Resta sintonizzato

Casavatore

CASAVATORE – TRA MAGGIORANZA FANTASMA E DEMOCRAZIA SOSPESA

Pubblicato

il

CASAVATORE – Una delle pagine più nere della politica locale: un esempio poco edificante di come NON debba essere il rapporto tra amministratori e cittadini. Dopo il rifiuto ad incontrare un gruppo di convenuti, non più di una ventina la cui intenzione, anticipata sui social e puntualmente riscontrata anche dal primo Cittadino, era semplicemente quella di consegnare allo stesso una petizione, la maggioranza, fatta eccezione per il Vice Sindaco ed un assessore, utilizzava infatti un ingresso secondario per aggirare il pacifico presidio (erano presenti anche le Forze dell’Ordine, in vista del Consiglio Comunale), sottraendosi letteralmente al confronto. La manifestazione naturalmente era stata regolarmente preavvisata alla Questura, ai sensi dell’Art. 18 del T.U.L.P.S., non era quindi presente “l’effetto sorpresa” a giustificare eventuali preoccupazioni.

L’esposizione della mozione dei consiglieri di opposizione, ad opera della consigliera Puzone del M5S, che rivendicavano l’applicazione dello Statuto Comunale nei punti relativi alla partecipazione popolare, veniva soffocata subito sul nascere dalla Presidente del Consiglio, senza possibilità di replica, quasi con fastidio, perché “non pertinente” e pertanto procrastinabile. La democrazia può attendere.

Nel regolamento è previsto, infatti, che nelle sedute destinate all’approvazione del bilancio non possano essere discusse questioni non inerenti all’ordine del giorno.

Approvazione del bilancio che, paradossalmente, non c’è stata, o meglio non completamente, con la richiesta di rinvio della seduta per l’evidente incapacità della maggioranza di approntare un documento in tempo utile in merito alla tariffazione, nonostante la diffida del Prefetto. Né possono valere le motivazioni, alquanto singolari, del rinvio stesso, attribuite ad improbabili sopraggiunte variazioni normative, atteso che sui 93 Comuni della Città Metropolitana solo 14 pare non abbiano ottemperato. Senza considerare che la prevista seduta di commissione per l’illustrazione del PEF e del bilancio, convocata prima dell’assemblea odierna, inspiegabilmente, non si è tenuta.

Il clima si è fatto rovente dopo le argomentazioni del Consigliere Palmentieri, le cui richieste di chiarimenti sono rimaste essenzialmente senza risposta o con evidenti lacune, generando palesi tensioni nella maggioranza.

L’imbarazzo dei vari funzionari d’area, chiamati a rispondere di pareri che attengono essenzialmente alla sfera politica, è apparso subito evidente. In tutto questo c’è da dire che, ancora una volta, fatta eccezione per un paio di interventi, l’intera maggioranza ha seguito in religioso mutismo tutta la seduta, limitandosi a rispondere all’appello o a sollevare timidamente l’avambraccio nelle occasioni di voto, tutte rigorosamente in solitaria e dall’esito scontato. Unico a riferire ovviamente, per l’argomento trattato, l’assessore al bilancio.

Ancora protagonisti la Puzone, che attribuiva al Sindaco un eccessivo ricorso ai tecnicismi e ai funzionari, evitando di sottoporsi alle necessarie risposte politiche, e Maglione, che ribadiva ancora una volta l’immobilismo dell’amministrazione e la scarsa attività istituzionale, nonostante sia trascorso quasi un anno dall’insediamento della classe dirigente. Notevoli anche gli interventi di Napolitano e Machiella, che sottolineavano il clima di scarsa democrazia esercitato dalla maggioranza con la forza dei numeri. Insomma, un’opposizione protagonista della scena, verso una maggioranza dominata da due soli consiglieri, sotto lo sguardo annoiato del Sindaco che evitava accuratamente di intervenire nella questione.

Unica nota positiva della seduta, l’annuncio inaspettato da parte del Consigliere Riccardi della RIDUZIONE delle tariffe TARI, tanto sbandierata in campagna elettorale, che sarà oggetto di revisione al ribasso, sempre a detta dello stesso consigliere, grazie alla regolarizzazione delle tariffe sulle pertinenze. Dettaglio non certo da poco, in un Comune sull’orlo del dissesto. Il tutto, pare, confermato dall’assessore competente. Una cosa è certa: SI PAGHERA’ MENO TARI.

A rovinare definitivamente la serata, è arrivata la dichiarazione di onnipotenza di un consigliere di maggioranza, che citava testualmente: “non siamo qui a chiedervi di votare per il rinvio o il bilancio, ci assumiamo noi tutte le responsabilità”. E ci mancherebbe. Non si capisce allora cosa si intenda per confronto politico. Del resto la matematica non è certo un’opinione. A questo punto non restava che abbandonare l’aula, mentre la politica tornava indietro di vent’anni, o meglio, di un ventennio.

Insomma, democrazia sospesa, in una Sala Consiliare trasformata da culla della stessa in feretro.

La diffida incombe, si torna in aula rimandati a settembre. Come a scuola. Speriamo che questa volta arrivino più preparati.

E anche oggi, i cittadini li ascoltiamo DOMANI. O mai.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caivano

Rapine tra Caivano, Frattamaggiore e Casavatore: scattano le manette dopo la condanna

Pubblicato

il

Rapine tra Caivano, Frattamaggiore e Casavatore: scattano le manette dopo la condanna.  Stamattina gli agenti della Squadra Mobile hanno rintracciato e arrestato, presso la sua abitazione in via Atellana a Caivano, Pasquale Bevilacqua, 51enne napoletano, in esecuzione di un provvedimento di carcerazione emesso il 10 gennaio dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli – Ufficio Esecuzioni Penali.

L’uomo è stato condannato alla pena di 5 anni e 4 mesi di reclusione per rapina, possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli, ricettazione e resistenza a Pubblico Ufficiale, commessi a Caivano, Frattamaggiore e Casavatore tra il 2009 e il 2013.

Continua a leggere

Casavatore

Terribile incidente alla rotonda di Casavatore, auto perde il controllo e si ribalta

Pubblicato

il

Spaventoso incidente quello avvenuto stamattina alla rotonda di Casavatore, nei pressi della pizzeria ‘Un posto al sole’. Un’auto, una Panda rossa, si è ribaltata per motivi ancora in fase di accertamento.

Sul posto le forze dell’ordine per ricostruire la dinamica del sinistro stradale. Ancora sconosciute, invece, le condizioni delle persone coinvolte nell’incidente. Al momento dell’impatto, però, tanta paura sia per l’automobilista che per i passanti che hanno assistito alla scena.

Continua a leggere

Casavatore

CASAVATORE – Tutti gli uomini del Presidente

Pubblicato

il

CASAVATORE – Tutti felici, ma non tanto.

E’ trascorso poco più di un mese dall’elezione del nuovo Sindaco, dott. Luigi Maglione, ad opera del ribaltamento del risultato da parte del Consiglio di Stato, e alla nuova Giunta manca ancora un pezzo. Il Pd ha espresso dalle proprie liste ben due assessori, il M5S un assessore e vice Sindaco, nominato un assessore anche per la lista “Punto e a capo”, mentre la rimanente lista “Alternativa per Casavatore”, forte di quasi 1200 preferenze, non ha ancora indicato la propria scelta per la relativa componente di Governo.

Qualcuno intravede in tale ritardo un certo malcontento, che serpeggia tra la maggioranza nonostante tutti gli interessati parlino di una vera e propria “love story” in atto, e di una compagine compatta ed agguerrita. Bocche cucite, insomma, su eventuali segnali di dissenso. Voci di corridoio narrano, però, di un certo stupore di alcuni rispetto alla decisione di riconoscere la carica più prestigiosa, quella di Presidente del Consiglio, ad una lista che ha collezionato risultati tutt’altro che dignitosi, fermandosi a meno di 600 voti.

Carica che verrebbe poi attribuita, se le voci dovessero essere confermate, a chi fu ritenuto, a torto o ragione, il promotore esterno, nel dicembre 2019, della sfiducia allo stesso Sindaco con relativa firma dal notaio. Sindaco che oggi avrebbe quindi non solo perdonato lo sgarbo, ma addirittura rilanciato l’offerta.

Nonostante il dott. Maglione avesse ben chiara la situazione già dallo scorso ottobre, sembra infatti che qualcosa sia cambiato, e qualche accordo venuto meno in corso d’opera. Quindi tutti contenti, o forse no, di questa nuova avventura che si preannuncia, secondo le intenzioni, una vera e propria rivoluzione.

Intanto martedì 23 novembre è prevista la nomina ufficiale dei Consiglieri comunali, a seguito delle conclusioni del seggio centrale nominato dalla Prefettura. Resta soltanto da vedere, al momento della scelta da operare nella prima seduta di Consiglio, quanti saranno gli uomini del Presidente. Fino ad allora, tutto può cambiare.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante