Resta sintonizzato

Salute

Essere sedentari da bambini aumenta il rischio di infarto da adulti: ecco i dati della ricerca

Pubblicato

il

Secondo uno studio dell’Università della Finlandia orientale, il rischio di infarto e ictus da adulti è strettamente correlato a quanto ci siamo mossi durante l’infanzia e l’adolescenza.

In particolare, lo studio ha dimostrato che la sedentarietà da bambini e ragazzi ha ripercussioni sul cuore in età adulta, anche in soggetti con peso e pressione sanguigna normale. Infatti, secondo i dati Istat, sarebbero circa 2 milioni i bambini che nel nostro Paese non praticano sport né attività fisica.

Pertanto, il presidente della Società Italiana di Cardiologia, nonché Professore ordinario di Cardiologia e direttore della scuola di Specializzazione in Malattie dell’Apparato Cardiovascolare all’Università di Napoli Federico II, Perrone Filardi, ha così spiegato:

“I ricercatori hanno rilevato che l’eccessiva sedentarietà, oggi molto diffusa nei bambini e negli adolescenti, appesantisce letteralmente il cuore. Studi precedenti condotti su adulti hanno dimostrato che un cuore più pesante da adulti aumenta le probabilità di infarto e ictus. I bambini e gli adolescenti quindi, dovrebbero muoversi di più per proteggere la loro salute cardiaca futura”.

A tal proposito, arriva il commento di Alberto Villani, responsabile di Pediatria Generale e direttore dell’Istituto per la Salute del Bambin Gesù di Roma:

“Lo studio finlandese è molto interessante e arricchisce un consolidato bagaglio di conoscenze sull’importanza dello stile di vita per il benessere di ogni individuo. L’epigenetica, la scienza che ha dimostrato come i comportamenti e l’ambiente siano in grado di modulare il patrimonio genetico, ha evidenziato l’importanza di investire sull’età evolutiva per migliorare la qualità e la lunghezza della vita. I pilastri del benessere sono rappresentati da una regolare attività motoria (ludica o sportiva), che significa anche semplicemente camminare, salire e scendere le scale, correre in un prato, fare giochi all’aria aperta. A questa sana abitudine va aggiunta una corretta e varia alimentazione (privilegiando la dieta mediterranea), un sonno adeguato per durata e qualità e la regolarità intestinale. Instaurare delle buone abitudini sin da piccoli, rispettare alcune semplici regole, permettono di vivere più a lungo e in buona salute”.

Salute

Pascale di Napoli, due ricercatrici in cattedra alla Bocconi con i progetti su telemedicina e assistenza domiciliare

Pubblicato

il

La telemedicina e la delocalizzazione delle cure per ridurre la distanza tra medico e paziente, migliorare la qualità della vita dell’ammalato e dei suoi familiari, ottimizzare l’assistenza sanitaria.
È la sanità nell’era dell’intelligenza artificiale raccontata alla Bocconi School of Management da due giovani oncologhe del Pascale, Fernanda Picozzi e Claudia von Arx. I loro progetti sono stati selezionati tra le centinaia di progetti presentati da candidati provenienti da ogni parte di Italia.

Il progetto della giovanissima Fernanda Picozzi parla di Digital health e dei virtual Multidisciplinary Tumor Boards nella gestione dei pazienti con tumori rari, in particolare con neoplasie epiteliali timiche. Mira a favorire una migliore qualità di cura ed assistenza ai pazienti. La telemedicina consentedi assistere i pazienti ovunque essi siano e migliorare la capacità di diagnosi e di cure terapie. 

Claudia von Arx ha invece discusso di domiciliarizzazione/delocalizzazione delle cure sottocute coadiuvato da una app con intelligenza artificiale volta a gestire da remoto effetti collaterali e sintomi legati alla patologia di base. 

Per il direttore generale dell’Irccs partenopeo, Attilio Bianchi, i due progetti presentati alla Bocconi «sono estremamente interessanti e dimostrano ancora una volta la prospettiva fortemente innovativa nella quale si proietta la ricerca del Pascale».



(fonte: ilmattino.it)

Continua a leggere

Attualità

Intervento con endopotresi eseguito con successo al ‘Moscati’ di Avellino

Pubblicato

il

All’ospedale “San Giuseppe Moscati” di Avellino è stato eseguito un delicato intervento totalmente endovascolare per rimuovere un aneurisma aortico ad un paziente di 77 anni, residente in provincia di Benevento. E’ il primo intervento di questo genere effettuato nel Mezzogiorno d’Italia.

L’operazione è stata eseguita dall’equipe di chirurgia vascolare diretta da Loris Flora, è riuscita perfettamente.

Il paziente dopo 48 ore di osservazione è stato trasferito in reparto e dimesso cinque giorni dopo.

L’endoprotesi è una innovativa tecnica alternativa alla chirurgia tradizionale che prevede l’incisione diretta del torace per rimuovere la dilatazione di un tratto dell’aorta che può provocare la rottura della parete e dar luogo ad una emorragia interna che spesso risulta fatale.
Flora ha chiesto e ottenuto dall’azienda produttrice dell’impianto l’autorizzazione a procedere, che viene rilasciata soltanto se il personale medico e paramedico è in possesso di adeguata formazione e di specifiche esperienze.

Continua a leggere

Salute

Covid e influenza, Moderna annuncia l’arrivo del vaccino bivalente

Pubblicato

il

Un unico vaccino ambivalente per Covid-19 ed influenza con tasso di protezione migliore per entrambi i tipi di virus rispetto ai vaccini singoli.

Questa è la promessa di Moderna. La casa farmaceutica del Massachusetts ha reso noto di aver terminato la terza fase dei test clinici per il farmaco basato sulla tecnologia mRNA, che potrebbe arrivare sul mercato statunitense una volta approvato dalla Food and Drug Administration (FDA).

I vaccini ambivalenti sono spesso difficili da produrre e funzionano peggio rispetto alla somma dei singoli antidoti. Ma grazie alla tecnologia mRNA, con la quale è stata sviluppata anche buona parte dei vaccini contro il Covid, Moderna afferma di aver trovato un modo efficace di combinare più antidoti in uno.

Poter inserire diverse istruzioni nello stesso farmaco permette di eliminare il rischio che le sostanze chimiche necessarie nei vaccini tradizionali reagiscano tra loro quando questi vengono combinati.


(fonte: open.online)

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy