Resta sintonizzato

Calcio

Hamsik, l’entourage a Radio CRC: “Ruolo dirigenziale nel Napoli? Non nell’immediato…”

Pubblicato

il

 Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Martin Petras, entourage Hamsik “Lobotka? La Nazionale nostra è nell’ombra del Napoli, c’è stato Hamsik, poi Lobotka che è un giocatore importantissimo non solo per il Napoli, ma anche in Nazionale. Ora si deve riposare perché ha fatto una stagione in cui ha giocato più di 50 partite.  Sicuramente Lobotka è fondamentale nel gioco del Napoli, da quello che ho letto di Garcia, ci conterà anche lui. Di giocatori con le sue caratteristiche ce ne sono pochissimi in Europa o al mondo. È stato importante per il gioco di Spalletti e lo sarà anche per quello di Garcia che non credo cambi grandi cose. 

In questo ritiro anche mister Calzona sta facendo un grandissimo lavoro in Slovacchia, siamo partiti con 10 punti in 4 partite. In questo ritiro ha portato un nutrizionista dal Napoli. Mi ha detto che Lobotka è cambiato, è molto attento a quello che mangia e prende vitamine per recuperare le energie. È maturato ed è perfetto così. Futuro di Hancko a Napoli? È un ragazzo che conosco benissimo, è un giocatore importantissimo. Purtroppo in Italia non ci hanno creduto e ha fatto bene a tornare da noi. Al Feyenoord è diventato uno dei giocatori più importanti. Ha una valutazione alta, intorno ai 25 milioni e non è poco. È un professionista esemplare come Lobotka. 

Hamsik con un ruolo dirigenziale a Napoli? Sicuramente è legato al Napoli, penso che in questo momento abbia bisogno di staccare un po’ e stare a casa con i bambini. Poi per il futuro parlerà lui con il presidente, ma non credo possa tornare in un futuro immediato. Ha tempo per capire cosa vuole fare in futuro. Deve dedicarsi alla famiglia e poi capirà cosa andare a fare”.

Calcio

Calcio, il Napoli non va oltre lo 0-0 in casa del Bologna: polemica tra Garcia e Osihmen

Pubblicato

il

Ennesima battuta d’arresto per il Napoli, che non va oltre lo 0-0 sul campo del Bologna, in un match valido per la quinta giornata di Serie A. Azzurri convincenti nel primo tempo, con un ispirato Kvaratskheila a creare pericoli alla difesa rossoblù, che perde il suo diretto marcatore Posch per infortunio. Il palo colpito da Osihmen al 12esimo risulta l’occasione più ghiotta dei primi 45 minuti.

Nel secondo tempo, gli uomini di Garcia calano alla distanza, dopo aver sfiorato la rete con il georgiano e con il numero 9, fermati dal portiere Skorupski. Grande partita difensiva dei padroni di casa, mai realmente pericolosi se si eccettua l’occasione capitata a Zirkzee e neutralizzata in calcio d’angolo da Meret.

Tuttavia, il momento clou del match è intorno al 70esimo, quando l’arbitro fischia calcio di rigore a favore dei partenopei per un fallo di mano in area, ma dal dischetto Osihmen spara a lato nonostante avesse spiazzato il portiere.

In seguito, lo stesso bomber nigeriano, si è reso protagonista di un acceso scambio di opinioni con il tecnico Garcia, reo di averlo sostituito anziché tentare il modulo a due punte. Seguiranno le polemiche e l’intervento a placare gli animi del capitano Di Lorenzo, che davanti alle telecamere parla di “comportamento inappropriato” che non serve alla squadra in questo particolare momento.

Continua a leggere

Calcio

Bufera in casa Juventus: Paul Pogba trovato positivo al testosterone

Pubblicato

il

Una vera e propria bufera quella che si è abbattuta sulla Juventus nella giornata di ieri. Infatti, la notizia della positività del centrocampista Paul Pogba al testosterone, ha gettato ombre sulla società e rassegnazione su chi credeva ancora alla rinascita del francese.

In particolare, il ‘polpo’ sarebbe stato trovato positivo al test antidoping relativo al match della prima giornata di campionato contro l’Udinese, nel quale Pogba è rimasto in panchina.

Tuttavia, intorno alle ore 19 di ieri, è arrivato il comunicato del Tribunale Nazionale Antidoping:

“In accoglimento dell’istanza proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, è stato sospeso in via cautelare l’atleta Paul Pogba per violazione degli articoli 2.1 e 2.2; sostanza riscontrata: metaboliti del testosterone di origine non endogena”.

Pertanto, è intervenuta sulla questione anche Rafaela Pimenta, agente del calciatore transalpino, la quale ha così dichiarato:

“Attendiamo le contro-analisi, e fino ad allora non possiamo dire nulla. La cosa certa è che Paul Pogba non ha mai voluto infrangere le regole”.

Continua a leggere

Calcio

Calcio, tonfo del Napoli al Maradona: decidono Luis Alberto e Kamada

Pubblicato

il

Testa bassa e pedalare. Questo il diktat di Rudi Garcia dopo la disfatta con la Lazio, che ha messo in evidenza tutte le lacune di una squadra, quella partenopea, mai così in difficoltà come nella partita di ieri sera al Maradona contro l’ex Maurizio Sarri.

Primo tempo a due volti, con gli azzurri bravi a mettere pressione alla Lazio sin dalle prime battute, approfittando di una condizione mentale favorevole rispetto ai rivali, reduci da due sconfitte consecutive.

Tuttavia, i biancocelesti escono fuori alla distanza, entrando prepotentemente nel match con una magia di Luis Alberto, che beffa di tacco l’incolpevole Meret su invito di Felipe Anderson. Già, Felipe Anderson, vera e propria spina nel fianco per la difesa azzurra, capace di far impazzire la retroguardia avversaria con la sua velocità e i suoi dribbling, figli di una condizione atletica straripante.

Infatti, dopo il momentaneo pareggio di Zielinski, favorito da una deviazione fortuita di Romagnoli che beffa Provedel, gli ospiti mettono la freccia nella ripresa con il primo gol italiano di Kamada, che sfrutta una grande azione sull’out di destra del solito Anderson e il geniale velo di Luis Alberto, per insaccare il 2 a 1 con un sinistro chirurgico.

Di lì in poi è un monologo biancoceleste, che controllano senza affanni la partita, colpendo per altre due volte con Zaccagni e Guendouzi, gol entrambi annullati per fuorigioco. Napoli mai più pericoloso e con una difesa totalmente in balìa delle ripartenze laziali, che sente la mancanza di un leader come Kim e attende l’esordio del suo erede Natan, ad oggi ancora un oggetto misterioso.

Per fortuna, Garcia e il suo staff avranno tempo e modo per analizzare questa sconfitta, visto che ci sarà la sosta per le nazionali, che darà il tempo di riordinare le idee e ritornare con rinnovato entusiasmo.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy