Resta sintonizzato

Cronaca

Violenze Carcere Santa Maria Capua Vetere. Le parole del Vescovo Battaglia: “Vicenda inaccettabile!”

Pubblicato

il

Le aggressioni commesse da alcuni agenti della polizia penitenziaria non solo sono una violazione della nostra Costituzione, ma rappresentano anche un vero e proprio uragano che ha travolto in modo grave tre comunità dei detenuti, traumatizzati e feriti dalla violenza ma anche danneggiati nel loro percorso educativo, quella della polizia penitenziaria, composta per la grande maggioranza da uomini e donne onesti, che adempiono lealmente il proprio dovere, spesso in condizioni di lavoro difficili e poco curate dal punto di vista psicologico, ma anche quella delle famiglie degli agenti coinvolti, anch’essa travolta dalle pagine di cronaca e provata psicologicamente dal timore di ritorsioni e vendetta” ha affermato il Vescovo Mimmo Battaglia.

Concludendo: “Sento il bisogno di invocare dal Signore per tutti la grazia di imparare da quanto accaduto affinché mai più si verifichino episodi del genere“.

Il Vescovo di Napoli ha definito quanto accaduto nel Carcere di Santa Maria Capua Vetere una “vicenda inaccettabile”. E’ infatti intervenuto sulla vicenda che vede tra i protagonisti tantissimi indagati tra le forze dell’ordine, nel mirino degli inquirenti per episodi di violenza sui detenuti, immortalati anche dalle telecamere di videosorveglianza del carcere.

Al momento sono 77 i dipendenti sospesi, quasi tutti agenti e dirigenti della polizia penitenziaria in servizio nel carcere, ma anche due vicedirettori del carcere e un vicecomandante di Polizia Penitenziaria.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Tragedia a Torino, famiglia di no-vax sterminata dal Covid

Pubblicato

il

TORINO – Salgono a quattro i morti per Covid-19 in una famiglia no vax di San Francesco al Campo, in provincia di Torino. Tra la fine di dicembre e i primi giorni del 2022 erano morti i nonni novantenni e il nipote di 42 anni, tutti colpiti dalle complicanze provocate dal coronavirus.

Venerdì scorso, 14 gennaio, si è spento all’ospedale di Ciriè (Torino) anche G.F., 69 anni. Il padre del 42enne da qualche giorno lottava contro le complicazioni provocate dal coronavirus nel reparto di terapia intensiva. Nessuno di loro si era sottoposto alla vaccinazione. E’ rimasta in vita solo la moglie del 69enne, guarita dopo essersi a sua volta ammalata di Covid.

Continua a leggere

Cronaca

Salerno, cerca di salvare il suo cane lanciandosi nella cisterna: muore 70enne

Pubblicato

il

SALERNO – Un 70enne di origini salernitane ha perso la vita nel tentativo di salvare quella del suo cane. Un nobile gesto il cui esito si è tramutato in un dramma che ha toccato il cuore di molti.

La tragedia è avvenuta nel pomeriggio in via Montagnella, nel piccolo comune della Costiera Amalfitana.

L’uomo, C.A, secondo una prima ricostruzione, si è lanciato nella cisterna del suo terreno nella quale era caduto l’amico a quattro zampe. L’uomo è morto annegato all’interno della vasca. Il cagnolino, invece è riuscito a salvarsi. Il decesso dell’uomo è stato accertato dal personale del 118 dopo che il corpo era stato recuperato dai vigili del fuoco del distaccamento di Maiori. La vasca di 45 metri cubi veniva utilizzata per la raccolta delle acque piovane in un terreno agricolo di sua proprietà. La ricostruzione dell’accaduto è stata effettuata dai carabinieri della compagnia di Amalfi.

Continua a leggere

Cronaca

Colpito alla gamba da una pallottola in pieno centro a Napoli: 39enne finisce in ospedale

Pubblicato

il

NAPOLI – Un 39enne è stato ferito alla gamba da un colpo di arma da fuoco. E’ successo a Napoli nella serata di sabato intorno alle 23. L’uomo si è recato autonomamente presso il pronto soccorso dell’ospedale Pellegrini.

Recatosi al pronto soccorso ha raccontato alle forze dell’ordine sopraggiunte di essere stato vittima di un tentativo di rapina nei pressi della sua abitazione nella zona di Montecalvario.

Il 39enne è stato dimesso e giudicato guaribile in 25 giorni. Sono intervenuti i Carabinieri della compagnia Napoli Centro, allertati dal personale sanitario, che hanno avviato indagini per accertare l’esatta dinamica di quanto accaduto.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante