Resta sintonizzato

Coronavirus

Dolore in Campania per Michele, vittima del Covid a soli 24 anni

Pubblicato

il

Dramma nel Salernitano per la scomparsa di Michele, un ragazzo di soli 24 anni deceduto a causa del Covid. Il giovane, di origine indiana, viveva ad Altavilla Silentina ma lavorava presso un caseificio di Eboli. Risultato positivo al virus circa due settimane fa, dopo 7 giorni era stato ricoverato presso il Covid Hospital di Agropoli. Purtroppo, come riportato da fanpage.it, non ce l’ha fatta. Tantissimi i messaggi di cordoglio apparsi in queste ore sui social, con l’intera comunità che lo ricorda con grande affetto.

“Il tempo non potrà mai farci dimenticare questo sorriso, il tuo essere unico. Il destino è stato crudele nei tuoi confronti, ma noi tutti avremo per te sempre un posto nel nostro cuore e nella nostra mente in modo da far vivere per sempre la tua bellissima persona. Ciao Michele”, si legge sulla pagina del caseificio in cui lavorava Michele.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Coronavirus

Covid Campania: 1.431 positivi, il bollettino di oggi 16 Maggio

Pubblicato

il

L’Unità di Crisi della Regione Campania, come di consueto, ha trasmesso l’aggiornamento covid quotidiano. Sono 1.431 i nuovi positivi a fronte di 9.836 test effettuati.

Il tasso di positività è del 14,54% in calo rispetto a ieri quando si attestava al 15,7%. Se ieri si contavano 0 decessi oggi invece se ne registrano 9. Invariato resta il numero dei ricoverati in area medica mentre cala quello dei pazienti in terapia intensiva.

Continua a leggere

Coronavirus

Covid Campania: 3.653 positivi, il bollettino di oggi 13 Maggio

Pubblicato

il

L’Unità di crisi della Regione Campania ha trasmesso il bollettino sulla situazione covid relativo alla giornata di oggi, venerdì 13 maggio 2022. Sono 3.653 i positivi del giorno a fronte di 21.152 tamponi effettuati per un tasso di positività del 17,27%, in leggero calo rispetto al 17,52% di ieri. I deceduti sono sei, di cui  5nelle ultime 48 ore e un morto in precedenza ma registrato ieri. I posti in terapia intensiva occupati sono 37, due in più rispetto a ieri, ma diminuiscono quelli occupati in degenza ordinaria di altri 17.

Continua a leggere

Coronavirus

Covid-19 in Corea del Nord, parla Bassetti: “Rischio simile al 2020, la vaccinazione fa la differenza”

Pubblicato

il

Il direttore della Clinica di Malattie Infettive del Policlinico San Martino di Genova, Matteo Bassetti, ha parlato su Twitter della nuova ondata di contagi che ha colpito questa volta la Corea del Nord. Ecco le sue parole:

“Sei morti e decine di migliaia di casi di Covid-19 da variante Omicron, in Corea del Nord. Si rischia una catastrofe simile a quella del 2020. Chi non si è vaccinato può già capire, sempre che lo voglia, i danni di Omicron in un Paese senza vaccini. Buona visione”.

Poi, il noto infettivologo commenta i dati dello studio sul Long Covid pubblicati su ‘The Lancet Respiratory Medicine’, nel quale si evidenzia come più della metà di chi è stato ricoverato per il virus, presenta dopo 2 anni ancora almeno un sintomo della malattia:

“Sono impressionanti, ma sono riferiti alla prima ondata della pandemia. Anche noi abbiamo lavorato sulle conseguenze a breve e lungo termine della malattia da Covid-19: gli ex pazienti lamentano stanchezza, problemi di memoria e anche problemi respiratori. Ma la domanda che dobbiamo porci è quella riferita all’arrivo dei vaccini, perché chi ha avuto il Covid-19 da vaccinato, non ha la stessa sintomatologia di un non vaccinato. E questo sembra valere anche per il post Covid-19, mentre i guariti non vaccinati, hanno avuto strascichi simili a chi ha avuto la polmonite a marzo-maggio e a ottobre-dicembre 2020. Quindi, lo spartiacque è la vaccinazione”.

Infine, conclude: “Forme di Long Covid-19 e post Covid-19 importanti, le vediamo oggi in chi non è vaccinato. Che arrivino fino a 2 anni mi sembra un po’ tanto, ma ne prendiamo atto. Lo studio dimostra che questo è un virus aggressivo, che causa una malattia grave perché c’è un’interazione tra virus e sistema infiammatorio. E’ una malattia infettivo-infiammatoria, non classica, e questa sinergia crea più danni. Dallo studio cinese arriva un messaggio chiaro:

“La vaccinazione fa la differenza”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante