Resta sintonizzato

Afragola

AFRAGOLA. La vineria di Corso Garibaldi riceve un’altra visita della Polizia Locale. Altro esito negativo del controllo.

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Non cessa la diatriba ad Afragola tra la famiglia Trimarchi e l’attività commerciale sotto casa. Stamattina verso le ore 13:00 la rinomata vineria ha ricevuto l’ennesima visita della Polizia Locale, accorsi dietro segnalazione “anonima” a loro dire. Nel nome “dell’assenza delle istituzioni” gli agenti della Polizia Locale afragolese non solo non sanno che alle telefonate anonime, per legge, non va più dato seguito ma con il loro atteggiamento, dato che i controlli sono svolti sempre per le stesse motivazioni, ottenendo anche sempre lo stesso esito, possono rischiare anche una denuncia per “stalking amministrativo”.

Ebbene si, anche gli agenti sono degli esseri umani e anche loro possono abusare del proprio ruolo. L’ennesima visita delle forze dell’ordine di stamane ha sortito lo stesso effetto: “NEGATIVO”. La vineria tanto discussa resta inscalfibile. Le “carte sono apposto” come amano sentir dire a queste latitudini. A questo punto non ci resta che addurre tale comportamento di chi fa queste segnalazioni frutto di chi, ultimamente, per motivi personali o per interessi amicali non disdegna di farsi vedere tranquillamente colloquiare per strada con chi gli è rimasto un solo obiettivo: far chiudere quella vineria!

Ci riusciranno? A questo punto, visto l’accanimento, per afragola e gli afragolesi si spera proprio di no. Si creerebbe un precedente pericolosissimo per la città e per l’intera comunità, relegandola per sempre all’immagine di una città dormitorio che avantaggia la criminalità organizzata col suo silenzio, con la sua desertificazione e con le sue luci spente.

Purtroppo la situazione è degenerata fino al punto da far scappare il morto. Ma quando si è avuta la genesi di questa guerra che finora vede una sola combattente, ossia la famiglia del povero Trimarchi che molto spesso, ammonendo i vari commentatori social con diversi epiteti, si lascia andare anche ad affermazioni fuorvianti, false e capziose, come quella in cui ha asserito di aver vinto tutti i contenziosi aperti con la vineria? É giusto informare i lettori, sempre per onore della verità, che ad oggi un solo contenzioso è stato sentenziato, in primo grado, non ancora passato ingiudicato ed è quella relativa alla querela sporta dal commerciante in merito ad un evento poco gratificante dal punto di vista dell’immagine del povero suicida.

Il povero Trimarchi, sicuramente afflitto anche da altri problemi, sui social mai menzionati ma da lui esposti nel suo post di addio, in una serata, forse stressante, decise di riempire dei secchi di urina di cani – nell’abitazione sono presenti diversi cani poiché la figlia, forse, li alleva in maniera “amatoriale” – oli esausti e altri liquidi nauseabondi, e li riversa dal primo piano sui tavoli della vineria sottostante addosso ai clienti dell’attività mentre questi, ignari, erano intenti a consumare il proprio aperitivo. La giudice che ha emesso sentenza ha assolto il Trimarchi e la moglie ma solo perché ha ritenuto il reato di lieve – tenue – entità ma nella redazione della sentenza si legge a chiare lettere che: “i coniugi Trimarchi vengono riconosciuti come responsabili del reato per il quale sono stati denunciati”.

Ora non spetta a noi fare i giudici o tirare somme. É evidente che la situazione sia degenerata al punto tale da indurre il Trimarchi a farla finita, forse per gli stessi motivi che lo hanno spinto a buttare giù, addosso a poveri innocenti, urina di cani ma da qui ad accanirsi su un esercente commerciale che l’unico peccato che ha è quello di gestire un’attività che aggrega ragazzi liberi e spensierati che forse alzando un po’ la voce possano arrecare disturbo a chi vorrebbe vivere alla stregua dei valsusini ce ne vuole. Se poi ci si mette anche qualcuno che forse, in un’altra vita, avrebbe voluto essere considerato il Max Weber di Casuobboco, allora è normale che una questione, seppur tragica dal punto di vista del finale, stenta a finire con il pericolo che possa accadere qualche altro triste o imbarazzante evento.

Alla fine è vero che chi vorrà dormire la notte, fermo restando che può dormire tranquillamente oltre le proprie fisime, lo potrà fare ma bisogna stare attenti anche a non morire dentro. Riflettete, voi che potete…

Continua a leggere
Pubblicità

Afragola

Rapinarono una tabaccheria di Caserta, individuato uno dei tre malviventi: è di Afragola

Pubblicato

il

Nella giornata di oggi, i Carabinieri della Compagnia di Caserta hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di misura coercitiva emessa dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta di questa Procura, nei confronti di una persona residente ad Afragola.

I fatti risalgono al 20 settembre di un anno fa, in cui tre soggetti furono protagonisti di una rapina a mano armata ai danni di una tabaccheria casertana.
L’ordinanza di custodia cautelare costituisce l’epilogo di una complessa attività investigativa avviata nell’ immediatezza a seguito dei fatti, coordinata da questa Procura e condotta dai Carabinieri della Compagnia di Caserta, sia con attività d’intercettazione telefonica sia con mirati servizi di osservazione e pedinamento.

Le indagini, in particolare, hanno consentito di ricostruire l’esatta dinamica delittuosa.
In particolare, uno dei due soggetti si è occupato del reperimento delle armi e del veicolo utilizzato per la rapina, intestato a prestanome, mentre gli altri hanno concorso materialmente nel compimento del reato.
Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari, così l’odierno indagato è da ritenersi innocente fino a sentenza definitiva e la misura cautelare è stata adottata senza il contraddittorio che avverrà innanzi al Giudice terzo che potrà anche valutare l’ assenza di ogni forma di responsabilità in capo allo stesso.

Continua a leggere

Afragola

Colpi a “Le porte di Napoli” di Afragola tra gioiellerie e supermercati: 3 persone in manette

Pubblicato

il

Sarebbero, a detta degli inquirenti, rapinatori di gioiellerie, le tre persone fermate dai carabinieri di Afragola. E’ accaduto nel pomeriggio di ieri.

I fermati sono ritenuti responsabili, in concorso, della rapina avvenuta il 13 maggio scorso nel centro commerciale “Le porte di Napoli” di Afragola ai danni della gioielleria “Auri Tempore”, nonché della pianificazione di una seconda rapina prevista per ieri mattina ai danni della gioielleria del supermercato “Piccolo” di Pomigliano d’Arco.
Sono accusati anche di ricettazione, detenzione e porto abusivo di arma da fuoco.

Le indagini, condotte dalla stazione carabinieri di Afragola e dirette dalla procura di Napoli Nord, hanno permesso di conoscere nei particolari l’organizzazione della banda.
In prima battuta venivano eseguiti degli accurati sopralluoghi, che avevano l’obiettivo di verificare la presenza e la posizione delle telecamere di videosorveglianza nonché le possibili vie di fuga dopo il colpo. Successivamente il gruppo si procurava delle auto rubate (solitamente Fiat Panda) che, durante gli assalti, venivano fatte precedere da un’auto staffetta non rubata e di proprietà della moglie di uno degli arrestati. La banda si procurava poi armi finte (tra cui due pistole e un kalashnikov) e maschere in silicone per coprire i loro volti.

Continua a leggere

Afragola

Dramma a Casoria, malore sulla Sannitica mentre era sullo scooter con la moglie: morto professore 47enne

Pubblicato

il

Colto da malore mentre era alla guida del motorino. Una tragedia consumatasi nella mattinata di domenica sulla Statale Sannitica. A perdere la vita è Vincenzo Vitolo, che stava percorrendo il tratto insieme alla moglie, in sella al veicolo.

L’uomo aveva 47 anni, insegnante di arte e tatuatore. «Ciao Enzo» accompagnata dall’immagine di una candela, così questa mattina i profili social della scuola media Rocco di Afragola sono dedicati al giovane professore: «Con profondo dolore, tutta la nostra comunità scolastica piange la perdita del professore. Buon viaggio amico carissimo sarai sempre nel nostro cuore e in quello di tutti i tuoi alunni».

Sul posto sono intervenute pattuglie della polizia municipale, che hanno eseguito i rilievi.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy