Resta sintonizzato

Arzano

Arzano, rapina finisce in sparatoria, 46enne trasportato in ospedale

Pubblicato

il

Ieri sera verso le 21.00 i Carabinieri della compagnia di Casoria sono intervenuti presso il pronto soccorso di Frattamaggiore per una persona ferita da un colpo d’arma da fuoco. Poco prima un 46enne di Frattamaggiore già noto alle forze dell’ordine si era recato in ospedale perché ferito alla gamba sinistra. Dai primi accertamenti pare che l’uomo mentre stava percorrendo Corso D’Amato ad Arzano a bordo della sua auto sia stato avvicinato da ignoti che in un tentativo di rapina hanno esploso alcuni colpi d’arma da fuoco. I militari hanno rinvenuto e sequestrato 5 bossoli calibro 7,65 sul manto stradale del Corso D’Amato. Indagini in corso da parte dei Carabinieri della compagnia di Casoria per chiarire l’esatta dinamica dell’evento.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Arzano

Blitz nel rione 167 di Arzano, denunciate 6 persone

Pubblicato

il

Ad Arzano (Napoli) ,nel popolare rione 167, i militari della locale tenenza hanno denunciato a piede libero per occupazione abusiva ed invasione abusiva di edifici 6 persone. I controlli sono stati eseguiti in via Cristoforo Colombo.

I denunciati sono 2 uomini già noti alle forze dell’ordine e 4 donne incensurate ed hanno tra 24 e i 38 anni. Tra i 6, infatti, un 33enne già noto alle forze dell’ordine nonostante fosse residente in via Colombo, ha deciso di occupare un altro appartamento poco distante.

Continua a leggere

Arzano

Bombe ed attentati tra Fratta ed Arzano

Pubblicato

il

Aria tesissima tra Frattaminore ed Arzano, quello appena trascorso è stato un altro fine settimana di ‘guerra’ a suon di bombe ed attentati tra esponenti della mala locale. Da una parte ci sono i Cristiano-Mormile, i quali cacciati da Arzano hanno trovato nel comune frattese la loro roccaforte. Dall’altra ci sono gli esponenti del clan Pezzella-Ullero, i quali spalleggiati da Monfregolo, non stanno dando tregua all’ex costola arzanese degli Amato-Pagano. Infatti gli ultimi attentati, compreso quello alla sala scommesse, sono a danni di attività riconducibili direttamente o indirettamente ai Cristiano Mormile.

Tre bombe in poco più di un giorno,  appena 26 ore dalla prima alla terza. E, prima ancora, un’auto crivellata di proiettili. Frattaminore, provincia nord di Napoli, sembra essere diventato il nuovo terreno di scontro tra i clan di camorra che si contendono l’egemonia a furia di attentati dinamitardi. La prima ieri notte in via Turati ha causato danni alla saracinesca di una sala giochi. Questa notte, invece, intorno alle 2:20, i carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania sono intervenuti a Frattaminore, in via Sant’Angelo, per l’esplosione di una bomba carta. Secondo quanto accertato, la deflagrazione avrebbe danneggiato il cancello di uno stabile. Non risultano persone ferite. Sono in corso indagini per chiarire la dinamica dell’accaduto.

Prima ancora, nella serata di sabato 5 febbraio, intorno alle 22, un altro ordigno è scoppiato in via Turati, a pochi passi dall’hub vaccinale, davanti a una sala slot, la Royal Chic Vlt. L’esplosione ha danneggiato l’ingresso e la saracinesca.

Continua a leggere

Arzano

Arzano: rubano 6 mila euro in contanti all’anziana, arrestati 2 giovani

Pubblicato

il

Rubano 6 mila euro in contanti all’anziana, arrestati 2 giovani di Arzano.  Sabato i Carabinieri della Compagnia di Amalfi arrestavano in flagranza di reato 2 giovani napoletani provenienti Arzano, per i reati di truffa e furto aggravato. La brillante operazione, condotta dai militari della Stazione di Tramonti, è stata possibile grazie alla collaborazione di alcuni cittadini della frazione Corsano. Infatti segnalavano al 112 la presenza nell’ abitato di un’autovettura sospetta. A poca distanza si stava consumando una truffa in danno di un’anziana donna. La telefonata da parte di un sedicente nipote che chiede un aiuto economico alla nonna per risolvere un grave problema.

Poco dopo la telefonata, come accaduto in questa circostanza, si è presentato alla porta della vittima un ragazzo che, fingendosi amico del parente nei guai, si fa consegnare quanto più denaro possibile, in questo caso ben 6 mila euro in contanti. Non contento il giovane rubava furtivamente alla signora anche il suo cellulare, per evitare che questa potesse in qualche modo allertare i soccorsi.

Fatto ciò, il malvivente si è allontano in direzione della macchina che lo attendeva, già accesa, con a bordo un complice, pronto per fuggire verso il capoluogo partenopeo.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante