Resta sintonizzato

Campania

Deposito incontrollato di rifiuti in strada

Pubblicato

il

Ancora polemiche a Giugliano ancora per la questione dei rifiuti. Questa volta al centro dell’ attenzione un video del primo cittadino giuglianese Nicola Pirozzi nel quale figurano i cittadini che depositano la spazzatura in vari punti del territorio

Così il sindaco scrive: “Grazie alle telecamere del Comune abbiamo beccato altri cittadini che sporcano la nostra città fregandosene dell’emergenza ambientale che viviamo e degli sforzi che stiamo mettendo in campo per affrontarla. È una battaglia quotidiana: contro l’ecomafia, contro i cattivi odori, contro chi non vuole il bene della nostra terra. Mi cadono le braccia quando si mettono pure i cittadini a rendere tutto più difficile ed a sporcare le nostre strade. Lo so, è una minoranza, ma serve collaborazione. Sono il sindaco di una città e come tutti i sindaci lotto e lottiamo senza risorse e con poteri limitatissimi. Noi non ci arrendiamo e quotidianamente ci stiamo battendo per fronteggiare le emergenze ambientali ma due elementi devono essere chiari: serve tempo perché decenni di inquinamento e scelte sbagliate non si risolvono in qualche ora; è necessaria la collaborazione di tutti altrimenti saremo sempre al punto di partenza”.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campania

Colpo al clan Cesarano in carcere di nuovo il ras Vincenzo D’Apice

Pubblicato

il

Vincenzo D’Apice, ritenuto dagli inquirenti elemento di spicco del clan Cesarano, torna in carcere. I carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia lo hanno arrestato in esecuzione di un provvedimento emesso dalla procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli.

l’autorità giudiziaria ha revocato la detenzione domiciliare alla quale era precedentemente sottoposto per motivi salute. D’Apice si trova ora nel carcere di Secondigliano a Napoli.

Continua a leggere

Campania

Muore Mimmo Maione per Covid

Pubblicato

il

Mimmo Maione muore per covid lo stimato Os presso l’Ospedale del Mare a Napoli. Ha perso la sua battaglia, come tanti, purtroppo, che si sono trovati da vicino a combattere contro questo assurdo e terribile virus.

La sua figura era molto conosciuta nel ambito ospedaliero Tra questi, quello dell’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate e di una collega, Carla, che lo ha ricordato con parole commoventi.

“Abbiamo lavorato, ma tanto – dice  – ci siamo divertiti, ma tanto, ci siamo rispettati, tantissimo, e adesso che fai? Mimmo un dolore nel cuore, sei stato una persona per bene ed un grande lavoratore sfido chiunque a dire il contrario. Riposa in pace amico di tutti e non posso fare altro che dirottare la mia rabbia su questo maledetto Covid”.

Continua a leggere

Campania

Ricatta per essere pagato dopo un incontro sessuale

Pubblicato

il

Si erano conosciuti su un sito web lui 45 anni e l altro 17 si erano appartati e fare sesso poi la minaccia improvvisa di uno dei due “Se non mi paghi racconto tutto a chi ti conosce” è stata una vera e propria minaccia voleva dei soldi per tenere la bocca chiusa.

Il 46 enne però non si è perso d’animo e ha denunciato tutto ai carabinieri della stazione di Pontecagnano, in provincia di Salerno. il 17 enne era solito modus operandi ben radicato: era solito incontrare le sue vittime, metterle a loro agio e poi ricattarle chiedendo dei soldi.

Inoltre hanno accertato che il 17 enne aveva in passato adescato dei ragazzini più piccoli per indurli alla prostituzione. Questa volta, però, gli è andata male e per lui sono scattate le manette ed il collocamento in comunità in esecuzione di un ordinanza applicativa di misura cautelare emessa dal gip del Tribunale dei Minorenni di Salerno.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante