Resta sintonizzato

Politica

Finisce in Parlamento il caso del biodigestore previsto a Napoli Est

Pubblicato

il

NAPOLI – Finisce in Senato il caso del biodigestore previsto in zona Napoli Est. Il parlamentare del Movimento Cinque Stelle Vincenzo Presutto ha presentato un’interrogazione, firmata insieme ai colleghi Donno, Trentacoste, Lorefice e Puglia, per chiedere conto ai ministri della Transizione ecologica e della Salute della realizzazione dell’impianto di smaltimento della frazione umida voluto dal Comune di Napoli.

“Il 4 dicembre 2021 – scrivono gli interroganti – il Consiglio comunale ha approvato un finanziamento di 22.6 milioni di euro per la costruzione di un biodigestore a Napoli est, destinato al recupero di biometano per un massimo di 30mila tonnellate. Il biodigestore sarà il primo dei tre previsti. Gli altri due verranno dislocati a Napoli nord e a Napoli ovest. Tuttavia, essi non basteranno comunque a rendere autosufficiente la città rispetto alle esigenze di smaltimento delle eccedenze di umido“.

“La scelta di Napoli est – prosegue la nota dei quattro senatori – oltre ad aver avuto parere contrario da parte della Soprintendenza, appare, a giudizio degli interroganti, oltremodo incauta e pericolosa per le caratteristiche dell’area, dichiarata sito di interesse nazionale (SIN), quindi da considerarsi un territorio fragile, che ancora soffre per la mancata attuazione di bonifiche attese da tempo. I SIN rappresentano delle aree contaminate molto estese classificate come pericolose e che necessitano di interventi di bonifica del suolo, del sottosuolo o delle acque superficiali e sotterranee. Nella zona orientale di Napoli si muore più che altrove per patologie tumorali riconducibili all’inquinamento ambientale frutto di una selvaggia industrializzazione prima, e della mancata attuazione dei necessari interventi di bonifica poi”.

“L’impianto, infatti, per sua natura, unisce una fase aerobica e una fase anaerobica. Questa seconda lavorazione, che avviene in assenza di ossigeno, è utile ad accelerare il processo di decomposizione dell’umido, ma ha lo svantaggio di produrre uno scarto di lavorazione, il percolato, che si configura come un vero e proprio rifiuto e va trattato per essere smaltito. L’impianto, inoltre, produce biogas che nelle intenzioni del Comune dovrebbe essere usato per la trazione dei mezzi di ASIA. Il biogas necessita di essere raffinato prima di essere utilizzato, con tutte le conseguenze del caso”.

“Appare evidente – conclude l’interrogazione – come il danno che tale scelta produrrà sul territorio di Napoli est non potrà mai essere controbilanciato dai ristori previsti per i cittadini, evidentemente lesi dalla stessa scelta, in termini di agevolazioni sul costo della tariffa sui rifiuti”, ha concluso.

Politica

Casoria, Rosario Poliso è il nuovo assessore al Bilancio

Pubblicato

il

CASORIA (NA) – A seguito della cattiva gestione delle amministrazioni precedenti, il Sindaco Raffaele Bene punta sul Prof. Rosario Poliso per dare slancio alla programmazione finanziaria dell’Ente. Il noto professionista napoletano è considerato dagli addetti ai lavori un vero esperto quando si parla di Enti Locali. E il suo curriculum parla chiaro: docente a contratto alla Università degli Studi di Salerno in Economia Aziendale Pubblica,  revisore dei conti in diversi Comuni; esperienze maturate quale componente di organismi di valutazione della performance dirigenziale, autore di innumerevoli pubblicazioni e relatore a numerosissimi convegni e seminari.

Tra le sue esperienze figura anche un precedente analogo incarico: nel 2016 fu scelto dall’allora Sindaco Monopoli proprio per affidargli la delega al Bilancio. Ed anche in quella occasione, ebbe modo di dimostrare le sue capacità professionali, mettendo a nudo, purtroppo, i “veri” conti dell’ente in pochi mesi; una situazione che condusse ad un inevitabile dissesto.

Un dissesto finanziario che fu definito dallo stesso Poliso come il riflesso di una macchina comunale priva di adeguata organizzazione e frutto di una mala gestio. L’ex Sindaco Monopoli non sbagliò assessore, anzi ebbe un grande intuito: quello di affidarsi ad una persona esperta, seria e competente. Allora, non ci resta che augurare al nuovo assessore della città di Casoria un buon lavoro.

Continua a leggere

Acerra

ACERRA. Presentate le liste. Ruotolo segretrario Siamo Acerra: “Una squadra con alta esperienza amministrativa”

Pubblicato

il

ACERRA – Il 12 giugno si terranno le elezioni amministrative ad Acerra. I seggi saranno aperti la sola giornata di domenica, dalle ore 7 alle 23. Il turno di ballottaggio eventuale si terrà il 26 giugno.

Intanto sono state presentate le liste con i candidati. Per il centrodestra ci sarà la coalizione “Il Cambiamento, Davvero” del candidato a Sindaco Vincenzo Crimaldi.

Il candidato a Sindaco Andrea Piatto guiderà la coalizione di centrosinistra “X Acerra unita”, in cui troviamo il PD e il Movimento 5 Stelle.

Infine ci sarà la coalizione dell’Amministrazione uscente con Tito d’Errico candidato a Sindaco, definito dall’ex sindaco Raffaele Lettieri come l’unico candidato che continuerà a garantire solo gli interessi della Comunità e della popolazione di Acerra.

Sono dieci le compagini civiche della coalizione di D’Errico: “Acerra Cresce”, “Acerra Popolare”, “Movimento Cittadino Fare”, “Acerra Libera”, “Siamo Acerra”, “Iniziativa Democratica Acerra”, “Azione Acerra”, “Acerra Europa Verde”, “Acerra al Centro”, “Acerra Insieme”.

Davanti ai nostri taccuini Carmine Ruotolo segretario della lista Siamo Acerra che ha commentato: “Stamattina ci siamo recati presso il Comune di Acerra per presentare la nostra proposta politica che concorrerà alle amministrative del 12 Giugno 2022 con gli alleati delle coalizione guidata dal candidato Sindaco il Dott. Tito D’Errico. La nostra squadra è composta da persone che amano Acerra e che vogliono mettersi al servizio della comunità. Una squadra con esperienza amministrativa e professionale, che negli ultimi mesi ha messo su insieme agli alleati un programma elettorale per iniziare un percorso da qui ai prossimi cinque anni. Tante idee ma soprattutto tanto entusiasmo con la consapevolezza che la città ha bisogno di una classe politica seria e responsabile. Voglio ringraziare e fare un in bocca a lupo a tutti i candidati di Siamo Acerra, ringraziare tutto lo staff organizzativo e i tanti amici che ci sostengono”.

Continua a leggere

Politica

Galleria Umberto I, guardia notturna e chiusura di alcuni varchi: queste le ipotesi al vaglio del Comune

Pubblicato

il

NAPOLI – Servizio di guardia notturna e possibilità di chiudere alcuni varchi di accesso: sono state queste le ipotesi al vaglio del Comune di Napoli per la messa in sicurezza della Galleria Umberto.

La situazione della Galleria, storico sito monumentale napoletano, soprattutto nelle ore notturne è da tempo motivo di discussione. Secondo le ultime considerazioni, il servizio di guardiania notturna dovrebbe essere attivato per un periodo di prova di sei mesi con spese a carico dei condomini e con il sostegno contributivo degli imprenditori dell’associazione Aicast e della Banca d’Italia. E’ stato inoltre presentato il progetto di implementazione e adeguamento della videosorveglianza del sito.

Alla riunione hanno partecipato gli assessori all’Urbanistica, Laura Lieto, alla Polizia Municipale ed alla legalita’, Antonio De Iesu, il capo di gabinetto del sindaco, Maria Grazia Falciatore, il soprintendente Archeologia, Belle arti e paesaggio, Luigi La Rocca, il presidente della Camera di Commercio, Ciro Fiola, la presidente dell’Aicast, Liliana Langella, il vicepresidente di Confcommercio, Luigi Muto, un rappresentante della Zona Telecomunicazioni Campania Molise, Andrea Affinito, e gli amministratori di alcuni dei condomini che insistono nella Galleria.

Il sindaco Manfredi, secondo la nota abituale, “ha confermato l’impegno fattivo dell’Amministrazione sulle rispettive competenze. A breve saranno infatti effettuati sopralluoghi sul lucernario per verificare i lavori da realizzare”. Il progetto di implementazione e adeguamento della videosorveglianza sara’ realizzato dalla Zona Telecomunicazioni Campania Molise. Tutti gli intervenuti, e’ scritto nella nota della Prefettura, “hanno condiviso l’esigenza di formalizzare i rispettivi impegni in un verbale di intesa che sara’ esaminato nel corso della prossima settimana, da sottoscrivere entro il mese di maggio”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante