Lega e Movimento 5 Stelle hanno trovato l’accordo per la nuova legge sulla Legittima Difesa.

La commissione Giustizia della Camera inizierà a votare gli emendamenti sulla Legittima Difesa mercoledì 16 gennaio.

L’intenzione è quella di portare il testo in aula i primi di febbraio.

La nuova legge sulla Legittima Difesa dovrebbe essere pronta per la fine del prossimo mese.

Ci sono moltissime novità.

Innanzitutto si riconosce “sempre” la sussistenza della proporzionalità tra offesa difesa se taluno legittimamente presente nell’abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi, usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere la propria o la altrui incolumità, i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo di aggressione“.

Quindi non sarà necessario che il ladro abbia un’arma in mano, ma sarà sufficiente la sola minaccia di utilizzo di un’arma (che non dovrà essere necessariamente rivolta alla persona).

Inoltre la sospensione condizionale della pena per chi ha commesso un furto in appartamento potrà andare solo a chi ha integralmente pagato l’importo dovuto per il risarcimento del danno alla persona offesa. Non sarà più come adesso che la sospensione scatta indipendentemente dal risarcimento pagato o meno.

Poi verranno inasprite le pene per la violazione di domicilio, il furto e la rapina.

La pena massima di carcere per la violazione di domicilio sarà di quattro anni, per il furto in abitazione e scippo invece si potrà ricevere un massimo di sei o sette anni di carcere.

Infine gli anni di carcere massimi per le rapine arriveranno fino a sette.

Rispondi