Resta sintonizzato

Cronaca

Shock in strada, 23enne ucciso per motivi di viabilità: arrestato il responsabile

Pubblicato

il

Un vero e proprio dramma quello avvenuto ieri pomeriggio a Sirolo, in provincia di Ancona, dove un 23enne operaio albanese è stato colpito con una fiocina al petto al culmine di una lite per la viabilità.

Secondo le prime informazioni, la vittima era intervenuta per difendere un amico, precedentemente picchiato da un altro automobilista per futili motivi. A quel punto, il presunto assassino, un 30enne di nazionalità algerina, avrebbe agito poiché la macchina che era davanti alla sua andava troppo piano nei pressi di una rotatoria.

Da lì ne sarebbe nata una colluttazione, che ha visto l’aggressore tornare alla propria auto e prendere dal bagagliaio un fucile da sub, con il quale ha trafitto al petto il 23enne che cercava di separarli. Poi, l’omicida è scappato a bordo della sua vettura, mentre sul posto intervenivano i sanitari del 118 con un’eliambulanza e i carabinieri.

Tuttavia, grazie alle testimonianze della gente sul posto e alle immagini di videosorveglianza, è stato possibile rintracciare il responsabile, a pochi chilometri dal luogo del delitto. Pertanto, gli agenti immobilizzano Melloul Fatah, arrestandolo per l’omicidio di Klajdi Bitri. Al momento, egli è stato associato al carcere di Montacuto ad Ancona.

Cronaca

Il dramma di Vefa, uccisa a colpi di pistola dal marito geloso: caccia al responsabile

Pubblicato

il

Un vero e proprio dramma quello avvenuto ieri a Castelfiorentino, in provincia di Firenze, dove la 35enne Vefa Klodiana è stata uccisa con alcuni colpi d’arma da fuoco alla testa.

Secondo le prime informazioni, si tratterebbe dell’ennesimo caso di femminicidio, con il marito della vittima quale principale sospettato. Infatti, l’uomo era mosso da una forte gelosia nei confronti della donna, il che fa pensare che al culmine dell’ennesimo litigio abbia sparato alla madre dei suoi due figli.

Sul posto, sono intervenuti i sanitari del 118 e della Croce Rossa, i quali hanno soltanto potuto constatarne il decesso. Intanto, proseguono le ricerche del presunto assassino, fuggito a bordo della sua auto dopo l’omicidio, portando con sé l’arma del delitto.

Pertanto, il sindaco di Castelfiorentino Alessio Falorni, ha così commentato sui social:

“Purtroppo è accaduta da poco una sciagura in Castelfiorentino, zona Puppino. Una ragazza è stata uccisa, pare in seguito ad una lite. Sono sul posto assieme alle Forze dell’Ordine. È davvero presto per divulgare informazioni sull’accaduto e discutere le ipotesi, che sono tuttora al vaglio delle forze dell’ordine. È il momento del silenzio, e di stringersi attorno a una famiglia toccata da un avvenimento terribile”.

Continua a leggere

Cronaca

Giugliano, folle inseguimento nella notte: arrestato 23enne che guidava contromano

Pubblicato

il

Attimi di follia a Giugliano, dove intorno alle 4 di questa mattina una Citroen C3 percorreva via Madonna delle Grazie contromano e a forte velocità, venendo tallonata da una volante dei carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia locale.

A quel punto, ne nasce un folle inseguimento che dura per circa 2 chilometri, fino a quando la Gazzella dell’Arma non riesce a sbarrare la strada all’altezza del Corso Campano. Pertanto, il conducente del mezzo è stato identificato in Pierpaolo Napolano, 23enne di Mugnano di Napoli già noto alle forze dell’ordine.

Inoltre, nella sua auto, sono stati rinvenuti e sequestrati un grimaldello con punta modificata e una mazza di ferro, un jammer telefonico e un localizzatore Gps. Tuttavia, da successivi accertamenti è risultato che il veicolo fosse stato rubato poco prima a Vietri sul Mare, ed è quindi stato restituito al legittimo proprietario.

Al momento, l’arrestato dovrà rispondere di furto aggravato, resistenza a Pubblico Ufficiale e possesso di strumenti atti allo scasso.

Continua a leggere

Cronaca

Paura nel Napoletano, 39enne minaccia di morte l’ex compagna: arrestato

Pubblicato

il

Siamo a Pollena Trocchia, in provincia di Napoli, dove nella serata di ieri un uomo di 39 anni si è presentato a casa dell’ex compagna, dopo averla tempestata di messaggi minatori.

Pertanto, una volta giunto presso l’abitazione della donna, egli inizia a forargli i 4 pneumatici dell’auto e sfoga la sua furia sul parabrezza anteriore che viene infranto a pugni e calci. Poi, l’uomo arriva davanti alla porta d’ingresso ma non riesce a sfondarla, mentre la donna urla e chiama i carabinieri, mettendo in fuga il 39enne.

A quel punto, i militari della locale tenenza si mettono sulle tracce dell’aggressore, rintracciato e arrestato poco dopo nella sua casa di Cercola. L’arrestato è stato associato al carcere di Poggioreale in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy