20 e F.L. di anni 32, originari di Afragola, tutti indiziati per furti e rapine in danno delle filiali di Cesa, Curti, Casandrino e Mugnano dell’esercizio commerciale denominato Lidl.

Nello specifico il M.V. di anni 33 veniva sottoposto alla misura della custodia cautelare in carcere mentre R.A di anni 20 e F.L, di anni 32 venivano sottoposte alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

L’attività d’indagine consentiva di ricostruire attraverso le analisi delle immagini riprodotte dai sistemi di videosorveglianza installate presso gli esercizi commerciali, non solo le fasi delle rapine e  furti oggetto di indagine ma soprattutto la fisionomia e i volti ripresi durante gli eventi.

Tale fattore risulta fondamentale per le indagini in quanto permetteva di identificare i tre soggetti autori dei reati. Si vuole specificare che, durante la commissione dei reati, i tre soggetti colpiti da ordinanza restrittiva erano soliti, qualora scoperti, minacciare ed aggredire fisicamente gli addetti alla vigilanza del Lidl. Grazie al complesso di tutti gli elementi investigativi raccolti, è stato possibile ricostruire, a carico degli indagati, un grave quadro indiziario avvalorato dal G.I.P. del medesimo Tribunale.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Napoli, aggredisce genitori per soldi: arrestato 41enne

Pubblicato

il

Ieri sera gli agenti del Commissariato Montecalvario, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti presso il pronto soccorso dell’Ospedale Vecchio Pellegrini poiché personale sanitario aveva segnalato la presenza di due coniugi che erano stati aggrediti dal figlio.
I poliziotti, giunti sul posto, sono stati avvicinati dalla coppia la quale ha raccontato che, poco prima, il figlio, come già avvenuto in precedenti occasioni, aveva chiesto loro dei soldi e, di fronte al rifiuto, li aveva colpiti con calci e pugni riuscendo ad ottenere la somma richiesta.
Gli operatori hanno rintracciato l’uomo presso la casa familiare dove lo hanno bloccato ed identificato per un 41enne napoletano con precedenti di polizia e lo hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia ed estorsione.

Continua a leggere

Cronaca

Follia negli USA, entra in chiesa e spara sulla folla: un morto e 4 feriti

Pubblicato

il

Attimi di follia a Laguna Woods, in California, dove nella giornata di ieri è avvenuta una sparatoria all’interno di una chiesa presbiteriana. Al momento, si registra almeno una persona morta e altre quattro gravemente ferite.

Secondo le prime informazioni, la sparatoria è avvenuta nel corso di un pranzo di benvenuto in onore di un ex pastore di una congregazione taiwanese, che usa la chiesa per i suoi servizi di culto. In particolare, al ricevimento, erano presenti circa 30-40 persone. Tuttavia, pare che la Polizia abbia già un sospetto in custodia, come dichiarato dal sotto sceriffo della Contea di Orange Jeff Hallock.

Pertanto, si tratterebbe di un uomo asiatico sulla sessantina, che non vive nella zona e che è stato fermato sul posto, dopo che un gruppo di persone in chiesa, è riuscito a legargli le gambe con una prolunga e a togliergli almeno due pistole. Intanto, gli investigatori stanno indagando per risalire ai suoi presunti legami con la chiesa o con i fedeli, dato che sono ancora da accertare i motivi di un simile gesto. Seguiranno aggiornamenti!

Continua a leggere

Cronaca

Campania, si toglie la vita lanciandosi nel vuoto: aveva 55 anni

Pubblicato

il

Tragedia avvenuta a Pontecagnano, in provincia di Salerno, dove nella giornata di ieri un 55enne del posto, si è suicidato lanciandosi dalla finestra di un palazzo, sito in Corso Umberto I. Tuttavia, per lui, non c’è stato niente da fare, visto che è morto sul colpo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Battipaglia.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante