Resta sintonizzato

Cultura e spettacolo

Ospite all’istituto Cervantes di Napoli Edurne Portela

Pubblicato

il

Edurne Portela, ospite dell’Instituto Cervantes di Napoli mercoledì 14 aprile alle ore 18.

La scrittrice basca in dialogo con l’ispanista Paola Laura Gorla dell’Università degli Studi di Napoli L’Orientale affronterà temi legati alla letteratura etica e al suo lavoro di ricerca, incentrato sullo studio della violenza e le sue rappresentazioni nella cultura contemporanea.

L’incontro si terrà in diretta streaming sulla piattaforma Zoom. Per accedervi gratuitamente bisogna richiedere link e password, inviando una mail all’indirizzo cultnap@cervantes.es.

L’ Istituto Cervantes ad aprile vede protagonista l’autrice del romanzo Formas de estar lejos, Edurne Portela ci parlerà dell’indifferenza, fomentatrice del terrorismo di ETA, alla quale ha dedicato sia il saggio El eco de los disparos: Cultura y memoria de la violencia che il pluripremiato romanzo Mejor la ausencia.

Un dibattito basato sull’etica e sulla collettività, scoprendo le piaghe più malvagie che coinvolgono l’umanità. Il racconto, fa riferimento alla denuncia a quegli aspetti oscuri che la società tende a negare e nascondere, poiché solo attraverso una presa di coscienza collettiva si può trovare la cura.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Caivano. Alessandro De Lisi presenta “Un’estate a palermo (1985, quando i boss persero la partita)”

Pubblicato

il

Venerdì, 23 Luglio, alle ore 18, presso la Villa Comunale Falcone e Borsellino avrà luogo la presentazione dell’ultimo romanzo di Alessandro De Lisi: ”Un’estate a Palermo(1985, quando i boss persero la partita)”, pubblicato da Ediciclo, con la prefazione di Maria Falcone.

Un romanzo che riporta il lettore all’estate dell’85, quando Giovanni Falcone e Paolo Borsellino partirono alla volta dell’Asinara, sede del penitenziario di massima sicurezza e luogo in cui insieme scrissero parte dell’importante istruttoria del maxi processo contro Cosa Nostra.

Un viaggio che riscopre la Palermo insanguinata e, come si legge nella presentazione, «nelle vite blindate degli uomini dello Stato che dichiarano guerra ai clan».

Estate 1985, in una Palermo soffocante, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, vengono portati all’Asinara. Qui nella piccola isola sarda, sede del penitenziario di massima sicurezza, i magistrati scriveranno parte dell’importante “istruttoria” del maxi processo contro Cosa Nostra.

In piena ascesa dei Corleonesi di Riina e Provenzano, Falcone e Borsellino, una sigaretta dietro l’altra, creeranno il capolavoro giudiziario che porterà, nel 1987, alla più grande sconfitta della mafia siciliana.

Attorno a tutti, troppi morti in una città girata dall’altra parte, assuefatta e annoiata (all’apparenza) dalle bombe, dal clientelismo e dal pizzo.

In questo scenario il capitano Carlo Farkas, carabiniere sui generis, figlio di esuli istriani, lavora per i magistrati e un po’ per se stesso, alla ricerca della verità.

Continua a leggere

Campania

Campani. Al via #Giffoni50Plus con la presenza del Presidente della Regione Vincenzo De Luca

Pubblicato

il

Domani sarà inaugurata la nuova edizione del Giffoni, con la presenza del Presidente della Regione Campania VIncenzo De Luca.

In gara ci saranno 101 opere, divise tra cortometraggi e lungometraggi proveniente da 35 nazioni diverse.

Da quest’anno sarà possibile partecipare alla nuova edizione del Giffoni anche in streaming, per permettere a chi non è riuscito ad esserci fisicamente, a partecipare online a Festival.

Continua a leggere

Cultura e spettacolo

Pompei. Da oggi è possibile tornare a visitare la Villa dei Misteri e il Lupanare

Pubblicato

il

A partire da oggi, lunedì 19 luglio 2021 il Parco archeologico di Pompei ha aperto ulteriori monumenti con ampliamento del percorso di visita.

Come spiega una nota “A seguito di interventi di manutenzione riapre la Villa dei Misteri e il Lupanare, entrambi edifici noti di Pompei, tra i più richiesti dai visitatori“.

Il complesso suburbano della Villa dei Misteri, un tempo con affaccio panoramico sul mare, prende il nome dal famoso salone degli affreschi (megalografie), raffiguranti riti misterici in onore di Dioniso, al centro della parete centrale assieme alla sua sposa Arianna, che saranno illustrati, nelle figure salienti, anche da una nuova pannellistica.

Il complesso che comprendeva un quartiere destinato alla produzione del vino, risale al II secolo a.C., ma trovò la sua forma attuale negli anni 80-70 a.C., periodo al quale risale anche il fregio dei misteri.

Per arrivare alla villa si potrà percorrere la via Consolare e la via dei Sepolcri che attraversa la Necropoli di Porta Ercolano. L’accesso all’edificio prevede l’uscita obbligata dalla Villa.

Ha riaperto anche il Lupanare (affrescato), un edificio a due piani destinato all’esercizio della prostituzione, pratica attestata in città anche in alcuni ambienti di domus o osterie. Caratteristica la carrellata di immagini con scene erotiche che decora i corridoi del piano terra, che illustravano come in un catalogo le prestazioni.

Tra le novità anche alcune aperture straordinarie tra cui la visita ai depositi/granai, normalmente non aperti al pubblico, possibile ogni mercoledì dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16 o durante le aperture serali di Pompei, consultabili su www.pompeiisites.org.

Dal 26 luglio rientrano tra le domus visitabili anche la casa dell’Efebo e la casa di Sirico. Mentre per agosto è in programma l’apertura del thermopolium nella Regio V, l’area dei nuovi scavi.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante